1

35^ Cividale – Castelmonte 12 – 13 – 14 ottobre 2012

35^ Cividale – Castelmonte Corsa Automobilistica Internazionale Velocità in Salita  12 – 13 – 14 ott. 12

Fervono i preparativi per la 35^ Cividale – Castelmonte corsa automobilistica internazionale di velocità in salita, riconosciuta e approvata dalla F.I.A. (Federazione Internazionale Automobile), dalla C.S.A.I. (Commissione Sportiva Automobilistica Italiana) dall’ A.C.I. e dal C.O.N.I. La gara è prevista nelle giornate del 12, 13 e 14 ottobre 2012, sostanzialmente con le stesse validità nazionali e Internazionali del 2011 che prevedono, in campo internazionale, il Trofeo FIA dell’Europa Centrale, il Campionato Austriaco, il Campionato Sloveno ed in campo nazionale gli altrettanto importanti Trofeo e Coppa CSAI della Montagna per le Auto Storiche, Trofeo Italiano di Velocità e Coppa Italia della Montagna per le Auto Moderne. Il programma di massima della competizione sarà il seguente:

– Verifiche sportive e tecniche:  Venerdi` 12 Ottobre 2012.

– Prove ufficiali:  Sabato 13 Ottobre 2012.

– Svolgimento gara:  Domenica 14 Ottobre 2012.

– Premiazioni:  Domenica 14 Ottobre 2012.

Dario Furlan




PORDENONE: Contrastare la violenza sulle donne

Una delegazione del “Forum delle donne” di Elbasa in Albania, organismo sorto per
contrastare la violenza sulle donne in particolare di quella che si sviluppa in ambito familiare, è
stata ricevuta in sala consiliare dal Sindaco Claudio Pedrotti e dall’Assessore alle Pari
Opportunità Flavio Moro.
Il gruppo accompagnato in Municipio dalla presidente di “Voce Donna “di Pordenone
Mara De Stefano, componente del comitato Pari opportunità del Comune, ha intrapreso un viaggio
di formazione e scambio di esperienze in Italia, dopo l’incontro internazionale dell’anno scorso in
Albania dedicato proprio al fenomeno della violenza sulle donne. Ora la delegazione albanese
guidata dalla presidente del “Forum delle donne” Shpresa Banja rende visita ad analoghe
associazione italiane di Pordenone, Bologna e Reggio Emilia.
Il Centro antiviolenza albanese offre assistenza legale, sostegno psicologico, la
possibilità di ospitalità temporanea ed altri servizi finalizzati ad assicurare alle donne che vi si
rivolgono un aiuto concreto e un punto d’ascolto, grazie anche alle nuove leggi albanesi in materia,
pur lacunose in alcuni aspetti. In ogni caso la nuova legislazione ha fatto emergere il problema, ha
consentito di superare alcune difficoltà che impedivano la denuncia e molte donne ora sono
consapevoli delle opportunità riservate loro dalla legge. In dieci anni di attività il Centro ha
soccorso oltre 400 donne, vittime di violenza fisica, psicologica, economica e di molestie sessuali
e sono state fornite un migliaio di consulenze legali
L’assessore Flavio Moro ha ricordato che queste problematiche sono presenti anche
nella nostra società e che lo scambio di esperienze e le azioni propositive aiutano a prevenire il
fenomeno, mentre il sindaco Claudio Pedrotti condannando questi deplorevoli fenomeni, ha rilevato
che purtroppo persiste lo stato di sottorappresentanza delle donne nella vita sociale, economica e
politica.

(c.l.)




