1

Il giro d’Italia d’epoca torna a Udine con 5 giorni di eventi

Anche quest’anno il capoluogo friulano ospiterà una tappa

della gara ciclistica nazionale riservata alle bici d’epoca, all’interno di un ricco programma di iniziative e avvenimenti per grandi e piccini

 

Testimonial d’eccezione sarà il cinque volte

campione del mondo di ciclocross Renato Longo

 

Dopo Maurizio Fondriest, testimonial d’eccezione dell’edizione 2011, il Giro d’Italia d’Epoca torna a Udine con un altro prestigioso ospite d’onore, il cinque volte campione del mondo di ciclocross Renato Longo. La manifestazione ciclistica dedicata agli appassionati delle “due ruote storiche”, presentata oggi 29 giugno a palazzo D’Aronco, farà tappa a Udine dall’11 al 15 luglio nell’ambito del programma di UdinEstate. Anche quest’anno il capoluogo friulano ospiterà una frazione della gara ciclistica nazionale riservata alle bici d’epoca, con un ricco calendario di iniziative e avvenimenti dedicati a bambini e adulti. Momento clou della manifestazione, organizzata dall’associazione sportiva dilettantistica K2, sarà la “K2 CicloStorica”, la cicloturistica a velocità controllata di70 chilometri per bici d’epoca che partendo da piazza Duomo a Udine toccherà Tavagnacco, Brazzacco, Colloredo di Monte Albano, Mels, Majano, San Daniele, Rive d’Arcano, Fagagna, Villalta e Santa Margherita del Gruagno. “È un avvenimento che arricchisce le iniziative dell’estate udinese – sottolinea l’assessore allo Sport Kristian Franzil –  e che offre cinque giorni di eventi e attività per tutta la famiglia con tante proposte anche per i bambini”.

[nggallery id=55] 

Foto Dario Furlan

La gara è aperta a tutti i corridori con biciclette costruite prima del 1987. Per essere ammesse alla corsa le bici devono avere i comandi cambio sul telaio, i pedali con gabbietta non automatici e le leve dei freni esterne al manubrio. Se possibile, inoltre, l’abbigliamento del ciclista deve essere coerente con l’epoca della bicicletta, tanto che l’attrezzatura in dotazione è oggetto di valutazione e contribuisce a formare il punteggio da assegnare al corridore. Così il pregio della maglia può portare diversi punti, anche a seconda del livello di conservazione e della sua qualità. Allo stesso modo vengono valutati gli accessori. Prima della partenza della gara, quindi, il partecipante potrà far valutare bici e abbigliamento dall’apposita giuria. La valutazione determinerà il punteggio che sarà attribuito al ciclista una volta portato a termine il percorso. Non si tratta quindi di manifestazioni competitive perché le classifiche non riguardano i tempi di percorrenza ma la valutazione del tipo, della marca e del periodo storico di costruzione della bicicletta, cui deve essere collegato l’abbigliamento del corridore. “Siamo molto felici di ospitare questo importante evento – ha sottolineato il vicesindaco Vincenzo Martines durante la presentazione – e confido di partecipare anch’io a uno dei percorsi proposti”.

Se nel 2011 l’avvenimento aveva avuto come testimonial il campione del mondo di ciclismo su strada Maurizio Fondriest, l’edizione di quest’anno non è da meno. Ospite d’onore dell’edizione 2012, infatti, sarà Renato Longo, il grande corridore di Vittorio Veneto che nel giro di un decennio, a partire dalla fine degli anni Cinquanta, vinse 5 mondiali e 12 titoli italiani di ciclocross. “Nelle edizioni fin qui disputate – spiega il presidente dell’associazione K2 Lorenzo Agostini – ci siamo resi conto che la nostra manifestazione è stata una delle più apprezzate dai partecipanti, sia italiani che stranieri. Abbiamo capito chela CicloStoricapoteva diventare un appuntamento importante da condividere con la città e in questo progetto siamo stati sostenuti dall’amministrazione comunale oltre che da altri soggetti pubblici e privati. Siamo certi – conclude Agostini – che anche quest’anno il Giro d’Italia d’Epoca e le iniziative di contorno rappresenteranno uno spettacolo da non perdere”.

Nato nel 2010 per raggruppare e coordinare le principali cicloturistiche dedicate alle bici d’epoca in Italia, il Giro d’Italia d’Epoca rappresenta, oltre che una competizione per appassionati, un’occasione per fare una pedalata in mezzo alla natura con un’organizzazione che garantisce anche punti di ristoro e iniziative collaterali.

