sabato , 10 Aprile 2021
Notizie più calde //
Home » Il Discorso su » Dall'Italia » Thierry Neuville vince il Rally del Ciocco con la Hyundai i20 R5 e Stefano Albertini si porta in testa al Campionato Italiano Rally
Thierry Neuville vince il Rally del Ciocco  con la Hyundai i20 R5 e Stefano Albertini si porta in testa al Campionato Italiano Rally

Thierry Neuville vince il Rally del Ciocco con la Hyundai i20 R5 e Stefano Albertini si porta in testa al Campionato Italiano Rally

image_pdfimage_print

Neuville – Wydaeghe

Il Campionato Italiano Rally è iniziato con il botto, o forse è meglio dire con i botti, diversi infatti gli spunti di interesse che la gara toscana ha messo in evidenza, a cominciare dalla netta vittoria di Thierry Neuville e Martin Wydaeghe che, per quanto scontata, ha comunque rappresentato uno dei principali motivi di attrazione del Rally del Ciocco.

Neuville – Wydaeghe

Il belga, venuto in Italia per migliorare l’affiatamento con il suo nuovo navigatore, ha svolto il ruolo di lepre per tutta la gara ed in tanti hanno cercato di tenergli testa, come Stefano Albertini – autentica rivelazione di questo inizio campionato – che si è piazzato in seconda posizione a 22,7 secondi da Neuville; Albertini si è anche ritrovato temporaneamente in testa alla classifica generale ed ha combattuto a lungo con Neuville accontentandosi infine della seconda posizione assoluta. Un ritorno, quello di Albertini, che sa di rivincita contro i suoi detrattori e chi non credeva in lui.

Albertini – Fappani

Breen – Nagle

La gara è iniziata subito con un ritmo piuttosto alto, aumentato con il miglioramento delle condizioni meteo e del fondo stradale, ritmo che ha costretto più di qualcuno a prendere qualche rischio di troppo e terminare anzitempo il rally; ne ha fatto le spese anche uno dei protagonisti della gara toscana, l’irlandese Craig Breen che è uscito rovinosamente di strada a causa di una foratura sulla PS 5 Massa-Sassorosso; prova risultata fatale anche a Marco Pollara per un cappottamento che ha causato danni ingenti alla vettura ma senza conseguenze per l’equipaggio. Ben più consistenti i danni patiti da Campanaro che ha letteralmente distrutto la Ford Fiesta della Gass Racing sulla medesima prova, qualche timore per Daniele Campanaro e Jacopo Innocenti che sono stati trasportati in ospedale per accertamenti dove fortunatamente sono state escluse lesioni all’equipaggio.

Neuville – Wydaeghe

E dopo i botti “materiali” passiamo a quelli che hanno caratterizzato la classifica del 44° Rally Il Ciocco e Valle del Serchio: come detto la vittoria è andata a Thierry Neuville che ben poco ha lasciato agli avversari, sue infatti 5 delle 10 prove speciali in programma, le altre se le sono aggiudicate Craig Breen (2), Stefano Albertini (2) e Giandomenico Basso (1). Il suo risultato però non influisce sulla classifica del CIR in quanto non iscritto al campionato, ne beneficia così Stefano Albertini che si posiziona in testa alla classifica provvisoria del Campionato Italiano Rally.

Albertini – Fappani

Amaro invece l’avvio di campionato per il campione uscente Crugnola, penalizzato dalla rottura di un semiasse sulla Hyundai i20, il varesino ha concluso in decima posizione assoluta, ben lontano da quelle che erano le sue ambizioni alla vigilia della gara.

Crugnola – Ometto

Probabilmente anche Paolo Andreucci ha qualcosa da recriminare sul risultato finale, il garfagnino non è infatti riuscito ad andare oltre ad un poco soddisfacente nono posto finale dopo un esordio strabiliante che lo aveva portato a siglare il secondo tempo assoluto – dietro a Thierry Neuville – sulla prova di apertura; lo aspettiamo ai prossimi puntamenti in calendario quando l’affiatamento con la nuova vettura e le gomme lo porteranno nelle posizioni di classifica più consone a lui.

