sabato , 4 Dicembre 2021
Notizie più calde //
Home » Il Discorso su » Dall'Italia » Presentato il 22° Prealpi Master Show, il rally su terra in programma il 12 dicembre a Sernaglia della Battaglia
Presentato il 22° Prealpi Master Show, il rally su terra in programma il 12 dicembre a Sernaglia della Battaglia
Edoardo Bresolin e Pietro Elia Ometto, secondi nel 2019 (immagine FOTOSPORT)

Presentato il 22° Prealpi Master Show, il rally su terra in programma il 12 dicembre a Sernaglia della Battaglia

image_pdfimage_print

È stata presentata alle 15 di martedì 9 novembre, l’edizione numero 22 del Prealpi Master Show, il rally organizzato dal Motoring Club che sarà la seconda gara del trofeo Raceday Rally Terra 2021-22. Il lavoro dell’organizzazione ha portato a modifiche nella logistica e nella struttura della prova speciale: la gara sarà una ronde e quindi si comporrà di una prova speciale da ripetere quattro volte nell’arco di domenica 12 dicembre.

Simone Tempestini e Masina Palitta vincitori del 21° Prealpi Master Show

L’apertura delle iscrizioni è fissata per le 8.00 di venerdì 12 novembre: per esigenze organizzative, il Motoring Club accoglierà fino a 140 richieste grazie alla deroga concessa da Aci Sport. Il limite massimo entro il quale gli iscritti al Raceday potranno far valere la propria priorità è fissato per le 20.00 di venerdì 19 novembre. Per tutti gli altri, le iscrizioni chiuderanno alle 20 di mercoledì 1° dicembre.

Il campo gara si animerà già da venerdì 10, quando dalle 17 alle 22 gli equipaggi iscritti potranno ritirare il radar nella sala consiliare di Sernaglia. Lo stesso si potrà fare anche l’indomani, quando dalle 7.30 alle 12.30 verranno portate avanti anche le verifiche tecniche nel parco assistenza. Questo non sarà più nel centro di Sernaglia ma nella zona industriale di Soligo nel territorio di Farra di Soligo, a poche centinaia di metri dallo start della prova speciale. Il riordino invece è previsto nei pressi degli impianti sportivi di Sernaglia, in via Divisione Julia. Dopo le ricognizioni del sabato mattina (7.30-11.30), nel pomeriggio andrà in scena uno shakedown rinnovato: lungo 3 km, ripercorre un tratto della prova speciale usata negli anni scorsi prima di immettersi nel tratto sterrato finale. La “curva del morèr” verrà percorsa in senso contrario rispetto al 2019, ma solo nello shakedown.

La prova di domenica, “Master Show”, sarà lunga 8,5 km e il primo passaggio partirà alle 8: la gara prevede 34 km di prove speciali per una lunghezza totale di 100,82 km. Verrà profondamente rinnovato il tratto finale della prova speciale, in gran parte diverso dalla conformazione 2019. Partenza e arrivo come da tradizione: la prima avrà luogo dall’uscita del parco assistenza, il secondo è previsto davanti al municipio di Sernaglia. Le premiazioni non si terranno più in sala consiliare al termine della manifestazione, ma direttamente sul palco d’arrivo.

Torna invece lo spiedo di sabato sera all’interno degli impianti sportivi di Soligo, per ragioni sanitarie aperto a non più di 250 persone: sono ammessi solo i piloti, navigatori e organizzatori che faranno arrivare in tempo le proprie prenotazioni al Motoring Club.

Anche quest’anno il Motoring Club metterà in palio alcuni premi speciali. I più veloci nello shakedown del sabato riceveranno il Memorial dedicato a Gianfranco e Maurizio Casagrande: ci sarà un premio per il primo fra le trazioni integrale e uno per la più veloce due ruote motrici. C’è una novità, ovvero il premio dedicato ad Angelo “Secondo” De Luca, cofondatore del Motoring scomparso in aprile all’età di 71 anni: il trofeo sarà assegnato a chi vincerà la prima prova speciale. Il primo navigatore classificato che avrà staccato la licenza con Aci Treviso riceverà il trofeo dedicato a Gianfranco Colferai. Resta il Trofeo Bettega, appannaggio del più veloce equipaggio Under 25. Infine non manca il cucchiaio di legno, offerto da Bordin Equipment e assegnato all’ultimo equipaggio classificato.

Le cartine e la tabella tempi&distanze verranno caricate all’apertura delle iscrizioni.

About Dario Furlan

Fotografo free lance e giornalista pubblicista. Segue da anni il panorama musicale internazionale - ma anche locale - con particolare predilezione per quanto riguarda il rock (in tutte le sue derivazioni), il folk ed il blues nonché la musica in lingua friulana. Cultore di "motori e rally", dei quali vanta una conoscenza ultradecennale, è anche atleta nella disciplina ciclistica della mountain bike.

Commenti chiusi.

[fbcomments]
Scroll To Top