Il programma. A Udine la manifestazione si aprirà mercoledì 11 luglio alle 18 con l’inaugurazione della mostra di bici, moto e auto d’epoca allestita in piazza Duomo, sede principale dell’evento. Sempre mercoledì, giornata in cui è in programma anche la Notte Bianca, alle 21 in piazza Duomo si svolgerà uno spettacolo di benvenuto con la partecipazione del duo Luigino e Lorenzo, con tre ore di musica live presso una struttura di accoglienza appositamente predisposta. In quest’area, nel corso della manifestazione, accederanno i mezzi storici dell’organizzazione quali ammiraglie, staffette, auto di servizio d’epoca. Giovedì 12 luglio invece il Ludobus del Comune di Udine proporrà, tra le 17.30 e le 19.30. animazione per grandi e piccini con giochi tradizionali e momenti ludici. Alle 20, invece, è prevista la consegna di riconoscimenti a tutti i partecipanti.

Da venerdì 13 luglio entreranno nel vivo le iniziative per gli appassionati delle due ruote, a partire dalla “K2 MiniBici” (alle 18 in piazza Duomo), la corsa aperta a tutti i bambini dai 6 ai 12 anni. Sabato 14 luglio alle 19, con partenza da piazza Libertà, sono in programma la “K2 CronoStorica”, una cronometro individuale di 3,5 chilometri che farà da anteprima alla gara di domenica, e a seguire la “K2 CronoVip”. Domenica 15 luglio alle 9, infine, gran finale con la “K2 CicloStorica”, il percorso cicloturistico a velocità controllata di70 chilometri per bici d’epoca.

Le tappe del Giro, che oltre a Udine toccherà altre 12 località italiane, rappresentano anche un’importante attrazione turistica, in grado di portare in città numerosi appassionati dal resto d’Italia e dall’estero. Ecco perché l’organizzazione dell’evento ha predisposto anche un pacchetto turistico ad hoc, con la possibilità di soggiornare a prezzo agevolato. Inoltre i partecipanti alle gare che raggiungeranno Udine in camper potranno parcheggiare il proprio mezzo nell’area attrezzata di via Chiusaforte.

Le pre-iscrizioni alla “K2 CicloStorica” sono già aperte e si chiuderanno il 10 luglio. Sarà possibile iscriversi direttamente anche sabato 9 luglio dalle 18 alle 21 e domenica 10 luglio dalle ore 7.30 alle 8.30 presso la struttura di accoglienza in piazza Duomo. La quota di partecipazione è di 15 euro fino al 10 luglio con maggiorazione di 5 euro per le iscrizioni formalizzate successivamente. I partecipanti riceveranno il numero dorsale, un oggetto ricordo della CicloStorica, il ristoro di metà corsa e un buono per il pasto all’arrivo. Per quanto riguarda invece la CronoStorica di sabato 14 luglio ci si può iscrivere il giorno stesso della manifestazione presso la struttura di accoglienza in piazza Duomo a partire dalle 17 (quota di partecipazione 5 euro). Per informazioni: a.s.d. G.S. K2 Udine, in via Bernardinis 141, tel. 347 9655802, email info@gsk2.it, www.gsk2.it.

La Redazione




Ad Incontri con l’Autore Fabio Piuzzi con il suo libro Aenigma Cruciati

Mercoledì 21 dicembre alle 18 in sala Ajace

Si chiama “Aenigma cruciati. L’Enigma del Crociato” e punta a seguire le orme del capolavoro di Dan Brown “Il codice da Vinci”. È questo il titolo del prossimo libro protagonista del ciclo degli “Incontri con l’Autore”, organizzati dalla biblioteca civica e dall’assessorato alla Cultura del Comune di Udine, in programma mercoledì 21 dicembre alle 18 in sala Ajace. Fabio Piuzzi presenterà il suo nuovo romanzo dialogando con il docente Angelo Floramo.

“Aenigma cruciati. L’Enigma del Crociato” si inserisce nel filone dei thriller con riferimenti storico-religiosi, portato in auge dal best seller di Dan Brown (Il codice da Vinci), che meglio rappresenta la nutrita produzione editoriale di tale genere caratteristica di questi ultimi anni. Nel romanzo emerge, lentamente ma inesorabilmente, una verità che è contesa dalle forze del Bene e del Male e che, nel bene e nel male, si offre al giudizio degli uomini. Di cosa si tratta? La risposta a chi giungerà alle ultime parole dell’ultima frase del libro.

Fabio Piuzzi, nato a San Daniele del Friuli, ha conseguito la laurea in architettura a Venezia. Indirizzatosi verso l’archeologia medievale, è diventato collaboratore esterno di diverse università e della Soprintendenza per i beni e le attività culturali del Friuli Venezia Giulia. Dal 1980 ad oggi ha partecipato a numerosi scavi sia in Italia che all’estero. Ha pubblicato un centinaio fra libri, saggi e articoli inerenti ricerche archeologiche, studi su reperti, strutture architettoniche, didattica archeologica e museale. Con Aenigma Cruciati l’Autore ha inteso proseguire l’esperienza letteraria alla ricerca dell’equilibrio tra arte, storia e narrazione già avviata con Shatnetz. Gli strumenti del martirio perfetto (Edizioni Segno), opera con cui ha esordito come scrittore di thriller.