UDINE : LAVORATORI SOCIALMENTE UTILI: DAL 1° AGOSTO LE DOMANDE

Dalla manutenzione degli edifici all’informatizzazione degli archivi cartacei, dall’ausilio nei nidi d’infanzia al supporto ai servizi del ludobus e della ludoteca. Sono 29 i posti di lavoro che il Comune di Udine mette a disposizione per 12 progetti di lavoro socialmente utile della durata di un anno, destinati a lavoratori in cassa integrazione o in mobilità. Due progetti sono stati sostenuti dalla Regione, mentre, nell’ottica di offrire un concreto sostegno ai lavoratori colpiti dalla crisi occupazionale, i restanti dieci sono stati finanziati direttamente dal Comune con proprie risorse. “Il Comune ha fatto ulteriori sforzi – sottolinea l’assessore all’Efficacia organizzativa, Enrico D’Este – per venire incontro sia alle esigenze degli uffici sia per dare una risposta ai lavoratori che si trovano in un momento di difficoltà, pur avendo maturato un’elevata professionalità in tanti anni di lavoro”.  Dei 29 posti disponibili, che avranno una durata di 52 settimane, 20 saranno ruoli di categoria B (sette a 36 ore e 13 a 30 ore) e nove di categoria C (tutti a 30 ore settimanali). Per informazioni sull’adesione ai progetti ci si deve rivolgere a partire dal 1° agosto direttamente al Centro per l’impiego di viale Duodo 3 a Udine, aperto al pubblico dal lunedì al venerdì dalle 9 alle 13. Per presentare domanda c’è tempo fino al 31 agosto. Il bando con tutte le informazioni sarà disponibile al seguente link: www.provincia.udine.it/lavoro/cittadini/lavorisocialmenteutili.




La famiglia albero della vita: convegno a Campoformido

Convegno sulla famiglia a Campoformido alla presenza dell’assessore regionale Molinaro e organizzato dalla giovane Giulia Pezzano e da Monica Bertolini in veste di responsabile per il suo partito in materia di famiglia. L’intervento di Monica Bertolini ha toccato il tema della famiglia definendola come un luogo di incontro ed emozioni unico, fulcro della vita e della nostra società.
Molto attenta l’analisi del professor Carlo Beraldo secondo cui il nucleo familiare ha funzioni affettive, relazionali, procreativa, educativa, di trasmissione valoriale, economica, di solidarietà, di socializzazione. In Friuli Venezia Giulia ci sono circa 364mila famiglie il 55% ha un figlio, il 40% ha due figli, il 10% tre o più. Il 93% dei giovani con età 18-24 vive in famiglia, così come il 39% dei giovani tra i 24 ed i 35 anni. I matrimoni civili superano quelli religiosi. Il 24% dei nubendi dei matrimoni civili sono di seconde nozze. Nel 2009 i figli di madri non sposate sono stati il 23,1% (a Bolzano si arriva al 48%), le libere unioni sono circa un quarto delle forme familiari.
Profonde le testimonianze di madri e padri sulle proprie esperienze personali. La famiglia italiana risulta lasciata troppo sola dallo Stato, il supporto maggiore viene infatti dalla rete di parenti e amicizie, relazioni fondamentali ma non sufficienti a garantire un sostegno forte ad una scelta di vita centrale come la famiglia.
L’assessore regionale Roberto Molinaro ha quindi presentato il piano regionale degli interventi per la famiglia in quanto capitale sociale. La Regione si sta impegnando nell’erogazione di servizi come la carta famiglia e la promozione dell’associazionismo.

