sabato , 28 Novembre 2020
Notizie più calde //
Home » Il Discorso su » Dall'Italia » UN CROCEVIA CHIAMATO DUE VALLI PER BALDON RALLY
UN CROCEVIA CHIAMATO DUE VALLI PER BALDON RALLY
Nicola Schileo, in azione nel precedente Rally Targa Florio 2020 (immagine a cura di ACI Sport,)

UN CROCEVIA CHIAMATO DUE VALLI PER BALDON RALLY

image_pdfimage_print

La compagine di Castelgomberto si giocherà sulle speciali scaligere, con Schileo, una grossa fetta della stagione in corso mentre Scalzotto tenterà una difficile rimonta.

Castelgomberto (VI), 19 Ottobre 2020 – Il Campionato Italiano Rally e la Suzuki Rally Cup giungono alle battute finali e l’imminente Rally Due Valli, giunto quest’anno a festeggiare la sua edizione numero trentotto, si appresta a giocare un ruolo chiave nel destino di Baldon Rally.

Il team di Castelgomberto, impegnato in entrambe le serie, si presenterà il prossimo fine settimana con le sue due punte, mosse da diverse ambizioni dopo gli ultimi appuntamenti.

Riflettori accesi su Nicola Schileo che, reduce dalla bella affermazione alla Targa Florio, scenderà in campo galvanizzato e deciso a giocarsi le proprie carte migliori quando, al termine effettivo della stagione, mancherà all’appello soltanto il conclusivo Trofeo ACI Como.

Scorrendo la classifica provvisoria del Campionato Italiano R1 il pilota di Selvazzano Dentro figura attualmente al terzo posto in seconda divisione ed al quarto nella generale.

Una fotografia resa ancora più interessante dalla vetta conquistata, seppur per sole tre lunghezze di margine, nel monomarca di casa Suzuki, preannunciando un finale elettrizzante.

Il patavino, alla guida della Suzuki Swift 1.0 turbo R1 seguita da Baldon Rally e condivisa con Gianguido Furnari, è quindi pronto ad affrontare questo importante e decisivo banco di prova.

Il Due Valli è stato il mio primo rally” – racconta Schileo – “e questo gli dona un sapore davvero speciale. In quell’occasione siamo finiti nel bosco, a testa in giù, ma ci auguriamo di scrivere un finale totalmente diverso quest’anno. Finalmente dovremmo avere l’elettronica funzionante e, per presentarci al meglio, abbiamo previsto una sessione di test questa settimana, per verificare che sia tutto a posto. Il percorso è molto veloce e tecnico, si adatta alle nostre caratteristiche. Vogliamo puntare in alto ed assieme a Gianguido vogliamo riscattare quella sfortunata edizione del 2017. Siamo in testa alla Suzuki Rally Cup ed in lizza per il podio nel Campionato Italiano R1. Daremo il massimo per riprenderci da tutta la sfortuna passata.”

Rientro nel tricolore e nella serie dedicata alle piccole della casa giapponese, archiviata la vittoriosa parentesi trentina, per Andrea Scalzotto che, dopo aver saltato gli appuntamenti del Targa Florio e del Sanremo, tornerà alla guida della Suzuki Swift 1.6 R1 griffata Baldon Rally.

Un’immagine di repertorio di Andrea Scalzotto (immagine a cura di Baldon Rally)

Per il pilota di Cornedo Vicentino, affiancato da Nicola Rutigliano alle note, una situazione decisamente in salita, in virtù di una classifica che lo vede ai margini della top ten sia nel Campionato Italiano R1 che nella Suzuki Rally Cup, costringendolo ad un difficile recupero.

Abbiamo saltato il Targa Florio ed il Sanremo” – racconta Scalzotto – “e se anche quest’ultimo non si è poi disputato, causa maltempo, paghiamo lo scotto di non essere stati presenti in Sicilia. La nostra situazione di campionato è abbastanza difficile ma, confidando in due risultati utili, potremmo ritornare in corsa per le posizioni di vertice. Torneremo a correre con la mia millesei ed il primo obiettivo sarà quello di arrivare alla fine, puntando più in alto possibile. Lo scorso anno qui è andata molto bene e ci auguriamo di poterci ripetere, meteo permettendo.”

Baldon Rally – Ufficio Stampa

About Dario Furlan

Dario Furlan
Fotografo free lance e giornalista pubblicista. Segue da anni il panorama musicale internazionale - ma anche locale - con particolare predilezione per quanto riguarda il rock (in tutte le sue derivazioni), il folk ed il blues nonché la musica in lingua friulana. Cultore di "motori e rally", dei quali vanta una conoscenza ultradecennale, è anche atleta nella disciplina ciclistica della mountain bike.

Commenti chiusi.

[fbcomments]
Scroll To Top