lunedì , 27 Gennaio 2020
Notizie più calde //
Home » Sport » Altri sport » 2 PERCORSI NUOVI DI ZECCA PER LA 22^ GRAN FONDO LIOTTO
2 PERCORSI NUOVI DI ZECCA PER LA 22^ GRAN FONDO LIOTTO

2 PERCORSI NUOVI DI ZECCA PER LA 22^ GRAN FONDO LIOTTO

image_pdfimage_print

Dopo la notizia, accolta con grande entusiasmo, della nuova data della 22° edizione, ovvero domenica 19 aprile, i colpi di scena sono solo all’inizio. Perché ridisegnare totalmente i percorsi di una gran fondo, si sa, è un lavoro enorme che si traduce nella rielaborazione di ogni singolo aspetto della gara. Ma i percorsi che sono stati individuati e tracciati sorprenderanno e entusiasmeranno anche i più scettici. Il perché è presto detto e ci pensa Pierangelo Liotto, organizzatore, insieme alle sorelle Luigina e Doretta, della manifestazione vicentina.

“Tutti gli anni, senza saltarne uno, abbiamo introdotto delle novità sui percorsi, perché vogliamo che i nostri corridori possano cimentarsi ogni volta in qualcosa di inedito che li sorprenda e li diverta per davvero. Ma questa volta ci siamo superati. Abbiamo rielaborato integralmente i percorsi e il risultato ci riempie di orgoglio e motivazione. Meno pianura, salite favolose di cui la nuova Aquila, da affrontare solo ed esclusivamente nel lungo, che è stata individuata nella mitica Mossano – Crosara, meglio conosciuta tra gli appassionati della zona come “Via Monti” (3,4 km, 309 m D+, pendenza media 9,1%, max. 18%). È una salita inserita anche nel Giro d’Italia 2015, precisamente nella 12° tappa che si concluse poi a Monte Berico con la vittoria del fuoriclasse Philippe Gilbert. Le nostre scelte sono state ispirate da due fattori: bellezza paesaggistica che lascia senza fiato e maggiore sicurezza stradale.”

Dopo 5 anni, in cui i percorsi sono stati ritoccati, ma non rivoluzionati, è arrivato quello della svolta e le due proposte firmate Liotto hanno il sapore della grande sfida. Il percorso medio è sempre di 90 km, con un dislivello di 1490 m, il lungo è leggermente ridotto rispetto al 2019 e totalizza 120 km con 2450 m di dislivello. Confermato l’arrivo panoramico ed emozionante di Monte Berico, ma tutto il resto è da sperimentare in prima persona.

Il sito ufficiale della manifestazione, www.granfondoliotto.it, è stato totalmente aggiornato e, consultando la sezione LA GARA, si possono trovare informazioni dettagliate. Le 4 salite, presenti in entrambi i tracciati, assicurano grande varietà sia dal profilo della prestazione richiesta sia per gli scenari che si incontreranno. In particolare, la prima da affrontare, la apprezzatissima Longara-Villabalzana, di quasi 8 km con una pendenza media del 4,20% e strappi del 12%, situata nella immediata periferia di Vicenza, lontana dal traffico, è abbastanza lunga e regolare da sgranare immediatamente il fiume colorato dei ciclisti, così ognuno è libero di seguire l’andatura che gli è più congeniale e quando si sale, i panorami godibili premiano ampiamente della prima fatica sostenuta. La divisione dei percorsi è posta al 77° km e chi sceglierà di vivere fino in fondo la sfida lanciata dai Liotto, optando per il lungo, troverà pane per i denti, di fonte alla famigerata quinta salita, posta all’88° km, la già citata “Via Monti”.

Le iscrizioni online sono attive e la quota attualmente è di euro 40,00, bloccata fino a fine anno con PRIMA GRIGLIA garantita, mentre per i TEAM è in vigore la promozione 10 +1, ovvero a fronte di 10 iscrizioni, l’11° è gratis, alla tariffa super scontata di euro 35,00 a persona.

Per seguire tutti gli aggiornamenti della gran fondo: https://www.facebook.com/GranFondoLiotto/ 

La Gran Fondo Liotto città di Vicenza è prova unica del Campionato TRIVENETO e fa parte del Campionato Nazionale ACSI. È tappa del Giro delle Regioni e del Challenge Zero Wind Show.

About Dario Furlan

Dario Furlan
Fotografo free lance e giornalista pubblicista. Segue da anni il panorama musicale internazionale - ma anche locale - con particolare predilezione per quanto riguarda il rock (in tutte le sue derivazioni), il folk ed il blues nonché la musica in lingua friulana. Cultore di "motori e rally", dei quali vanta una conoscenza ultradecennale, è anche atleta nella disciplina ciclistica della mountain bike.

Commenti chiusi.

[fbcomments]
Scroll To Top