Federico Gangi




Penultima di campionato, l’Udine Rugby passa contro Milano

Siamo ormai agli sgoccioli di questo campionato e la classifica vede ancora in testa le Fiamme Oro Roma a un punto di vantaggio dai veneti del San Donà. L’Udine Rugby gioca la sua ultima partita in casa contro il Grande Milano, vincendo a fatica e rimanendo saldamente al quinto posto in classifica. A Udine il tempo minaccia pioggia, ma gli uomini di Dalla Nora scendono ugualmente in campo; per tutta la partita il cielo rimarrà spettatore e non ci sarà che qualche goccia. La partita comincia subito in salita per i friulani che dopo una meta di Girelli si trovano sotto per le due mete marcate dai giocatori di Milano. Sono grossolani e molteplici gli errori nei passaggi da parte dei ragazzi di Dalla Nora; i giocatori sembrano molto deconcentrati e l’allenatore prova a spronarli con ogni suo mezzo.  Il primo tempo si conclude sul punteggio di 15 a 17 per la squadra lombarda. Nel secondo tempo si accomoda sugli spalti, tra i sostenitori dell’Udine Rugby, il sindaco Honsell, fedele tifoso del team di rugby della sua città. La sosta prima dell’inizio del secondo tempo giova ai nostri che grazie a un calcio di Bombonati si riportano in vantaggio per poi allungare ulteriormente con la meta di Calcagno. La partita sembra ormai saldamente ipotecata, ma i ragazzi del Milano Rugby non sono venuti in vacanza nella cittadina friulana e infatti si riportano a un punto; la meta della rimonta è di Celoni, punteggio 23 a 22 per i padroni di casa. Nonostante la non perfetta prestazione dell’Udine Rugby al 34′ arriva la meta che chiude definitivamente i giochi e condanna il Milano Rugby alla sconfitta. La partita si conclude sul punteggio di 28 a 22 per la gioia dei tifosi e del primo cittadino. L’ultimo incontro vedrà i player di Dalla Nora a Brescia contro il Rugby Banco di Brescia, l’occasione giusta per concludere la stagione nel migliore dei modi.

Tabellino:

UDINE RUGBY V RUGBY GRANDE MILANO  28-22 (15-17)

UDINE: Marconato, Lo Schiavo, Mcivor (39^ Lentini), Calcagno, D’Anna (23^ Conti, 14^st. Macor), Bombonati, Picogna (39^st Venier), Ursache, Du Plessis, Folla, Avoledo (5^st Francescutti), Giannangeli, Copetti (1^st. Taddio), Girelli, Massafra (23^Mazzini).   Allenatore: Dalla Nora

GRANDE MILANO RUGBY:Vicinanza, Rossi, Todini, Viganò D., Negri, Bissolotti, Celoni, Mbandà, Viganò E., Cancro, Calzaferri (24^ Mc Allister), Dell’Acqua, Romascu, Kaspareck, Puddu. All.: Bertoncini

MARCATORI:Primo tempo: 7^Mt Girelli tr Bombonati (7-0), 11^ Mt.Cancro tr Viganò D.(7-7), 22^ Mt Viganò E. Tr Viganò D (7-14), 25^ CP Bombonati (10-14), 35^ Mt. Du Plessis (15-14), 40^CP Viganò D.(15-17). Secondo Tempo: 5^ CP Bombonati (18-17), 20^ Mt Calcagno (23-17), 24^ Mt. Celoni (23-22), 34^Mt Lo Schiavo (28-22)

ARBITRO: Falzone (PD)
Note:cartellini gialli: 34^ Dell’Acqua

Risulatati della XXI giornata:

Rugby Lyons v Accademia Federale Tirrenia 28 – 17 (4-0)
Udine Rugby v Rugby Grande Milano 28 – 22 (5-1)
Franklin&Marshall Cus Verona v M-Three San Donà 22 – 52 (0-5)
Aeroporto di Firenze v Rugby Banco di Brescia 22 – 09 (4-0)
Med Italia Pro Recco v Fiamme Oro Roma  17 – 22 (1-4)
Livorno Rugby v Donelli Modena  00 – 47 (0-5)

Classifica:

1) Fiamme Oro Roma punti 88
2) San Donà punti 87
3) Lyons Piacenza punti 64
4) Aeroporti di Firenze punti 63
5) Udine punti 61
6) Recco punti 54
7) Brescia punti 52
8 ) Modena punti 51
9) Accademia Nazionale Tirrenia punti 48
10) Cus Verona punti 36
11) Grande Rugby Milano punti 14
12) Livorno Rugby punti 5

[nggallery id=36]

Carlo Liotti
carlo.liotti@ildiscorso.it

© Riproduzione riservata




FINE SETTIMANA MONOPOLIZZATO DALLA COPPIA Maurizio Micheli e Tullio Solenghi.

