lunedì , 14 Giugno 2021
Notizie più calde //
Home » Sport » Calcio » IL DISCORSO SUL CAMPIONATO – 21a giornata

IL DISCORSO SUL CAMPIONATO – 21a giornata

image_pdfimage_print

Dopo due giornate senza vittorie, è di nuovo strapotere Juve sul campionato.

La squadra di Conte con un secco 4 a 0 si sbarazza della pericolosa, ma per nulla in giornata, Udinese e allunga su Napoli e Lazio che pareggiano rispettivamente contro Fiorentina e Palermo. I bianconeri quindi allungano e si portano a 5 punti di vantaggio sulle prime inseguitrici grazie ad uno straordinario Pogba che mette a segno una doppietta con due precisi tiri da lontano. Nel finale di gara arrotondano il risultato le reti di Vucinic e Matri.

La Lazio di Petkovic, nell’altro anticipo di sabato sera non riesce a portare a casa i tre punti dalla trasferta di Palermo. Dopo 10 minuti biancocelesti in vantaggio con Floccari. I rosanero però, nella ripresa, al 70′ e un minuto più tardi ribaltano il risultato con Rios e Dybala, ma è un rigore di Hernanes all’84’ a fissare il risultato sul 2 a 2.

Pareggio anche per il Napoli, che in settimana aveva recuperato i due punti tolti dalla disciplinare, sull’insidioso campo di Firenze in uno dei vari match interessanti della giornata. Vantaggio viola al 33′ con un tiro da fuori, su cui De Sanctis ha parecchie colpe, di Roncaglia, pareggio dopo appena 9 minuti del solito Cavani.

Pareggiano, con lo stesso risultato, nel posticipo serale, Roma e Inter. I giallorossi partono forte e trovano il vantaggio con un rigore trasformato da Totti al 22′. L’Inter si riprende verso il finale di tempo e al 46′ pareggia con Palacio che sfrutta una caparbia incursione di Guarin. La ripresa è ricca di emozioni da una parte e dall’altra, con la Roma che non sfrutta le migliori occasioni, e il risultato non cambia.

Approfitta dei mezzi passi falsi di tutte le squadre in zona Europa, a parte la capolista, il Milan che in casa batte, con un po’ di fatica, un buon Bologna. Protagonista in zona realizzativa Pazzini con una doppietta. Sofferenza finale per l’autogol di Mexes, ma i 3 punti sono conquistati.

Conquistano 3 punti importanti anche Catania, Torino e Siena.

I siciliani battono con due gol, uno dopo appena 4 minuti di Bergessio e l’altro all’86 di Barrientos un sempre più pericolante Genoa che alla fine della gara sostituisce Delneri con Ballardini già passato sulla panchina dei grifoni due stagioni fa. Per la squadra del Presidente Preziosi la classifica è sempre più una montagna da scalare e la rincorsa è il caso di iniziarla prima possibile per evitare di rimanere incollati nei bassifondi della graduatoria.

Scappa dalla zona retrocessione, arrivando a +9 punti dal terz ultimo posto, il Torino che batte, nella sfida salvezza dell’Adriatico, il Pescara. 2 a 0 firmato nel primo tempo da Santana dopo 4 minuti e da Cerci al 41′ nella giornata dedicata al ricordo dell’ex Presidente pescarese Scibilia.

Prima vittoria sulla panchina del Siena per Iachini che contro la sua ex squadra, la Sampdoria trova 3 punti importanti per accorciare il distacco dalla salvezza ed evitare di fare un girone di ritorno di pura testimonianza. Decisivo, al 71′, il gol di Bogdani.

Non si fanno male, invece, Chievo e Parma che si dividono la posta in palio in una gara fra due squadre che consolidano una tranquilla posizione in classifica. Vantaggio ospite dopo 40 minuti con Belfodil, pareggio clivense firmato da Paloschi al 56′.

Pareggio, meno gradito da entrambe però, quello di Bergamo fra Atalanta e Cagliari che rimangono invischiate nella bassa classifica anche se comunque a qualche punto di distanza dal Genoa. Anche qui 1 a 1, il quarto della giornata, firmato da un clamoroso autogol di Canini dopo appena 2 minuti, e dal pareggio nerazzuro di Stendardo al 57′.

I risultati portano a questa classifica: Juventus 48, Napoli, Lazio 43; Inter 39; Fiorentina 36; Milan 35; Roma 33; Catania 32; Parma 31; Udinese 30; Torino (1 punto di penalizzazione) 26; Chievo 25; Atalanta (2 punti di penalizzazione) 23; Bologna, Sampdoria (1 punto di penalizzazione) 21; Cagliari, Pescara 20; Genoa 17; Palermo 16, Siena (6 punti di penalizzazione) 14

 

Rudi Buset
rudi.buset@ildiscorso.it
RIPRODUZIONE RISERVATA

About Rudi Buset

Rudi Buset
Pubblicista iscritto all'Albo dei giornalisti dal 2013 Diplomato presso l’ITC Einaudi nel 2007, lavora presso una carpenteria leggera artigiana. Impegnato nel sociale e in politica, da anni collabora con diverse realtà del suo territorio con particolare attenzione al mondo dell’associazionismo. Appassionato di tutto ciò che riguarda l’uomo in quanto “animale politico” oltre che allo sport (in primis il calcio).

Commenti chiusi.

[fbcomments]
Scroll To Top