UN GRANDE TOTO’ FA SOGNARE L’EUROPA AI TIFOSI DELL’UDINESE

Subito in campo si è vista la voglia delle zebrette di far loro il risultato. Ottimo talento e grande scoperta il giovanissimo polacco Zielinski, ispiratore di un Di Natale in gran spolvero. Almeno questa volta la squadra si è mostrata molto matura come la settimana scorsa a Parma, ma il tocco di classe del suo cannoniere ha deciso subito la partita. E’ il giovane Zielinski la vera sorpresa e splendida novità dello spogliatoio di mister Guidolin. Una splendida semirovesciata di Di Natale che va ad insaccarsi sul palo opposto difeso da Marchetti  basta per chiudere il discorso dell’anticipo serale di campionato. A seguito del risultato di stasera i bianconeri ed i laziali  sono entrambi a quota 51, insieme alla Roma, con l’Inter che  segue invece ad una lunghezza. Ma i giallorossi ed i nero azzurri non hanno ancora la classifica aggiornata non avendo ancora giocato. Sicuramente come in gergo ciclistico che tanto piace al mister dell’Udinese sarà bagarre fino alla fine del campionato povero ma sempre pieno di emozioni per conquistarsi un posto in  Europa  ricordando che una delle due romane avrà di diritto un posto in Europa League al termine della finale di Coppa Italia. Francesco Guidolin appare stremato dalla tensione, ma nello stesso tempo è radioso come una Pasqua  al termine della partita che gli ha regalato la vittoria sulla  Lazio della sua piccola, grande Udinese: “Siamo in corsa per l’Europa per il terzo anno consecutivo. Sono soddisfatto della prestazione della squadra, abbiamo giocato un ottimo calcio, molto veloce, fatto di buone trame, aggressività e velocità. Chi ha visto la partita si è divertito. Sono soddisfatto della prova dei ragazzi. Ma rispetto e ammiro la Lazio, che nel secondo tempo era stanca perché sta facendo una stagione bellissima ed arriva da un sacco di impegni. A loro va riconoscimento e rispetto, perché non mollano mai. Nel secondo tempo, noi siamo stati più brillanti”.  

QUESTA LA FOTOGRAFIA DELLA PARTITA:

Udinese-Lazio 1-0 19′ Di Natale

UDINESE (3-4-2-1): Brkic; Benatia, Danilo, Domizzi; Basta, Lazzari, Allan, Gabriel Silva; Lazzari; Pereyra, Zyelinski (85′ Badu); Di Natale (80′ Ranegie)
A disp.: Padelli, Angella, Heurtaux, Faraoni, Pasquale, Rodriguez, Pinzi, Campos Toro, Merkel, Maicosuel.
All.: Guidolin

LAZIO (3-4-2-1): Marchetti; Ciani, Biava, Dias; Stankevicius (61’Ederson), Gonzalez, Onazi, Ledesma (60′ Hernanes), Mauri (73’Floccari), Candreva; Klose
A disp.: Bizzarri, Scarfagna, Konko, Crecco, Kozak, Rozzi, Saha. 
All.
: Petkovic

Ammoniti: Lazzari, Domizzi (U) Ledesma, Ederson, Gonzalez (L)

Serata serena con un lieve vento e stadio pieno ma no stracolmo come richiederebbe un match di questo livello, ma nel complesso partita bella e spettatori soddisfatti.

 “Campionato italiano del gusto”: l’Udinese si aggiudica anche la vittoria ai fornelli contro la Lazio

Dodicesima partita del “Campionato italiano del gusto” che ha visto lo chef Stefano Buttazzoni del ristorante Da Otto di Timau (UD) battere lo chef laziale Giacomo Nitti del ristorante Osteria dell’Ingegno di Roma. Lo “stinchetto d’agnello al timo serpillo con patata fonduta di formaggio frant, gelato agli asparagi e viole candite” vince la partita del gusto aggiudicandosi 427 punti contro i 360 assegnati alla ricetta romana “Gnocchi di patate dell’Alto Viterbese I.G.P. e mentuccia romana fatti a mano, accompagnati da vignarola primaverile”. All’evento sono intervenuti anche il Presidente dell’Udinese Calcio Franco Soldati e il Presidente della Lazio Claudio Lotito. 

 

 

 

Nell’immagine, (di Frabice Gallina) da sinistra: Stefano Buttazzoni (chef di Da Otto), e Giacomo Nitti (chef dell’Osteria dell’Ingegno). Credit da citare in caso di utilizzo: Fabrice Gallina.

 

Enrico Liotti

RIPRODUZIONE RISERVATA