domenica , 29 Maggio 2022
Notizie più calde //
Home » Spettacolo » Cinema » The Matrix Resurrections: notizie non entusiasmanti dall’estero, in attesa della sua uscita in Italia
The Matrix Resurrections: notizie non entusiasmanti dall’estero, in attesa della sua uscita in Italia

The Matrix Resurrections: notizie non entusiasmanti dall’estero, in attesa della sua uscita in Italia

The Matrix Resurrections - Thomas Anderson e Trinity ancora insieme

The Matrix Resurrections – Thomas Anderson aka Neo e Trinity ancora insieme

The Matrix Resurrections uscirà in Italia il primo gennaio 2022, ma all’estero è già nelle sale cinematografiche dal 22 dicembre. Questo sequel – o forse reboot – è molto atteso, ultimo episodio di una saga che è cominciata nel 1999, con The Matrix, film cult che ha creato uno vero spartiacque nell’immaginario collettivo.

The Matrix è una pellicola che ha introdotto novità sul piano tecnico, basti pensare all’effetto visivo del bullet time, con una eccellente idea di base e, soprattutto, una storia eccezionalmente solida, con una struttura narrativa che segue perfettamente il viaggio dell’eroe proposto da Christofer Vogler.

I suoi due sequel, usciti nel 2003, anche se visivamente efficaci, non sono stati all’altezza del primo episodio della saga. Se il secondo capitolo, The Matrix Reloaded, ancora si salvava, il terzo, The Matrix Revolutions, segna il trionfo degli effetti speciali, a discapito della comprensibilità della storia e dello spessore dei personaggi, ridotti spesso a comparse in un videogioco scarsamente leggibile.

The Matrix Resurrections imprimerà un colpo di reni alla saga o ne sancirà il definitivo affondamento? Probabile che garantirà il mero galleggiamento del franchising, stando alla risposta del pubblico e della critica da oltreoceano.

Per avere una buona idea della risposta degli spettatori a un film, basta dare un’occhiata al riepilogo delle valutazioni del pubblico, dato che Google fornisce gratuitamente quando cerchiamo informazioni su una pellicola.

Per quanto riguarda i tre film già usciti ecco i risultati:

  • The Matrix 4,7/5 (1697 valutazioni)
  • The Matrix Reloaded 4,3/5 (312 valutazioni)
  • The Matrix Revolutions 3,9/5 (315 valutazioni)

In data odierna The Matrix Resurrections ha raccolto un misero 2,6/5, con 9619 valutazioni già raccolte. Molta gente è andata a vedere questo atteso sequel, ma le aspettative sembrano essere state mediamente deluse, e non di poco…

Non va meglio guardando altri indicatori di gradimento. Diamo un’occhiata al sito IMDb (Internet Movie Database), che esprime il giudizio medio degli spettatori in decimi:

  • The Matrix 8,7/10 (1,8 milioni di voti)
  • The Matrix Reloaded 7,2/10 (560000 voti)
  • The Matrix Revolutions 6,8/10 (484000 voti)

Attualmente The Matrix Resurrections ha raccolto solo 84000 voti, ma il punteggio è 5,8/10.

Il trend di calo di gradimento da parte del pubblico sembra essere confermato. Certo, per l’ultimo capitolo della saga parliamo di dati parziali, ma il dato non è entusiasmante.

Le risposta da parte della critica sono molto diversificate, come è giusto che sia, ma le valutazioni entusiastiche sembrano scarseggiano, almeno per il momento.

The Matrix Resurrections: un successo commerciale annunciato

La triologia di Matrix è nel suo piccolo un caso paradigmatico di un trend ormai multi-decennale nel cinema mainstream: il graduale predominio degli effetti audiovisivi sulla recitazione e sulle storie raccontate, nel contesto di un cambiamento delle aspettative di un pubblico sempre più abituato a pellicole che sconfinano nel mondo dei videogiochi.

Un cinema mainstream dove il franchise domina sovrano, nutrendosi di autocitazioni, creando narrazioni confuse che lasciano sempre le porte aperte a sequel, spin-off, reboot e chi più ne ha più ne metta.

Un volta che un film ha successo, perché di qualità o innovativo in modo gradito dal pubblico, è inevitabilmente destinato a essere riproposto, in qualche modo. E il gioco funziona, perché gli spettatori accorrono a frotte, magari ben sapendo che la probabilità di rimanere delusi è alta.

Del resto anche chi scrive, nonostante le sue perplessità e dubbi, il primo di gennaio sarà in sala a vedere questo sequel, sempre con la speranza di rimanere sorpreso in positivo, ma ben sapendo che la qualità dei capitoli di una saga è in genere inversamente proporzionale alla durata della stessa.

Spero che il quarto capitolo di Matrix smentisca questa regola empirica…

Alessandro Marotta

About Alessandro Marotta

Commenti chiusi.

[fbcomments]
Scroll To Top