Per il circuito teatrale ERT-FVG questo fine settimana si può definire all’insegna della comicità del duo Micheli-Solenghi. Dopo la tournee dello scorso anno con Italiani si nasce questo mese la comicità della coppia è trasfusa nello spettacolo L’Apparenza Inganna: Contabile diligente e uomo mite senza qualità, François Pignon lavora per un’azienda di produzioni derivanti dal caucciù, preservativi in primis. Sfortunatamente, è stato deciso il suo licenziamento, la qual cosa, unitamente al divorzio dalla bella moglie di cui è ancora innamorato e al fatto che il figlio diciassettenne non lo considera minimamente, lo porta a contemplare il suicidio. Il suo vicino lo ferma in tempo, dando via a una serie di eventi che cambieranno totalmente la sua vita e persino il suo carattere: il primo passo è quello di fingersi gay, in modo da spingere la dirigenza a non procedere al licenziamento per paura di mobilitare la associazioni omosessuali. L’idea per quanto assurda ha successo su tutti i fronti e ribalta completamente le sorti del povero Pignon, in ufficio, nella società e anche nella vita privata, trasformandolo da oscuro contabile a icona del movimento omosessuale, con tutte le esilaranti conseguenze del caso. di Francis Veber, adattamento di Tullio Solenghi e Maurizio Micheli con Altri interpreti: Massimiliano Borghesi, Sandra Cavallini, Paolo Gattini, Adriano Giraldi, Fulvia Lorenzetti, Matteo Micheli e Enzo Saturni
Produzione: La Contrada – Teatro Stabile di Trieste

In programma Giovedì 15 all’Auditorium Moro di Cordenons, Venerdì 16 al Teatro Ristori di Cividale, Sabato 17 al Teatro Italia di Pontebba  e con ultima replica Domenica 18 al Teatro Mons. Gelindo Lavaroni di Artegna

(E.L.)

 

 

 




E’ morto Lucio Dalla

Lucio Dalla, un dei più grandi cantautori italiani,  che ha venduto milioni di dischi in tutto il mondo e canzoni composte per alcuni dei registi italiani più famosi del cinema, tra cui Monicelli, Antonioni, Giannarelli, Verdone, Campiotti, Placido e altri, è morto per  un apparente attacco di cuore a Montreux, in Svizzera, nel corso di una tournée europea. Avrebbe compiuto 69 anni il prossimo 4 marzo, data che invece sarà dedicata al suo funerale.  Lucio Dalla, i cui generi musicali variano dal folk al jazz alla musica classica, ha tenuto un concerto di Mercoledì nella città svizzera conosciuta per la sua musica ed  “era in ottima forma”, ha dichiarato Pascal Pellegrino, il direttore del Montreux “stagione della cultura”. Pellegrino ha detto che il concerto era risultato molto riuscito ed era  stato calorosamente applaudito, e il cantautore dopo la performance era rimasto a chiacchierare con i fan visibilmente soddisfatto e sempre forte della sua semplice umiltà. La melodia struggente di  “Caruso” che ha venduto oltre 9 milioni di copie in tutto il mondo ed è stato cantato dal compianto grande amico ed estimatore  Luciano Pavarotti in un concerto 1992 a Modena con lo stesso Lucio, è la dimostrazione della vena poetica del “brutto anatroccolo” di Bologna.

 

Spesso nelle sue  tournée all’estero di frequente, anche negli Stati Uniti, era sempre acclamato per la sua musica e per arrangiamenti che hanno fatto la storia di oltre quarantanni di musica italiana. Nell’ultimo decennio più  volte era stato in giro per l?italia e per l’europa con un altro  famoso cantautore popolare italiano, quel  Francesco De Gregori che ieri non ha voluto rilasciare nessuna dichiarazione per lo sconforto alla notizia della morte del suo caro amico. Lucio Dalla esordì nel 1960 grazie all’interesse di  un altro cantautore italiano, Gino Paoli. Nel 1977, con“Com’è profondo il mare” pubblicò il suo primo album, con canzoni scritte da lui stesso che lo fecero apprezzare dal grande pubblico.

