Prendi il volo: recensione del film della Illumination Entertainment

Un riuscito, piacevole e divertente film di animazione per grandi e piccini, che mette in scena le normali dinamiche di una famiglia tradizionale

2 min read
Prendi il volo: recensione del film della Illumination Entertainment

I Mallard sono una simpatica famiglia di anatre, che vive in uno stagno nel New England. Il padre, Mack, è iperprotettivo ma felice che i suoi amati vivano nelle stagnanti ma sicure acque del laghetto. La sua compagna Pam è molto meno entusiasta della situazione e vorrebbe dare una svolta alla propria vita.

Arrivano delle anatre migratorie, che fanno tappa nello stagno dei Mallard. Dax e Gwen, i due figli della coppia pennuta, si precipitano a socializzare con i nuovi venuti, ma Mack stronca con freddezza gli approcci dei suoi virgulti, suscitando la reazione della sua compagna, che la pensa molto diversamente.

Nello stagno del New England volano stracci, e alla fine Mack cambia idea: si parte per la Giamaica! Alla famigliola si aggrega il pigro e scorbutico zio Dan, e l’avventura comincia: i cinque pennuti prendono il volo e si lasciano alle spalle il loro laghetto.

Ovviamente ci saranno parecchi ostacoli sul loro percorso…

Prendi il Volo - i cinque protagonisti del film

Prendi il volo: un piacevole e riuscito film di animazione per famiglie

Il film è decisamente ben fatto, e mette in scena in modo divertente e simpatico le normali dinamiche di una famiglia tradizionale, con al centro i consueti attriti tra genitori sul modo migliore per crescere i figli e, naturalmente, il rapporto conflittuale tra nuove e vecchie generazioni.

Il tema centrale è la necessità di affrontare le proprie paure per crescere e, in definitiva, realizzare sé stessi. Un processo che interessa tutti i membri della famiglia Mallard, che si mettono in gioco fino in fondo per cambiare la loro vita e migliorarsi. Prendendo il volo, appunto.

E avranno molte occasioni per farlo, grazie all’incontro con una variopinta varietà di pennuti, in molteplici e accattivanti contesti, e con il cattivone di turno, un cuoco spietato, specializzato nella cottura di anatre all’arancia.

I personaggi sono tutti molto ben caratterizzati e descrivono il loro bell’arco narrativo, senza cadute di ritmo significative, grazie a una storia molto ben disegnata, con ottimi effetti visivi e popolata di vicende gustose, senza eccessi e smagliature.

Facile che tutti i membri del pubblico, grandi e piccini, possano identificarsi con i membri della famiglia Mallard, godendosi insieme questo riuscito e piacevole film di animazione per famiglie.

La Illumination Entertainment, dopo i successi di Cattivissimo Me e dei Minions, sembra avere fatto nuovamente centro con questo Prendi il Volo.

Da vedere. Al cinema. In famiglia.

Prendi il Volo - trailer ufficiale

Related Articles