venerdì , 30 Luglio 2021
Notizie più calde //
Home » HOT » martedì 29 ottobre – L’INFINITO TRA PARENTESI di MARCO MALVALDI con MADDALENA e GIOVANNI CRIPPA – nuova produzione del Teatro Stabile FVG
martedì 29 ottobre – L’INFINITO TRA PARENTESI di MARCO MALVALDI con MADDALENA e GIOVANNI CRIPPA – nuova produzione del Teatro Stabile FVG

martedì 29 ottobre – L’INFINITO TRA PARENTESI di MARCO MALVALDI con MADDALENA e GIOVANNI CRIPPA – nuova produzione del Teatro Stabile FVG

image_pdfimage_print

Maddalena Crippa e Giovanni Crippa, sono gli eccellenti protagonisti de Linfinito tra parentesidi Marco Malvaldi, giallista, scrittore e chimico che nel testo ha ricreato un duellofra cultura umanistica e sapere scientifico, usando un tono agile e seducente. Diretta da Piero Maccarinelli la nuova produzione del Teatro Stabile regionale debutta alla Sala Bartoli del Politeama Rossetti, il 29 ottobre e vi replica fino al 17 novembre.  Poi in tournée italiana.

«La scienza e la letteratura sono entrambe figlie del cervello delluomosostiene Marco Malvaldi autore de Linfinito tra parentesi”– e conoscere entrambe ci permette di costruire scorciatoie. Ponti che collegano posti lontani in modo veloce, sfruttando meglio la rete di comunicazione del nostro cervello. Non scordiamocelo mai; la tentazione è forte, ogni giorno».

Il tema, che Malvaldi ha trattato inizialmente in un saggio omonimo, diviene ora materia teatrale: a dargli forma drammaturgica è stato lo stesso autore, indotto da Piero Maccarinelli, regista che già in passato (firmando La domanda della regina) ha collaborato con il Teatro Stabile del Friuli Venezia Giulia nellindagine dedicata al mondo della scienza, affrontato attraverso i linguaggi del palcoscenico. Nella produzione di questo spettacolo hanno collaborato con lo Stabile del Friuli Venezia Giulia, il Teatro della Toscana – Teatro Nazionale e Mittelfest 2019

Ne Linfinito tra parentesiMarco Malvaldi mette a frutto tutto il suo istinto di affermato scrittore e giallista, e tutta la sua sapienza di chimico per inscenare un un duellointeressante fra due linee che percorrono ogni aspetto della nostra esistenza: scienza e umanesimo.

Ecco allora che la cifra dello spettacolo si annuncia del tutto particolare. Lo stile di Malvaldi è agile e divulgativo, induce a riflettere ma diverte e seduce, e viene perfettamente incarnato in ogni sua sfumatura e valorizzato in ogni potenzialità dalla bravura di Maddalena e Giovanni Crippa.

Al centro dello spettacolo dunque, due protagonisti di assoluto spessore: straordinaria carriera internazionale per lei, duttile e raffinatissima, eccellenti traguardi per lui, fra gli attori prediletti di Luca Ronconi al Piccolo di Milano, profondo, emozionante in ogni interpretazione

Maddalena Crippa interpreta Francesca, accademica di Letteratura, che invita a cena il fratello Paolo Borghesi (Giovanni Crippa), docente di fisica nello stesso ateneo. Luomo ha intrapreso la complessa scalata alla carica di rettore. Lattesa spasmodica dei risultati, gli equilibri fra voti e candidature, il gioco di ipotesi e rivelazioni messo in campo da Francesca (qui si evidenzia lanima di giallista dellautore) sono davvero intriganti.

Si resta così catturati dalla trama, che però è anche pretesto per innescare quel confronto fra sapere scientifico e umanistico che sa volare alto, e fa vibrare la mente e il cuore passando da enunciazioni scientifiche a delicati versi poetici (va ascoltata con attenzione lincantevole poesia di Wisława Szymborska interpretata da Maddalena Crippa!), dalla complessità delle scoperte di Dirac e Oppenheimer alle giocose intuizioni di Paperino, o alle note de Il chimicodi De André che Giovanni Crippa restituisce in modo sinceramente toccante. Chissà se alla fine vincerà il duello la cultura scientifica o quella umanisticaLo spettacolo non dà una risposta, ogni spettatore può trovarne una propria. Ma una cosa, di certo, chiarisce: come fra le due non debbano esserci barriere, perché il loro denominatore comune, che offre loro senso e respiro, è unico, ed è lessere umano.

Dopo il debutto in anteprima accolto con grande successo al Mittelfest lo scorso luglio, lo spettacolo replica a lungo alla Sala Bartoli dal 29 ottobre al 17 novembre. Di martedì e venerdì lo spettacolo inizia alle ore 19.30; mercoledì, giovedì e sabato lorario dinizio è alle ore 21 e la domenica lo spettacolo è pomeridiano, alle ore 17.

Per biglietti e prenotazioni e per acquistare nuovi abbonamenti si suggerisce di rivolgersi alla Biglietteria del Politeama Rossetti, agli altri consueti punti vendita, o via internet sul sito www.ilrossetti.it. Informazioni anche al numero del Teatro 040.3593511.

About Enrico Liotti

Enrico Liotti
Giornalista Pubblicista dal 1978, pensionato di banca, impegnato nel sociale e nel giornalismo, collabora con riviste Piemontesi e Liguri da decenni.

Commenti chiusi.

[fbcomments]
Scroll To Top