Lucio Dalla e Francesco De Gregori in tourneè con Banana Repubblic

Negli anni successi ha prodotto album quasi ogni anno, tra cui il famoso “Banana Republic”. Nel 1990 “Attenti al lupo”  dall’album  “Cambio”, riportò il cantautore alla ribalta dello spettacolo italiano con  quasi unmilione e quattrocentomila  di copie vendute. Con un escursus nel mondo della lirica la sua versione di Prokofiev di  “Pierino e il Lupo” venne  eseguita nell’auditorium Santa Cecilia di Roma nel 1997, e sempre la sua passione per la lirica lo indusse a scrivere  anche  un opera “Tosca. Amore disperato”, ispirato a Puccini “Tosca”.

Una scena dell'applauditissimo Tosca Amore Disperato

Gran parte del suo lavoro  è stato ispirato dalla sua passione per il mare.  Aveva tra l’altro partecipato  in trasmissioni Rai più o meno di successo come “Taxi”, “Te voglio bene assaje”, “Mezzanotte: angeli in piazza” e “La Bella e la Bestia”, con Sabrina Ferilli. La sua ultima apparizione televisiva è stata solo poche settimane fa al Festival di Sanremo insieme a Pierdavide Carone, nel doppio ruolo di autore del brano ‘Nani” e di direttore d’orchestra. Ci lascia con la sua musica e le sue raccolte uno dei  cantautori più espressivi e completi  del nostro panorama musicale che va ad aggiungersi alla schiera di cantautori del suo rango che sono stati sempre pochissimi, come i Tenco, i De Andrè, i Battisti. Lucio…Ciao!

Enrico Liotti per la redazione tutta.




LA PAGINA MIGLIORE DEL NOSTRO CALCIO!

Spesso giustamente criticato per il comportamento dei suoi principali protagonisti (calciatori e addetti ai lavori) e degli attori che ogni tanto lo diventano (tifosi) una volta ogni tanto nel nostro calcio ci sono alcune belle storie che vale di pena di sottolineare.

Il teatro di questo salto nella civiltà del mondo pallonaro è Novara e la squadra arrivata in serie A dopo una doppia promozione dalla C1 prima e dalla B poi.
Protagonista di questo entusiasmante cammino è stato Attilio Tesser, tecnico friulano, che è riuscito in un’impresa impensabile. Il miracolo però non è continuato nella massima serie visto che dopo 20 giornate la squadra azzurra si trova all’ultimo posto con appena 12 punti e ben 7 di distacco dalla quart’ultima, ultima posizione per restare nella massima categoria. Il tecnico nella giornata di lunedì è stato esonerato dalla società per cercare di dare uno scossone ad un’ambiente ormai in grave ritardo e difficoltà sia dal punto di vista dei risultati che dal punto di vista dell’umore con un pessimismo che ormai regna sovrano.

La cosa bella però di un momento amaro come un esonero è il comunicato stampa della società piemontese, poco calcistico e decisamente ricco di quella gratitudine che anche i tifosi hanno dimostrato con cori di ringraziamento sotto casa dell’ormai ex tecnico, subito dopo aver appreso la notizia.

