1

STADIO DEL RUGBY, IN ARRIVO LA NUOVA ILLUMINAZIONE

Entro le prime settimane del 2013 l’impianto sportivo “O. Gerli”, il campo su cui gioca il Rugby Udine, potrà ospitare anche partite ufficiali in notturna. Sono stati consegnati ieri 4 settembre alla ditta che si è aggiudicata l’appalto, la F.C. Impianti Tecnologici srl di San Giorgio di Nogaro, i lavori che porteranno alla realizzazione del nuovo impianto di illuminazione del complesso sportivo di via del Maglio. L’intervento, per il quale sono stati stanziati 200 mila euro, prevede l’installazione di quattro torri faro di 25 metri d’altezza. Un impianto che garantirà l’omologazione da parte della Federazione italiana rugby delle gare giocate in notturna. “È un’opera che ci consente di migliorare la fruibilità del complesso sportivo – sottolinea l’assessore alla Gestione urbana Gianna Malisani, che ha partecipato alla consegna dei lavori insieme con il sindaco Furio Honsell – rendendone più flessibile l’utilizzo”.  I lavori saranno realizzati senza interferire con la normale attività del campionato di rugby. Proprio lo stadio “O. Gerli” ha fatto da apripista, nel 2009, a un nuovo modello di gestione degli impianti sportivi. L’impianto di via del Maglio è stato infatti affidato con convenzione al Rugby Udine, che si è impegnato a corrispondere al Comune un canone annuo di 3.500 euro accollandosi tutte le spese di manutenzione ordinaria e gli oneri relativi alla sicurezza, pulizia, custodia e utenze, l’assistenza tecnica e organizzativa. Da parte sua l’amministrazione comunale riconosce alla società sportiva un contributo annuale per le spese di gestione. “Con questo modello – spiega l’assessore allo Sport Kristian Franzil – ci siamo orientati verso un modello di gestione indiretta con l’obiettivo di responsabilizzare i gestori nell’uso degli impianti”.

(c.l.)




UDINE: IMPIANTO SPORTIVO DI VIA BARCIS, VIA LIBERA ALLE NUOVE OPERE

Prosegue il programma di riqualificazione e ammodernamento degli impianti sportivi minori della città. La giunta comunale ha dato parere positivo al progetto definitivo di sistemazione del complesso sportivo di via Barcis, gestito dalla società sportiva San Gottardo. L’intervento, che richiederà un investimento di circa 300 mila euro, porterà in particolare alla realizzazione di un nuovo fabbricato da adibire a spogliatoio degli arbitri e alla riqualificazione della struttura già esistente. “Sono interventi importanti per la città – sottolinea l’assessore alla Gestione Urbana Gianna Malisani – perché consentono di migliorare la fruibilità di impianti molto frequentati dalle associazioni sportive e da tanti giovani”.    La costruzione del nuovo fabbricato, che oltre agli spogliatoi per i giudici di gara ospiterà anche un locale per le visite mediche e spazi tecnici e di deposito, consentirà di destinare, dopo una ristrutturazione integrale, la struttura esistente a spogliatoio esclusivo per gli atleti. Il nuovo edificio sarà realizzato in prossimità di quello esistente, consentendo così l’adeguamento di tutto il percorso esterno alle necessità dei disabili e una nuova delimitazione degli spazi esterni fra pubblico e atleti e giudici di gara. Fra i due fabbricati verrà realizzato un “tetto” di collegamento per proteggere dalle intemperie il percorso di ingresso/uscita dagli spogliatoi. Questa soluzione permetterà anche l’utilizzo dello spazio esterno degli spogliatoi per le abituali attività di lavaggio e pulizia di scarpe e attrezzature.  Per quanto riguarda invece la struttura già esistente è previsto un intervento di riqualificazione della centrale termica e dell’impianto di riscaldamento, che sarà collegato al sistema di produzione di acqua calda con pannelli solari. “Come nelle altre opere relative ad esempio a impianti sportivi e scuole messe in cantiere in questi quattro anni – spiega Malisani –, anche in questo caso l’amministrazione punta a migliorare l’efficienza energetica delle strutture comunali”. Il progetto si propone inoltre di garantire una migliore accessibilità e dotazione delle strutture per le persone diversamente abili. Dal punto di vista delle opere esterne l’intervento prevede la realizzazione della nuova linea fognaria per lo smaltimento delle acque reflue, che sarà allacciata alla condotta comunale.  I lavori partiranno nel corso dell’estate e saranno eseguiti a lotti per non interferire con il normale utilizzo dell’impianto. Il primo intervento riguarderà la costruzione del nuovo fabbricato, per il quale si prevede siano necessari nove mesi. Alla fine del campionato 2012-2013 inizieranno invece i lavori sugli spogliatoi esistenti, che nelle previsioni saranno completati entro l’inizio dei nuovi tornei, tra settembre e ottobre 2013.