martedì , 18 Maggio 2021
Notizie più calde //
Home » Il Discorso su » TEATRO ROSSETTI IL 27 NOV. :Far finta di essere G,

TEATRO ROSSETTI IL 27 NOV. :Far finta di essere G,

image_pdfimage_print

Davide Calabrese e Lorenzo Scuda “dettano” – momentaneamente distaccati dal resto degli Oblivion – in Far finta di essere G, spettacolo che fa omaggio a Giorgio Gaber e Sandro Luporini. Ironia e teatro canzone con due ottimi protagonisti, in scena al Teatro Stabile del Friuli Venezia Giulia soltanto martedÏ 27 novembre alle 20.30.”. Davide Calabrese e Lorenzo Scuda, sono famosi quali applauditissimi elementi degli Oblivion. In Far finta di essere G, atteso da un’affollata platea al Teatro Stabile regionale per martedÏ 27 novembre, si presentano perÚ in “duetto” come autori e protagonisti. In realt‡, la scelta non Ë nuova: questo loro spettacolo da ben sette anni riscuote successo in tutti i teatri d’Italia, e finalmente approda anche al Teatro Stabile del Friuli Venezia giulia, che – per la programmazione altripercorsi – lo ospita per una sera, facendo omaggio al legame forte che storicamente lo lega a Giorgio Gaber, al cui spirito allude la “G” del titolo. ´Veniamo dal Musical. Facciamo intrattenimento, comicit‡, parodia, variet‡ musicale. Cosa c’entra tutto ciÚ con il teatro canzone di Gaber e Luporini?ª si chiedono nelle note a Far finta di essere G i due creatori e interpreti dello spettacolo. ´Qualcuno può dire che il Gaber pensiero non appartenga alla nostra generazione continuano infatti. ´Per noi Ë stato come un regalo, che ci siamo trovati in mano senza saperne bene la storia e la provenienza. Parlando dei (fin troppi) omaggi che in questi anni gli sono stati fatti, forse si finisce per mettere in secondo piano i veri “omaggi”, ovvero i regali che Gaber e Luporini hanno fatto a noi. Gaber, per noi, Ë un maestro. Il massimo esempio di come una macchina scenica perfetta, un raro istinto animale e un intellettuale di grande spessore possano convivere tranquillamente in un’unica figura. Un intellettuale capace di mettere in ridicolo le miserie del nostro vivere quotidiano, pronto a sgretolare le ipocrisie della nostra epoca ma, un attimo dopo, capace di interpretare con grande generosità  anche una semplice canzone d’amore. Scuda e Calabrese definirebbero Far finta di essere G… una passeggiata affettuosa nel repertorio gaberiano. E sottolineano che fanno riferimento proprio a tutto il repertorio: anche quelle prime vecchie canzonette che poco sembrano in tono con l’impegno e il teatro canzone, ma senza le quali la comprensione del percorso artistico di Gaber sarebbe parziale. I due artisti interpretano come una perfetta macchina scenica questi primi brani e alcuni dei maggiori successi di Gaber e Luporini, e sfruttano appieno il loro reciproco affiatamento nonchÈ la loro natura poliedrica, a pi_ dimensioni. Nella performance, infatti, musica e teatro si fondono in un solo linguaggio dove – spiegano – ´il musicista Ë il partner scenico dell’attore e l’attore fondamento della struttura musicale. Uno spettacolo che riproduce il giusto mix fra una rilettura personale dei testi gaberiani ed un tributo alla perfezione scenico-musicale delle sue opere più belle. Un’ora e mezzo di divertimento e riflessione allo stesso tempo, con quell’equilibrio fra dolce e amaro tipico della condizione dell’uomo moderno che nessuno ha mai saputo esprimere con tanta efficacia come l’inimitabile Giorgio Gaber.

Far finta di essere G : omaggio a Giorgio Gaber e Sandro Luporini, di Gaber, Luporini, Calabrese, Scuda va in scena solo martedÏ 27 novembre alle ore 20.30.

Le musiche sono di Giorgio Gaber, il suono di Giuseppe Pellicciari, le luci di Claudio Tappi, i protagonisti sono Davide Calabrese e Lorenzo Scuda. Lo spettacolo è prodotto da Malguion srl

 Informazioni e biglietti per lo spettacolo sono disponibili presso i consueti punti vendita dello Stabile regionale, sul sito www.ilrossetti.it. Per informazioni si puÚ contattare anche il centralino del Teatro allo 040.3593511. La Stagione 2012-2013 del Teatro Stabile del Friuli Venezia Giulia va in scena grazie al sostegno della Fondazione CRTrieste. Si ringraziano tutti i Soci, in particolare il Comune di Trieste, la Regione Friuli Venezia Giulia e la Provincia di Trieste.

 

(La Redazione)

About Redazione

Redazione
Il discorso è composto da idee, parole, fatti ed esperienze con il fine di in-formare coscienze libere e responsabili. Le cose sono invisibili senza la luce, le parole sono vuote senza un discorso.

Commenti chiusi.

[fbcomments]
Scroll To Top