Dal sito ufficiale del Novara (www.novaracalcio.com) ecco il testo significativo:
“La Società Novara Calcio comunica l’interruzione della collaborazione professionale con l’allenatore Attilio Tesser e con il suo Staff tecnico. Domani verrà presentato in conferenza stampa il nuovo allenatore del club novarese, Emiliano Mondonico.
La Società Novara Calcio, intesa come l’insieme di ogni singolo collaboratore, non può che ringraziare nella maniera più sincera e sentita la persona di Attilio Tesser per l’impegno, la dedizione, il cuore e la passione profusi in questi anni alla guida degli Azzurri. La sua personalità e la sua professionalità, unita a quella dei suoi collaboratori, hanno fatto si che la città di Novara abbia potuto ritrovare e rivivere palcoscenici calcistici importanti. Attilio Tesser ha contribuito in maniera decisiva a scrivere indelebili pagine di storia di questa centenaria Società. Tutti coloro che hanno potuto collaborare con lui, ricorderanno sempre ciò che di buono e positivo ha regalato al Novara Calcio e ai suoi tifosi. La Società Novara Calcio augura di cuore ad Attilio Tesser un futuro ricco di ulteriori e grandi soddisfazioni con la certezza che mai dimenticherà tutto ciò che è stato.”

Come da comunicato a provare a centrare la salvezza ci sarà Emiliano Mondonico, che nel gennaio scorso, e definitivamente dieci mesi dopo, ha centrato la sua personale salvezza sconfiggendo con due operazioni un tumore all’addome che l’ha obbligato a lasciare, per fortuna temporaneamente, la sua straordinaria carriera.

A entrambi i tecnici, simboli di un calcio pulito, in contrapposizione alla tristezza del calcio scommesse, vanno gli auguri più sinceri di una buona e quanto più possibile fortuna prosecuzione di carriera.

Alla società novarese e al suo pubblico, un plauso per un piccolo gesto in un calcio sempre più malato.

 

Rudi Buset

rudi.buset@ildiscorso.it

© Riproduzione riservata




DALLA STELLA ALLE STELLE: INCONTRO CON MARGHERITA HACK

Il Comune di Morsano al Tagliamento ha avuto l’onore di ospitare la celebre astrofisica e divulgatrice scientifica Margherita Hack, all’interno dell’evento dal titolo Dalla stella alle stelle che si è tenuto alle 16.00 di venerdì 6 gennaio presso il Centro Polifunzionale. Il dibattito, mediato dal Sindaco di Morsano, Giuliano Biasin, ha visto la presenza del fotografo Stefano Bandiera, amico e collaboratore della studiosa. L’incontro si è inserito in una giornata ricca di avvenimenti, iniziata al mattino con la benedizione dei bambini e il discorso del parroco don Andrea sul significato della stella cometa nell’ambito della religione cristiana- da qui l’origine del titolo dell’incontro- e conclusasi con la tradizionale “foghera” organizzata dalla pro loco locale.

Accolta con calore da un pubblico eterogeneo, composto da bambini, persone anziane, semplici curiosi, la Hack è entrata nel vivo del dibattito rispondendo ad una serie di domande su vari fenomeni celesti quali buchi neri, eclissi solari, pianeti e satelliti. Accanto a quesiti semplici, posti da bambini per soddisfare la loro naturale curiosità su una materia che da sempre li attrae, la studiosa ha affrontato questioni più complesse riguardanti la materia e l’anti-materia, l’energia nucleare, nuove scoperte quali quella relative al neutrino e all’energia oscura. Il tutto è stato condotto con un linguaggio semplice, che si attaglia trasversalmente ad un pubblico di ogni età e formazione, in modo da piegare i concetti più astrusi e difficili ad una spiegazione che possa essere immediatamente colta, anche con l’uso di metafore e immagini tratte dalla vita quotidiana. Non sono mancate le considerazioni sul ruolo che attualmente ricopre l’astrofisica in Italia, sull’importanza per lo sviluppo civile di un paese di avallare e spianare la strada alla ricerca scientifica e ai giovani ricercatori, nonché sulle difficoltà che i tagli indiscriminati del governo Berlusconi hanno provocato in questo settore.