JOELE DIX AL PANE VINO E SAN DANIELE SABATO 21

Il  Comico e scrittore Gioele Dix sarà ospite della libreria Ubik presso il  Pane Vino e San Daniele dove  dalle 21 tra un aperitivo e due chiacchiere presenterà il suo libro “Si vede che era destino” .

IL romanzo sentimentale e giallo letterario insieme, Si vede che era destino scruta con ironia e una punta di ferocia fra gli amori irrisolti di una generazione di donne e di uomini “troppo giovani per arrendersi, troppo vecchi per sognare ancora”. Protagonista del romanzo Michele, scrittore milanese, che la mattina di Ferragosto si sveglia e  rimasto da solo in città pensa di  concentrarsi sul suo prossimo libro.  L’idea fissa che ha in testa sembra inattuale e forsemolto folle.  Pensa a una festa di compleanno con tutte le donne che ha avuto per il suo quarantesi compleanno che festeggerà tra un mese.   Non è mai stato un playboy, ma ripensando a infatuazioni, a incontri e a piccole e grandi avventure si rende conto che le invitate potrebbero essere un numero considerevole. La sua intenzione di rinunciare crolla quando il suo miglior amico   Fabrizio, entusiasta,  lo convince a compilare una lista per invitare le sue ex.  Iniziato dunque per gioco, il progetto prende corpo trascinando Michele in una rievocazione che diventa soprattutto bilancio affettivo.  Ed essendo scrittore,  il protagonista  parla dello scrittore in terza persona. Ma quando Michele dovrà assentarsi in seguito ad alcune dolorose sorprese, il libro passerà letteralmente di mano fino al giorno del fatidico compleanno. È il 15 settembre. Tornerà Michele? Si farà la festa? Quali e quante donne accetteranno l’invito?

Mi.ti.co  per la redazione




NUOVA ASFALTATURA IN VIA FORNI DI SOTTO

I lavori da lunedì 29 agosto per una settimana

Dopo il lavori di Amga sulle condutture idriche e gas, si avvia a conclusione il cantiere per la nuova asfaltatura in via Forni di Sotto, nel tratto compreso tra piazzale Chiavris e via Faedis. A partire da lunedì 29 agosto e fino al 3 settembre, infatti, quel tratto di strada verrà chiuso al traffico, ad eccezione dei mezzi di soccorso, autobus, veicoli commerciali per carico-scarico e frontisti. “Come concordato con la ditta spiega l’assessore alla Mobilità, Enrico Pizza – i lavori verranno chiusi prima della ripresa del traffico intenso e prima della riapertura delle scuole. Per evitare il più possibile disagi alla circolazione, comunque, il comando della Polizia municipale ha predisposto un attento piano alla circolazione”. In base ad ogni direzione di arrivo, infatti, è stato studiato un percorso suggerito in modo tale da evitare il tratto di via Forni interessato dai lavori. Un modello già sperimentato con successo durante i lavori di asfaltatura in via Martignacco quando, complice la diminuzione del traffico per l’estate, non si sono verificati particolari disagi alla circolazione. Per quanto riguarda i veicoli provenienti da Ovest (ad esempio  da via Pieri), il traffico verrà indirizzato lungo le vie Faedis, Santa Maria Crocifissa di Rosa, Colugna, Cassacco, Feletto (direzione Sud) e Tricesimo (direzione Sud). Per le auto provenienti invece da Nord (viale Tricesimo) il percorso suggerito è lungo le vie Volontari della Libertà (direzione Sud), San Daniele, piazzale Diacono, Martignacco e Pieri. Arrivando da Est (via Montegrappa), inoltre, si potranno percorrere piazzale Chiavris, viale Volontari (direzione Sud), via San Daniele, piazzale Diacono, via Martignacco e via Pieri. Per chi arriva da Sud (viale Volontari), infine, i veicoli verranno fatti proseguire lungo piazzale Chiavris, viale Volontari della Libertà (direzione Sud), via San Daniele, piazzale Diacono, via Martignacco e via Pieri. Non mancheranno inoltre le segnaletiche indicanti il percorso percorribile per raggiungere l’ospedale. Segnaletiche che saranno posizionate  nelle principali direttrici di accesso alla zona interessata dai lavori. A partire da oggi, 27 agosto, infine, parte anche il rifacimento della segnaletica orizzontale in via Martignacco e via Cividale, a conclusione dei lavori di asfaltatura. In questo caso non sono previste particolari restrizioni al traffico dato che per dipingere strisce e corsie di marcia non sarà necessario chiudere le due arterie, ma basterà solo consentire il restringimento della carreggiata nei tratti che man mano saranno interessati dai lavori.

Carlo Liotti per La Redazione