giovedì , 15 Aprile 2021
Notizie più calde //
Home » HOT » TEATRO ROSSETTI TRIESTE “RICORDARE, PORTARE AL CUORE” – LA PRESENTAZIONE IN CONFERENZA STAMPA
TEATRO ROSSETTI TRIESTE “RICORDARE, PORTARE AL CUORE” – LA PRESENTAZIONE IN CONFERENZA STAMPA
© Simone Di Luca

TEATRO ROSSETTI TRIESTE “RICORDARE, PORTARE AL CUORE” – LA PRESENTAZIONE IN CONFERENZA STAMPA

image_pdfimage_print

Il 10 febbraio dalle ore 9 il Teatro Stabile del Friuli Venezia Giulia presenta in live streaming “Ricordare, portare al cuore” a cura di Paolo Valerio e interpretato da Emanuele Fortunati, Ester Galazzi, Andrea Germani, Riccardo Maranzana, Francesco Migliaccio, Jacopo Morra, Maria Grazia Plos. Filmato in luoghi dal potente significato storico e simbolico, il video è un collage di testimonianze sulle vicende del confine orientale nel secondo dopoguerra. Offerto gratuitamente in occasione del Giorno del Ricordo, il contributo è rivolto alle scuole e a tutti gli interessati”

Divisione, separazione, disgiunzione, taglio, spartizione, scissione, iato, distacco, crepaccio, inghiottitoio, dolina, foiba…

Un taglio alla Fontana squarcia la foto storica di un gruppo di esuli di Pola all’imbarco della nave Toscana: donne, bambini in attesa di lasciare la terra natale. È questa l’immagine scelta da Paolo Valerio per “Ricordare, portare al cuore”, il progetto incentrato sulle complesse vicende del confine orientale nel secondo dopoguerra, che il Teatro Stabile del Friuli Venezia Giulia presenterà in live streaming in occasione del Giorno del Ricordo il 10 febbraio a partire dalle ore 9.

Una scelta – quella dell’immagine – che evoca simbolicamente molti aspetti di una difficilissima pagina della Storia del Novecento, che ha lasciato segni profondi in coloro che la vissero e in particolare in questo territorio, che conobbe – oltre alla crudeltà della seconda guerra mondiale – un lungo periodo alla fine del conflitto, irto di lacerazioni e paure.

In questo complesso passato si addentra Ricordare, portare al cuore a cura di Paolo Valerio, che intrecciando i linguaggi del Teatro e della Storia, intende porre in luce assieme alle storie di chi visse quel periodo, il suo eterno monito alla pace.

Gli attori del Teatro Stabile regionale Emanuele Fortunati, Ester Galazzi, Andrea Germani, Riccardo Maranzana, Francesco Migliaccio, Jacopo Morra, Maria Grazia Plos – hanno lavorato in questi giorni proprio nei luoghi-simbolo degli eventi del secondo dopoguerra, che tracciano un dolente itinerario nella storia e nella geografia del territorio: la Foiba di Basovizza, il Centro Raccolta Profughi di Padriciano, fino al Magazzino 18 nel Porto Vecchio di Trieste, dove ancora sono conservati mobili, oggetti ed effetti personali degli esuli che partivano per mete lontane, proponendosi di recuperare in un secondo momento le proprie cose… Contesti che aiuteranno a percepire le durezze vissute da chi dopo il conflitto lasciò le proprie terre, destinate – con gli accordi di pace del 1947 – a diventare jugoslave ed affrontò un destino di povertà, incertezze e sofferenza.

Atmosfere, documenti storici e iconografici, testimonianze, interviste compongono il contributo video, che mantiene però un’intensa dimensione poetica, nelle immagini e nei testi, come ben evidenzia uno dei passi più toccanti di “Ricordare, portare al cuore”, elaborato drammaturgicamente sulla base del testoPer non dimenticare scritto da Marco Ongaro e Valerio nel 2005: «Ci voleva un popolo che se ne andasse, che rinunciasse al contagio della vendetta. Altrimenti saremmo ancora tutti lì a squartarci. Siamo italiani della pace. Chi ha vinto la guerra non sappiamo. La pace l’abbiamo vinta noi. Per non dimenticare, sì. Per ricordare che abbiamo spezzato la catena dell’orrore, a nostre spese. Anche per voi».

La conoscenza, il ricordo del passato, il saperlo “portare al cuore” sono la chiave per comprenderne e perpetuarne l’insegnamento, soprattutto verso le generazioni future: per far sì che quel “taglio” sulla fotografia non sia più soltanto lacerazione, dolore, ma possa significare anche un “andare oltre”, verso un futuro di costruzione, di rispetto, di pace.

Una riflessione ispirata dallo stesso Fontana nelle sue “Attese”, dove l’atto di tagliare la tela apriva infine a un nuovo spazio percettivo, a una nuova dimensione.

Ricordare, portare al cuore” con cui il Teatro Stabile del Friuli Venezia Giulia intende offrire in questo senso il proprio contributo, è stato realizzato dagli attori di riferimento del Teatro diretti da Paolo Valerio. Il video è stato curato da Giulio C. Ladini per Zunami Films Studio; per le riprese realizzate al Magazzino 18, al Centro di Documentazione del Sacrario della Foiba di Basovizza, al Centro Raccolta Profughi di Padriciano un sentito ringraziamento va a IRCI – Istituto Regionale per la Cultura Istriana Fiumana Dalmata, Lega Nazionale, Unione degli Istriani.

Dopo il successo ottenuto da “Trieste e la Memoria. Un viaggio nella città”, che ha sfiorato le 40.000 visualizzazioni, questo nuovo contributo video verrà diffuso con le medesime modalità.

Dalle ore 9 del 10 febbraio, “Ricordare, portare al cuore” sarà in live streaming gratuito, e rimarrà disponibile fino al 19 febbraio. È rivolto a tutti gli interessati ed in particolare alle scuole.

Il link per la visione è https://www.ilrossetti.it/it/spettacoli/ricordare-portare-al-cuore-2938

Altre informazioni sono disponibili sul sito del Teatro Stabile, www.ilrossetti.it e al numero 040.3593511.

About Redazione

Redazione
Il discorso è composto da idee, parole, fatti ed esperienze con il fine di in-formare coscienze libere e responsabili. Le cose sono invisibili senza la luce, le parole sono vuote senza un discorso.

Commenti chiusi.

[fbcomments]
Scroll To Top