domenica , 5 Dicembre 2021
Notizie più calde //
Home » HOT » L’importanza di chiamarsi Ernesto TEATRO ROSSETTI DAL 19 FEB. AL 23 FEB.2014

L’importanza di chiamarsi Ernesto TEATRO ROSSETTI DAL 19 FEB. AL 23 FEB.2014

image_pdfimage_print

Un grande classico di Oscar Wilde – definito “la più bella commedia di tutti i tempi” – arriva il 19 febbraio al Politeama Rossetti per il cartellone Prosa del Teatro Stabile del Friuli Venezia Giulia. Si tratta de L’importanza di chiamarsi Ernesto, nell’allestimento di Geppy Gleijeses che figura anche fra i protagonisti assieme a Marianella Bargilli e Lucia Poli”. 

Ritorna a Trieste dopo tredici anni e in un allestimento nuovo e arricchito uno dei più amati classici del teatro europeo, L’importanza di chiamarsi Ernesto di Oscar Wilde, nella regia di Geppy Gleijeses che ne è anche uno dei protagonisti assieme a Marianella Bargilli e Lucia Poli. In scena da mercoledì 19 a domenica 23 febbraio, lo spettacolo è ospite del cartellone Prosa del Teatro Stabile regionale e  declina i temi dell’amore all’ironia come solo Oscar Wilde sapeva

FOTO FEDERICO RIVA2008

FOTO FEDERICO RIVA2008

fare.«Solo con le commedie brillanti entrò nella breve fase penultima della sua vita: il lusso e la ricchezza» affermava James Joyce in un articolo scritto in italiano per Il Piccolo della Sera di Trieste, nel 1909. «Il ventaglio di Lady Windermere prese Londra d’assalto. Il Wilde entrando in quella tradizione letteraria di commediografi irlandesi che si stende dai giorni di Sheridan e Goldsmith fino a Bernard Shaw, diventò, al par di loro, giullare di corte per gli inglesi. Diventò un arbitro d’eleganze nella metropoli e la sua rendita annua, provento dei suoi scritti, raggiunse quasi il mezzo milione di franchi. Sparse il suo oro fra una sequela di amici indegni. Ogni mattina acquistò due fiori costosi, uno per sé, l’altro per il suo cocchiere; e persino il giorno del suo processo clamoroso si fece condurre al tribunale nella sua carrozza a due cavalli col cocchiere vestito di gala e collo staffiere incipriato». Lo scrittore era morto da nove anni e Joyce ne tratteggiava l’eccentricità, ma dava atto anche del suo incredibile talento letterario e ne biasimava la fine, perseguitato, disconosciuto, abbandonato da tutti.L’importanza di chiamarsi Ernesto rappresenta proprio l’estremo momento della gloria dell’autore, forse il più alto vertice della sua antesignana intuizione drammaturgica, e l’attimo anche della sua caduta.Messa in scena con enorme successo il 14 febbraio del 1895 a Londra la commedia fu infatti sospesa dopo sole sei repliche in seguito allo scandalo del processo contro Lord Queensberry che aveva pubblicamente tacciato Wilde di sodomia: ma teatralmente parlando, sarebbe stata l’inizio di chissà quali evoluzioni. Non a caso viene definita la più bella commedia di tutti i tempi. È leggera, surreale nei dialoghi (che Wilde voleva recitati con naturalezza), tutti ERNESTO 1splendidamente costruiti sulla satira, sul gioco di parole, sul ritmo, su un susseguirsi incredibile di paradossi. Può una giovane impuntarsi su un nome – Ernest, che in inglese si pronuncia come “earnest”, ossia onesto – a tal punto da decidere di sposare solo l’uomo che lo porterà? Al contrario della Giulietta shakespeariana, per cui non aveva alcun valore il nome dell’amato, la bella Gwendolen figlia di Lady Bracknell, sì: prende tale decisione. E getta nello sconforto il povero Jack Worthing, che peraltro non conosce le proprie vere origini, ed è innamorato di lei. Si finge naturalmente un “Ernest” e la corteggia con la connivenza dell’amico Algernon e da quell’inganno parte il vortice di intrighi ed equivoci della commedia, elegante e godibile come nessuna. Per Geppy Glejieses l’allestimento de L’importanza di chiamarsi Ernesto è stato un significativo successo: oltre dieci anni fa totalizzò numeri da record in molti teatri italiani. L’affronta ora nuovamente in un’edizione preziosa e rinnovata, in cui recita accanto a Marianella Bargilli e a Lucia Poli. I ruoli sono così distribuiti: Marianella Bargilli (Algernon), Orazio Stracuzzi (Lane/Merriman), Geppy Gleijeses (Jack), Lucia Poli (Lady Bracknell), Valeria Contadino (Gwendolen), Renata Zamengo (Miss Prism), Giordana Morandini (Cecily), Luciano D’Amico (Chasuble).

 L’importanza di chiamarsi Ernesto di Oscar Wilde è tradotto da Masolino D’Amico, la proiezione scenica è di Teresa Emanuele, i costumi di Adele Bargilli, le musiche di Matteo D’Amico, firma le luci Luigi Ascione. Lo spazio scenico, come la regia, è concepito da Geppy Gleijeses.

Lo spettacolo è prodotto dal Teatro Quirino – Vittorio Gassman.

Lo spettacolo va in scena dal 19 al 23 febbraio al Politeama Rossetti per la stagione Prosa dello Stabile regionale. Da mercoledì a sabato lo spettacolo va in scena alle 20.30. Giovedì anche alle ore 16, mentre domenica la replica è esclusivamente pomeridiana. Biglietti ancora disponibili presso i punti vendita e i circuiti consueti dello Stabile regionale.

About Redazione

Il discorso è composto da idee, parole, fatti ed esperienze con il fine di in-formare coscienze libere e responsabili. Le cose sono invisibili senza la luce, le parole sono vuote senza un discorso.

Commenti chiusi.

[fbcomments]
Scroll To Top