martedì , 22 Giugno 2021
Notizie più calde //
Home » Sport » Calcio » L’UDINESE RIPARTE CON UN SUPER DI NATALE

L’UDINESE RIPARTE CON UN SUPER DI NATALE

image_pdfimage_print

L‘Udinese ritorna a vincere dopo 3 turni e dopo quasi 2 mesi fra le mura amiche contro un Chievo in un periodo di buona forma. I bianconeri si presentano al Friuli in formazione tipo ad esclusione di Pinzi ancora indisponibile, mentre il Chievo arriva con 4 squalificati. La gara inizia senza particolari emozioni tranne un tiro di Allan al 12′ su cui Puggioni, il portiere veneto, arriva senza particolari problemi. Al 20′ arriva, come un fulmine a ciel sereno, la svolta della gara: retropassaggio al portiere del Chievo che incespica sul pallone e rinvia sui piedi di Di Natale lesto a pressare l’estremo difensore ospite e a depositare la palla in rete per l’1 a 0 festeggiato mostrando la maglia con la foto di Franco Califano scomparso pochi giorni fa. Nemmeno il tempo per riprendersi è Puggioni deve ancora raccogliere il pallone da dietro la sua porta, senza particolari colpe però. E’ il 25° minuti quando Pereyra lancia alla perfezione per Di Natale che da posizione defilata con uno straordinario sinistro al volo ad incrociare trova il suo 170° gol in serie A. Il Chievo è, comprensibilmente abbastanza scosso dall’1-2 friulano e non riesce a reagire. E’ però la partita delle sorprese visto che al 35′ arriva il gol del Chievo: punizione dalla sinistra, e colpo di testa di Papp che si stampa sul palo, Rigoni da terra sembra non riuscire a colpire il pallone, ma riesce a calciarlo verso il centro dell’area trovando ancora Papp che di testa, complice anche un imperfetto Brkic trova la prima rete in serie A alla quinta presenza. Il finale di tempo è di marca clivense senza però creare molto dalle parti del portiere serbo. La ripresa si apre con una grande occasione per il Chievo che va molto vicino al pareggio con Pellissier che colpisce a botta sicura da pochi passi ma Brkic salva il risultato. La gara però non porta particolari emozioni al pubblico presente sugli spalti, con l’Udinese che controlla il gioco senza particolari problemi e prova qualche occasione offensiva, con il Chievo che prova a rispondere senza particolari pensieri per Brkic. Per i bianconeri si registra un ottimo scambio fra Muriel (entrato al posto di Maicosuel) e Di Natale concluso però malamente dal capitano bianconero e due buoni tiri da fuori area di Lazzari e Gabriel Silva sui quali Puggioni non si fa trovare impreparato. Il Chievo ci prova solo su calcio di punizione con Thereau ma la palla centra in pieno la barriera. Girandola di cambi prima degli ultimi minuti finali in cui ci si aspetta il forcing finale degli ospiti che però non arriva. Arriva invece il definitivo 3 a 1 di Benatia servito al meglio dal solito Di Natale che trova il difensore libero sul secondo palo per il tap-in vincente.Successo positivo per i bianconeri in una partita non bella ma che ha regalato la straordinaria perla balistica di Di Natale capace, come spesso accade, di illuminare il Friuli. La classifica odierna, ancora prima di sapere i risultati delle squadre attualmente in posizione Europa League, è buona e forse rimane il rammarico per i 2 punti non conquistati contro il Bologna nella gara precedente, ma non vanno dimenticati i momenti bui di questa stagione che in ogni caso sarà da considerarsi, competizioni europee a parte, comunque positiva.Una nota particolare  nell’intervallo tra il primo e secondo tempo  quando il patron bianconero Gianpaolo Pozzo  annuncia ai tifosi presenti : “A maggio cominciamo i lavori”. La data per l’avvio del cantiere per la realizzazione del nuovo stadio Friuli è stata annunciata affianco ad un tifoso d’eccezione:  il sindaco di Udine Furio Honsell, mentre sul maxi-schermo scorrevano le immagini del prossimo impianto.“Entro il prossimo anno avremo finalmente la casa dell’Udinese. E’ una nuova era per questo grande club. E’ una società che avrà un glorioso futuro. Ho ancora tanto entusiasmo – ha aggiunto – Abbiamo aspettato 10 anni, abbiamo lottato per raggiungere questi obiettivi, finalmente grazie al sindaco Furio Honsell siamo riusciti a risolvere tutte le problematiche”.

Il progetto del nuovo “FRIULI” i cui lavori come annunciato da patron Pozzo inizieranno a Maggio

 

L’Udinese ha quindi regalato una maglia bianconera celebrativa al sindaco, che a sua volta è intervenuto al microfono. “E’ partito un percorso che porterà il nome di Udine a diventare sempre più simbolo di innovazione grazie al calcio che è globale”, ha detto Honsell, elogiando la capacità imprenditoriale e la progettualità della famiglia Pozzo.

Rudi Buset
rudi.buset@ildiscorso.it
RIPRODUZIONE RISERVATA

 

About Rudi Buset

Rudi Buset
Pubblicista iscritto all'Albo dei giornalisti dal 2013 Diplomato presso l’ITC Einaudi nel 2007, lavora presso una carpenteria leggera artigiana. Impegnato nel sociale e in politica, da anni collabora con diverse realtà del suo territorio con particolare attenzione al mondo dell’associazionismo. Appassionato di tutto ciò che riguarda l’uomo in quanto “animale politico” oltre che allo sport (in primis il calcio).

Commenti chiusi.

[fbcomments]
Scroll To Top