Andreucci – Pinelli

Tornando invece alle posizioni che contano, il terzo posto assoluto se lo è aggiudicato Giandomenico Basso, dopo un avvio in sordina il “Giando” ha iniziato a progredire sempre più fino ad aggiudicarsi l’ultima PS della gara, portando così a casa la coppa del terzo assoluto al Ciocco nonché quella del secondo posto in campionato.

Basso – Granai

Le successive posizioni sono state per la maggior parte conquistate (finalmente, ndr.) dai giovani – alcuni seguiti direttamente da ACI Sport – che hanno battagliato duramente per riuscire a mettersi in evidenza nel CIR, al quarto posto troviamo Fabio Andolfi con la Skoda Fabia R5, seguito da Rudy Michelini (Volkswagen Polo R5), al sesto posto Tommaso Ciuffi (Fabia R5) ed al settimo il venticinquenne Thomas Paperini (Skoda Fabia R5 EVO), vincitore fra gli under 25. All’ottavo posto il veneto Marco Signor su Volkswagen Polo R5.

Andolfi – Savoia

Michelini – Perna

Ciuffi – Gonella

Signor – Pezzoli

Michelini – Perna

In contemporanea alla gara di campionato italiano ha preso il via anche il rally valevole per il CRZ (la coppa di zona) che ha visto trionfare Federico Gasperetti dopo una accesa lotta con Luca Panzani.

La 44^ edizione del Rally del Ciocco e Valle del Serchio, andata in scena in una delle tante fasi epidemiologiche di questa infinita pandemia, ha avuto come centro nevralgico la splendida tenuta del Ciocco che ha fatto da cornice ai 164 equipaggi iscritti (fra CIR e CRZ) in questa 44^ edizione del Ciocco. Il rally si è svolto a porte chiuse, era infatti impossibile accedere nelle zone assistenza, riordino, ecc. se non autorizzati, questo ovviamente per evitare il rischio di contagi da Covid-19, ma sulle prove speciali della Garfagnana si è visto un discreto pubblico – rispettoso delle indicazioni sull’uso delle mascherine e sul distanziamento – segno della inguaribile passione rallystica dei toscani.

Un momento di convivialità di un gruppetto ben organizzato in attesa dello start di una PS

Ritorniamo per un attimo al vincitore per analizzarne la guida, gli oltre 22 secondi accumulati da Neuville sul suo diretto inseguitore (Albertini) non si notavano a occhio nudo nei suoi passaggi in prova ma la differenza più evidente rispetto alla guida degli avversari era il suo approccio alle curve ed ai tornanti dove il belga arrivava in leggera sbandata controllata per poi uscire in accelerazione con la vettura già dritta, uno stile di guida redditizio che abbinato alla vastissima esperienza accumulata nel mondiale ha portato Thierry Neuville a primeggiare senza apparenti difficoltà sul resto della concorrenza.

Neuville – Wydaeghe

Il rally si è sviluppato attraverso le strade più suggestive della Garfagnana, con la disputa di tre prove speciali tecniche e selettive (la Massa-Sassorosso, la Molazzana e la Careggine) – oltre alla prova di apertura disputata all’interno della tenuta Il Ciocco, valida anche come Power Stage – e con l’attraversamento di borghi caratteristici dell’iAlta Valle del Serchio che hanno dato lustro alla manifestazione.

Bonini -Zanini

La Fiat 500 Mild Hybrid Newtron di Pirola – Sarlo

Il prossimo appuntamento con il Campionato Italiano Rally è previsto per l’11 aprile con un’altra gara ricca di fascino e di storia, il Rallye Sanremo.

Servizio e foto dell’inviato Dario Furlan

About Dario Furlan

Dario Furlan
Fotografo free lance e giornalista pubblicista. Segue da anni il panorama musicale internazionale - ma anche locale - con particolare predilezione per quanto riguarda il rock (in tutte le sue derivazioni), il folk ed il blues nonché la musica in lingua friulana. Cultore di "motori e rally", dei quali vanta una conoscenza ultradecennale, è anche atleta nella disciplina ciclistica della mountain bike.

Commenti chiusi.

[fbcomments]
Scroll To Top