L’incontro ha voluto essere un’occasione per esortare i giovani ad appassionarsi allo studio di materie come la fisica e l’astrofisica, che non hanno immediate ricadute pratiche, ad abbandonarsi alla curiosità, a studiare le leggi e i principi della fisica per sondare ciò che va oltre il nostro universo. All’esaltazione della ricerca scientifica si è accompagnata l’elencazione di alcune delle scoperte e studi scientifici più recenti, come la formazione e distribuzione delle galassie, la fisica solare, la costruzione di software sofisticati e satelliti per lo studio dell’universo. Nel fuoco di fila di domande cui è stata sottoposta, la Hack non ha potuto esimersi dal ricorrente quesito sulla fine del mondo preconizzata dai Maya, e la risposta ironica e divertita non poteva che essere “son tutte balle”.

Vito Digiorgio

© Riproduzione riservata

 




Ripartenza ottima per l’Udine Rugby

Le vacanze natalizie tra gubane e brindisi non hanno certo appesantito i giocatori friulani di rugby, che rientrano subito in ritmo partita e vincono la prima gara del 2012. Archiviato il vecchio anno con importanti risultati, utili alla classifica e al morale, la partenza di quest’anno è un ulteriore prova di forza della squadra del mister Dalla Nora. Gli avversari di oggi sono stati i ragazzi del Rugby Banco di Brescia che si sono accontentati di sei punti conquistati grazie a due calci di punizione di Hosking, entrambi segnati nel finale del primo tempo. Il resto della gara è firmato Udine Rugby, che segna un calcio di punizione e una meta con trasformazione nel primo tempo e chiude la gara con tre mete nella ripresa.

Se il buon giorno si vede dal mattino i tifosi friulani possono veramente sperare in un 2012 ricco di mete e punti, per raggiungere le posizioni più alte della classifica.

Tabellino

UDINE RFC – RUGBY BANCO DI BRESCIA  25-06  (10-06)

Udine:  Marconato, Conti(1^st Venturato, 22^st Pisano), Picogna, McIvor, Lo Schiavo, Bombonati, Gobbo, Ursache, Calcagno (25^st Mazzini), Folla, Giacomini(2^st Francescutti), Giannangeli, Girelli(10^st Taddio), Fagnani, Massafra.  Allenatore: Dalla Nora

Brescia:   Locatelli(38^ Anselmi), Bonifazi, Gabba, Squizzato, Secchi Villa, Hosking (38^ Secchivilla), Bonari, Groenewald, Rizzotto, Romano(22^st Ferretti), Cuello, Pola(23^st Pedrazzani), Trevisani(21^st Cherubini), Cairo (30^st. Azzini), Castiglia(34^st Bosio).
Allenatore:  Molinari.

Marcatori: 6^CP Bombonati (3-0), 17^ MT Girelli tr Bombonati(10-0), 34^ CP Hosking, (10-3), 40^ CP Hosking (10-6).
Secondo Tempo: 9^ MT Massafra (15-6), 25^ MT Fagnani (20-6), 42^ MT Taddio (25-6).

I risultati dell’undicesima giornata

Lyons Piacenza – Rugby Grande Milano  62 – 14  (5-0)
Udine RFC – Rugby Banco di Brescia  25 – 06  (5-0)
Livorno Rugby  – M-Three San Donà  10 – 55  (0-5)
Pro Recco Rugby – Donelli Modena  27 – 20  (4-1)
Firenze Rugby 1931 – Accademia Nazionale Tirrenia  25 – 27  (1-4)
Franklin&Marshall Cus Verona – Fiamme Oro Roma  12 – 20  (0-4)

Classifica

1) Fiamme Oro Roma punti 47
2) Amatori San Donà punti 40
3) Lyons Piacenza punti 38
4) Modena punti 33
5) Udine punti 33
6) Accademia Nazionale Tirrenia punti 32
7) Pro Recco punti 31
8 ) Firenze Rugby punti 30
9) Rugby Brescia punti 22
10) Cus Verona punti 13
11) Grande Rugby Milano punti 7
12) Livorno Rugby punti 5

Carlo Liotti
carlo.liotti@ildiscorso.it

© Riproduzione riservata