mercoledì , 4 Agosto 2021
Notizie più calde //
Home » HOT » La Prosa curiosa 30 anni Teatro Miela Una “stagione” nella stagione.
La Prosa curiosa  30 anni Teatro Miela  Una “stagione” nella stagione.

La Prosa curiosa 30 anni Teatro Miela Una “stagione” nella stagione.

image_pdfimage_print

In prossimità del trentesimo compleanno del Teatro Miela, Bonawentura rilancia la sua “Prosa Curiosa” con una piccola serie di spettacoli teatrali raffinati e allo stesso tempo popolari. Il teatro come opportunità di svago e di conoscenza, dove nello stesso allestimento, si possono trovare oltre a linguaggi diversi, classici elaborati, poesia, stand up, storie di truffe e industriali illuminati. Un piccolo filo rosso lega tre racconti, quello di Olivetti, di Zanussi e Brovedani e delle loro industrie, ma altre connessioni legano gli spettacoli tra loro.

Paolo Rossi presenterà, in anteprima nazionale, “Il comandante delle cause perse” nuovo progetto che  spazia dall’Iliade alla Jannacceide, il premio Ubu  2018 Gianfranco Berardinei giorni precedenti al nuovo spettacolo “I figli della frettolosa” terrà al Teatro Miela, assieme a Gabriella Casolari, un laboratorio per formare il coro dello spettacolo, Antonio Cornacchione racconterà la vera storia dell’imprenditore Olivetti parallelamente con la sua esperienza diretta di impiegato in azienda.

Antonello Taurino (spettacolo di apertura della rassegna)  ci svelerà lo scherzo del secolo sul presunto ritrovamento delle opere di Modigliani del 1984. I Papu con il loro “Si fa presto a dire elettrodomestico” parleranno di Zanussi, e del rapporto azienda territorio nella vicina Pordenone.

E poi ancora le storie di Aida Talliente con “Il Vangelo delle Beatitudini”, uno spettacolo ispirato a storie spesso dimenticate una delle quali dedicata a Don Mario Vatta e alla sua comunità di San Martino al campo a Trieste.

E infine Osiride Brovedani (produzione Bonawentura), ovvero la storia del signor “Fissan” e della sua azienda nata in una palazzina del rione di San Giacomo. La Prosa Curiosa appunto, e curiosando nel ridottino del Teatro troveremo ancora altri piccoli spettacoli da camera con reading come Barbablu e lo Zeno stand up di Stefano Dongetti.  La curiosità è ciò che accomuna i protagonisti della nostra stagione nella stagione. Artisti legati al Teatro Miela per affinità e visione che, con la loro disponibilità, hanno  contribuito a creare di un intenso cartellone in un teatro “Instabile”  giunto a questo importante traguardo.

I biglietti per gli spettacoli sono disponibili in prevendita c/o biglietteria del teatro Miela  (tel. 0403477672) tutti i giorni dalle 17.00 alle 19.00 oppure su vivaticket.

Segnaliamo che è disponibile una riduzione under 30 per festeggiare i 30 anni del teatro.

Una speciale PROMOZIONE a € 32,00 è riservata a chi acquisterà  entro il  10 aprile 4 spettacoli a scelta all’interno della rassegna.

Per maggiori info: www.miela.it

About Redazione

Redazione
Il discorso è composto da idee, parole, fatti ed esperienze con il fine di in-formare coscienze libere e responsabili. Le cose sono invisibili senza la luce, le parole sono vuote senza un discorso.

Commenti chiusi.

[fbcomments]
Scroll To Top