1

Ottimi Solenghi e Micheli in “l’apparenza inganna” al Teatro Contrada di Trieste

Una  coppia di comici fra i più amati dal pubblico tornano insieme nella commedia andata  in scena al Teatro Contrada ieri sera. Si tratta di Tullio Solenghi e Maurizio Micheli in “L’apparenza inganna”, scritta dal francese Francis Veber, e riadattata dagli stessi Micheli e Solenghi, per la regia di quest’ultimo. La trama si sviluppa sulla falsariga del famoso film interpretato oltre dieci anni fa da Gerarde Depardieu e narra la storia  di un contabile diligente e uomo mite senza qualità, François Pignonche lavora per un’azienda di produzioni derivanti dal caucciù, preservativi in primis. Sfortunatamente, è stato deciso il suo licenziamento, la qual cosa, unitamente al divorzio dalla bella moglie di cui è ancora innamorato e al fatto che il figlio diciassettenne non lo considera minimamente, lo porta a contemplare il suicidio. Il suo vicino lo ferma

I protagonisti Micheli e Solenghi

in tempo, dando via a una serie di eventi che cambieranno totalmente la sua vita e persino il suo carattere: il primo passo è quello di fingersi gay, in modo da spingere la dirigenza a non procedere al licenziamento per paura di mobilitare le associazioni omosessuali. L’idea per quanto assurda ha successo su tutti i fronti e ribalta completamente le sorti del povero Pignon, in ufficio, nella società e anche nella vita privata, trasformandolo da oscuro contabile a icona del movimento omosessuale, con tutte le esilaranti conseguenze del caso. Gli altri intrpreti sono Massimiliano Borghesi, Sandra Cavallini, Paolo Gattini, Adriano Giraldi, Fulvia Lorenzetti, Matteo Micheli e Enzo Saturni. Le scenografie sono state ideate da Alessandro Chiti, mentre i costumi sono di Andrea Stanisci, le musiche di Massimiliano Forza, arrangiate da Fabio Valdemarin, e il disegno luci di Bruno Guastini. La nuova produzione è della Contrada-Teatro Stabile di Trieste. Come lo stesso Solenghi ci ha spiegato “ il lavoro prodotto sul progetto che per fortuna non ha risentito dei 10 anni trascorsi, visto che le tematiche affrontate, allora ancora in embrione, sono oggi di dominio pubblico. Mobbing, Disoccupazione, Discriminazione sessuale, Omofobia, Stalking, sono ahimè argomenti dell’oggi, soprattutto dell’Italia di oggi, e questo restituisce al testo una efficace attualità.” La versione teatrale che ne è derivata  dalla sceneggiatura, ha tenuto conto di una inevitabile “italianizzazione” di ambienti e personaggi. Del taglio cinematografico il regista Solenghi ha voluto mantenere la frammentarietà del racconto, con una specie di montaggio teatrale, con scene che si susseguono a ritmo incalzante, caratteristica comune di molte messe in scena del teatro attuale. Sembra che l’attenzione primaria è sempre verso lo spettatore per far si che la sua costante attenzione non deve mai cedere alla noia a discapito dell’efficacia del racconto. Un racconto che appare reale, coinvolgente e al tempo stesso esilarante, come spesso accade nelle scene e nei personaggi dell’Apparenza inganna.

Il Cast che accompagna il duo comico nello spettacolo

La coppia di attori sembra vivere in mezzo al pubblico coinvolgendolo in un processo di identificazione dove lo spettatore si immedesima nelle avventure dei protagonisti e ne vive sia gli attimi esilaranti che i momenti più “umani” e non necessariamente esilaranti, almeno in partenza. Maurizio Micheli è  perfetto per impersonare questa sorta di travet aziendale, sempre sottotono, sempre in disparte, pur con la fierezza degli esclusi, dove ne esce marcatamente anche il suo lato umano, che spesso a contrasto con la follia degli eventi produce effetti esilaranti. Tullio Solenghi è insuperabile nel ruolo del sadico, del cinico della situazione, la sua figura dell’antagonista omofobo e violento, sembra divertirsi nel giocare a contrasto i toni rudi dell’inizio con l’umanità e la delicatezza di atteggiamenti della trasformazione finale. Davvero un lavoro ben riuscito che può continuare il successo della coppia già collaudato dalle oltre 250 repliche dello spettacolo “Italiani si nasce”  che il duo comico ha portato in giro nella scorsa stagione e di cui ha confermato in toto la compagnia che è ormai diventato un “gruppo di lavoro” affiatato e compatto a partire dai due capocomici. Applausi a scena aperta e un tripudio di chiamate al termine dello spettacolo sono la miglior ricompensa per un gruppo d’attori così amati dal pubblico.

