martedì , 26 Gennaio 2021
Notizie più calde //
Home » HOT » UNA RIFLESSIONE GIURIDICA DEL MAESTRO REMO ANZOVINO, COMPOSITORE, PIANISTA E AVVOCATO, SULLA CHIUSURA DEL COMPARTO DELLO SPETTACOLO
UNA RIFLESSIONE GIURIDICA DEL MAESTRO REMO ANZOVINO, COMPOSITORE, PIANISTA E AVVOCATO, SULLA CHIUSURA DEL COMPARTO DELLO SPETTACOLO

UNA RIFLESSIONE GIURIDICA DEL MAESTRO REMO ANZOVINO, COMPOSITORE, PIANISTA E AVVOCATO, SULLA CHIUSURA DEL COMPARTO DELLO SPETTACOLO

image_pdfimage_print
Condividiamo su queste pagine una profonda riflessione giuridica del  compositore, pianista e avvocato
Remo Anzovino in merito al nuovo Dpcm
e, nello specifico, in merito alla chiusura dei teatri

ph Simone Di luca

.

PORDENONE, 26 OTTOBRE 2020

Ciao a tutti,

sono Remo Anzovino, voglio mandare un grosso saluto a tutti gli amici del Teatro Politeama Rossetti di Trieste, a partire dalla Direzione, a tutte le maestranze, ovviamente a tutti gli amici spettatori, fan del teatro e miei. Sono profondamente dispiaciuto dal dover registrare questo messaggio da casa mia e non poter essere sulle tavole del meraviglioso palcoscenico del Rossetti questa sera, dove avrei dovuto con grande gioia e grande onore aprire la stagione concertistica 2020/2021.

È a tutti noto che il nuovo DPCM del governo ha sostanzialmente sospeso le attività perché ha chiuso i teatri, i cinema, i luoghi di pubblico spettacolo. Voglio, rispetto a questo fatto, dire la mia opinione: sono – per usare un eufemismo – veramente molto perplesso.

Rimango perplesso, sconcertato, riguardo a questa decisione perché penso che tradisca una delle cose che ha caratterizzato il nostro paese nella storia dell’umanità, cioè la nostra grande tradizione giuridica, il fatto cioè che nel nostro paese ci siano stati alcuni tra i più grandi giuristi di sempre. La capacità di un giurista, cioè di chi scrive le leggi, è sempre stata quella e dovrebbe essere quella di saper contemperare gli interessi in gioco. In questo caso gli interessi in gioco sono il diritto alla salute e la tutela della salute, ma anche il diritto e la tutela alla salute mentale.

La salute mentale è molto importante, pensare che un governo possa senza una motivazione razionale – considerati i dati oggettivi che riguardano l’epidemia e i contagi nei luoghi di pubblico spettacolo (cioè dati pari a 0, i luoghi più sicuri si sono dimostrati i pubblici spettacoli) –  privare la collettività di quello che si può definire “nutrimento per per la mente” significa non saper contemperare un interesse fondamentale, cioè che la gente ha assolutamente il bisogno di andare a cibare la propria mente a teatro, nei cinema, nelle sale da concerto perché non si può vivere chiusi in casa ad ascoltare dalla mattina alla sera i virologi che snocciolano dati e infondono, senza alcuna volontà ma oggettivamente, soltanto una sensazione di paura e di terrore. Questo porterà semplicemente le persone a non vivere più.

Se vi ricordate, dal momento del lockdown fino alla sua fine – cioè i primi di maggio – la narrazione è stata quella di dire ai cittadini che avremmo dovuto imparare a convivere col virus. Ecco, convivere vuol dire vivere con qualcosa, con qualcuno, non vuol dire smettere di vivere a causa del virus.

Questo mi lascia perplesso e voglio, senza alcuna polemica ma proprio partendo da quella che è la nostra tradizione giuridica, in qualche modo evidenziare nel gesto politico del nuovo DPCM di chiudere i teatri e i cinema, una mancanza di cultura giuridica, incapacità cioè di contemperare gli interessi in gioco. Chi scrive le leggi lo dovrebbe sapere fare e in qualche modo è lì per quello. Perché di fronte a una difficoltà la cosa più semplice è scegliere sempre la via più facile ma spegnere la mente delle persone, e attraverso quello, portare i tantissimi lavoratori alla fame, completamente alla fame, significa devastare un comparto enorme dal punto di vista produttivo, quello dello spettacolo, e portarlo semplicemente alla deriva. E questo vale siia il pubblico che per i lavoratori dello spettacolo. E’ importante che ognuno di voi (pubblico) lo faccia capire attraverso i propri canali, i propri social, far capire che c’è bisogno assolutamente di riaprire i teatri per la salute mentale di tutti, perché sono i luoghi più sicuri, i luoghi dove non ci si contagia.

So che il Teatro Rossetti ha deciso semplicemente di sospendere tra le altre cose il mio concerto, quindi verrà annunciata a breve la nuova data e so che questa sera il Teatro vuole mandare attraverso i suoi canali social il video della preview del concerto che io ho registrato simbolicamente il 15 giugno, giorno della riapertura dei teatri dopo il lockdown, dentro al meraviglioso Politeama Rossetti. Spero che il video sia soltanto un breve arrivederci e che ci ritroveremo tutti presto dentro al teatro per godere della musica, dell’arte del teatro e in questo modo riuscire ad abbeverare le nostre menti di bellezza ed a riuscire ad ampliare sempre i nostri orizzonti che in questo momento ci paiono abbastanza ristretti. Grazie.

Remo Anzovino

About Redazione

Redazione
Il discorso è composto da idee, parole, fatti ed esperienze con il fine di in-formare coscienze libere e responsabili. Le cose sono invisibili senza la luce, le parole sono vuote senza un discorso.

Commenti chiusi.

[fbcomments]
Scroll To Top