sabato , 4 Dicembre 2021
Notizie più calde //
Home » HOT » Il binomio Carnia e motori ha vissuto un’altra giornata speciale con i test dei piloti Skoda in preparazione dell’ACI Rally Monza
Il binomio Carnia e motori ha vissuto un’altra giornata speciale con i test dei piloti Skoda in preparazione dell’ACI Rally Monza

Il binomio Carnia e motori ha vissuto un’altra giornata speciale con i test dei piloti Skoda in preparazione dell’ACI Rally Monza

image_pdfimage_print

Il rombo dei motori è nuovamente riecheggiato nelle valli della Carnia, si sono infatti svolti domenica scorsa i test di alcuni piloti ai vertici del Wrc2 e Wrc3, serie di supporto del World Rally Championship dedicate alle squadre semi-ufficiali del campionato del mondo rally.

L’evento è seguito a poca distanza dai test effettuati dal Toyota Gazoo Racing – il ramo sportivo della casa nipponica – che due settimane fa in Carnia ha testato gomme e assetti con i suoi piloti di punta in vista dell’appuntamento con l’ultima tappa del mondiale rally in programma nei prossimi giorni a Monza.

Marco Bulacia

Domenica sono stati ben quattro i piloti Skoda che hanno testato le loro vetture sul tracciato prescelto per le sessioni di prova: Andreas Mikkelsen (il biondo norvegese con il titolo di campione Wrc2 già in tasca), il boliviano Marco “Marquito” Bulacia, il russo Nicolay Gryazin e l’inglese Chris Ingram, una compagnia ben assortita che per tutta la giornata ha messo alla frusta le Skoda Fabia sul tracciato predisposto dalla Carnia Pistons che, in collaborazione con la BMP Program Service, ha reso possibile l’effettuazione dei test.

Chris Ingram

Il percorso individuato dagli organizzatori ha ripreso una parte della cronoscalata Verzegnis-Sella Chianzutan con però la variante della discesa che da circa a metà percorso taglia lungo la stretta strada nel bosco che porta al Lago di Verzegnis per poi risalire alla borgata di Chiaicis, dove era posizionata la Service Area.

Un tracciato completo, con l’iniziale tratto pianeggiante e velocissimo appena fuori Chiaicis e la successiva salita oltre il Ponte Landaia caratterizzata dalla carreggiata larga e ancora molto veloce, l’innesto nella stretta e ripida discesa che porta al lago, dove terminava il tratto cronometrato, con il sottobosco dai meravigliosi colori autunnali.

Andreas Mikkelsen

Nikolay Gryazin

La pioggia caduta nella notte e proseguita poi nelle prime ore del mattino ha un po’ complicato il lavoro dei piloti e dei meccanici nonché quello dei commissari di percorso preposti alla sicurezza dell’evento, pioggia che – se vogliamo – ha reso più completi i test dando modo ai piloti di provare le vetture con diverse condizioni di asfalto. In tarda mattinata ha cessato di piovere e qualche raggio di sole ha illuminato le splendide montagne della Carnia anche se non è stato sufficiente ad asciugare completamente il tracciato.

La parte in discesa è risultata particolarmente infida e scivolosa e in mattinata il russo Gryazin ne ha fatto le spese con una uscita di strada nei pressi della fine del tratto cronometrato, una uscita senza particolari danni alla vettura ne tantomeno all’equipaggio, ma che ha impegnato i membri del team ad un lungo lavoro per rimettere in carreggiata la vettura scivolata appena sotto la sede stradale ma bloccata in una posizione particolarmente ostica per il suo recupero.

I test sono poi ripresi con i piloti che via via hanno preso sempre più confidenza con il percorso “tagliando” le curve senza remore in pieno stile Wrc e salendo sui cordoli che delimitano alcuni tornati portando sempre più fango sulla carreggiata, tutto questo per la gioia dei numerosi appassionati che, complice anche la giornata festiva, non hanno voluto mancare all’ennesimo appuntamento con i motori in Carnia.

Non abbiamo riscontri cronometrici sulle prestazioni dei singoli piloti ma abbiamo visto girare particolarmente bene Mikkelsen e il giovane “Marquito” che sembrava divertirsi molto con la vettura spesso intraversata, molto regolare Chris Ingram mentre, dopo lo scoppiettante inizio, il russo Gryazin sembrava più tranquillo.

La parola ora spetterà ai cronometri ed ai tempi che nel fine settimana i quattro alfieri Skoda marcheranno al Forum8 ACI Rally Monza, gara che decreterà il pilota vincitore del Campionato del Mondo Rally e della casa automobilistica che potrà fregiarsi dell’analogo titolo riservato ai costruttori, la matematica lascia aperto ancora qualche spiraglio alla Hyundai ma è quasi certo che sarà la Toyota a festeggiare la conquista dell’alloro mondiale mentre anche per quanto riguarda i piloti saranno i due portacolori Toyota,  Sebastien Ogier – attualmente leader del campionato – e Elfyn Evans (secondo) a giocarsela fino all’ultimo metro delle prove speciali in programma per la vittoria del campionato. Come accennato, il titolo del Wrc2 è gia nelle mani di Andreas Mikkelsen che sarà della partita a Monza per onorarlo, il Rally Monza deciderà anche il vincitore del Wrc3 dove il polacco Kajetan Kajetanowicz su Skoda Fabia ed il francese Yohan Rossel su Citroen C3 si presentano a pari punti; nel frattempo la Carnia può fregiarsi del titolo di palestra ideale per team e piloti del Campionato del Mondo Rally.

Servizio e foto Dario e Guendy Furlan

About Dario Furlan

Fotografo free lance e giornalista pubblicista. Segue da anni il panorama musicale internazionale - ma anche locale - con particolare predilezione per quanto riguarda il rock (in tutte le sue derivazioni), il folk ed il blues nonché la musica in lingua friulana. Cultore di "motori e rally", dei quali vanta una conoscenza ultradecennale, è anche atleta nella disciplina ciclistica della mountain bike.

Commenti chiusi.

[fbcomments]
Scroll To Top