A d.P

® RIPRODUZIONE RISERVATA




FINE SETTIMANA MONOPOLIZZATO DALLA COPPIA Maurizio Micheli e Tullio Solenghi.

Per il circuito teatrale ERT-FVG questo fine settimana si può definire all’insegna della comicità del duo Micheli-Solenghi. Dopo la tournee dello scorso anno con Italiani si nasce questo mese la comicità della coppia è trasfusa nello spettacolo L’Apparenza Inganna: Contabile diligente e uomo mite senza qualità, François Pignon lavora per un’azienda di produzioni derivanti dal caucciù, preservativi in primis. Sfortunatamente, è stato deciso il suo licenziamento, la qual cosa, unitamente al divorzio dalla bella moglie di cui è ancora innamorato e al fatto che il figlio diciassettenne non lo considera minimamente, lo porta a contemplare il suicidio. Il suo vicino lo ferma in tempo, dando via a una serie di eventi che cambieranno totalmente la sua vita e persino il suo carattere: il primo passo è quello di fingersi gay, in modo da spingere la dirigenza a non procedere al licenziamento per paura di mobilitare la associazioni omosessuali. L’idea per quanto assurda ha successo su tutti i fronti e ribalta completamente le sorti del povero Pignon, in ufficio, nella società e anche nella vita privata, trasformandolo da oscuro contabile a icona del movimento omosessuale, con tutte le esilaranti conseguenze del caso. di Francis Veber, adattamento di Tullio Solenghi e Maurizio Micheli con Altri interpreti: Massimiliano Borghesi, Sandra Cavallini, Paolo Gattini, Adriano Giraldi, Fulvia Lorenzetti, Matteo Micheli e Enzo Saturni
Produzione: La Contrada – Teatro Stabile di Trieste

In programma Giovedì 15 all’Auditorium Moro di Cordenons, Venerdì 16 al Teatro Ristori di Cividale, Sabato 17 al Teatro Italia di Pontebba  e con ultima replica Domenica 18 al Teatro Mons. Gelindo Lavaroni di Artegna

(E.L.)

 

 

 




TEATRO RISTORI-CIVIDALE:STAGIONE DI PROSA 2011-2012

Pronta la campagna abbonamenti per la prossima stagione di prosa del Teatro Comunale “Adelaide Ristori” per il 2011-2012 :
si aprirà il

21 ottobre ‘11 con

GIAN BURRASCA
rielaborazione testo e supervisione registica Lina Wertmuller
arrangiamenti musicali Giacomo Scaramuzza

il 09 novembre ‘11

LA CENA DEI CRETINI
di Francis Veder, traduzione Filippo Ottoni
con Zuzzurro & Gaspare
regia di Andrea Brambilla

02 dicembre ‘11

SE DEVI DIRE UNA BUGIA DILLA ANCORA PIÙ GROSSA!
una novità in due atti di Ray Cooney

Seguire il 19 gennaio ‘12 il musical

ALADIN  con musiche dei POOH e la partecipazione straordinaria di Stefano Masciarelli

Nel febbraio ‘12 a data da confermare

CARACREATURA
di Pino Roveredo con Maria Grazia Plos e con Julian Sgherla e con Riccardo Maranzana nel ruolo del padre
regia di Franco Però produzione: La Contrada Teatro Stabile di Trieste

il 20 febbraio ‘12

GRISÙ, GIUSEPPE E MARIA di Gianni Clementi  con Paolo Triestino, Nicola Pistoia, Crescenza Guarnieri
e con Sandra Caruso e Diego Gueci regia di  Nicola Pistoia

A marzo due spettacoli il 16 :   L’APPARENZA INGANNA
di Francis Veber, adattamento di Tullio Solenghi e Maurizio Micheli
con Tullio Solenghi e Maurizio Micheli regia di Tullio Solenghi

ed il 29 marzo ‘12 la conckusione della stagione con

NIENTE PROGETTI PER IL FUTURO
di Francesco Brandi con Giobbe Covatta e Enzo Iacchetti regia di Francesco Brandi

La CAMPAGNA ABBONAMENTI Presso il Teatro Comunale “A. Ristori”

avrà inizio Mercoledì 14 Settembre per i rinnovi al solito i vecchi abbonati avranno precedenza sulle prenotazioni.

I costi sono i seguenti
C) PROPOSTA  ABBONAMENTO 2011/2012 – 8 SPETTACOLI:

TIPOLOGIA
INTERI PLATEA € 130,00
RIDOTTI PLATEA € 110,00
RIDOTTI GALL UNDER 25 € 90,00
INTERI GALL € 115,00
RIDOTTI GALL € 90,00
RIDOTTI GALL UNDER 25 € 75,00

Per informazioni: Ufficio Cultura Comune di Cividale del Friuli tel. 0432/710350
Teatro Comunale “Adelaide Ristori” Tel. 0432/731353

 

Enrico Liotti