martedì , 26 Gennaio 2021
Notizie più calde //
Home » HOT » LA MEMORIA DI MEDEA di UGO VICIC in scena al Teatro Stabile regionale da MERCOLEDì 25 FEB. alla SALA BARTOLI.

LA MEMORIA DI MEDEA di UGO VICIC in scena al Teatro Stabile regionale da MERCOLEDì 25 FEB. alla SALA BARTOLI.

image_pdfimage_print
Paola Bonesi, regista de La memoria di Medea, abbraccia appieno l’originale chiave di lettura che Ugo Vicic sceglie per elaborare questo classico greco e si affida per il ruolo del titolo al talento di Dora Di Mauro. 
Lo spettacolo, inserito nel cartellone altripercorsi del Teatro Stabile del Friuli Venezia Giulia, sarà in scena alla Sala Bartoli da mercoledì 25 a venerdì 27 febbraio, sempre alle ore 21.
In effetti è molto avvincente la rilettura di Medea che ha concepito questo autore e regista triestino, dalla preziosa carriera artistica: egli lega uno dei tabù più laceranti di tutti i tempi, ad un quotidiano – il nostro – in cui esso è sempre più dolorosamente e inspiegabilmente presente.Può una madre uccidere la propria creatura? Dalla Medea di Euripide alla Gretchen goethiana, dalla psicologia alle cronache attuali, tutto ci dimostra che il delitto più inumano e inquietante appartiene alla nostra storia e al nostro presente.Come molte mamme-assassine di oggi, la Medea di Vicic ha rimosso la sua colpa, ma al suo stato psicologico non corrisponde un equilibrio fisico: la protagonista infatti soffre atrocemente, è percorsa da ansie, tremori, fobie, crisi di panico. Uno psichiatra l’aiuterà e proprio durante una seduta, riacquista la memoria, grazie all’impressione violenta di riascoltare la ninna nanna che cantava ai suoi bambini.
Ma non è questo il solo colpo di scena: Medea infatti si oppone immediatamente all’idea di essere un’infanticida, una donna folle o depressa… E allora bisogna indagare, capire da chi viene l’accusa, chi è davvero il colpevole. Il monologo si sviluppa allora come un thriller psicologico, un giallo che non lesina svolte improvvise, rivelazioni e un finale che non ci si aspetta.Una dimensione affascinante che fonde cultura classica a sensibilità e capacità di scrittura moderne, e trova un ulteriore punto di forza nell’appassionata adesione dell’attrice e della regista, due sensibilità femminili per scrutare nella tormentata voragine dell’animo di Medea.La memoria di Medea di Ugo Vicic per la regia di Paola Bonesi è interpretato da Dora Di Mauro. Le scene ed i costumi dello spettacolo sono di Andrea Stanisci, le luci e il coordinamento di Peppe Pizzo, mentre le suggestioni marine sono di Marcello Franchin.
La memoria di Medea  è una produzione Step srl.
Lo spettacolo va in scena alla Sala Bartoli da mercoledì 25 a venerdì 27 febbraio con inizio alle 21.
I biglietti per lo spettacolo si possono acquistare presso tutti i punti vendita dello Stabile regionale, ed i consueti circuiti e accedendo attraverso il sito www.ilrossetti.it all’acquisto on line.
Ulteriori informazioni al tel 040-3593511.

 

 

About Andrea Forliano

Andrea Forliano
Nato a Bari il 22/05/1978,vive a Trieste,di formazione umanistica sta completando il corso di laurea in Storia indirizzo contemporaneo,è da sempre appassionato di storia,viaggi,letteratura,politica internazionale e in costante ricerca di conoscere nuove culture.Inoltre segue l'attualità,il calcio,il cinema e il teatro

Commenti chiusi.

[fbcomments]
Scroll To Top