domenica , 17 Novembre 2019
Notizie più calde //
Home » HOT » Parte il ParmaJazz Frontiere Festival 2019 dal 25 ottobre
Parte il ParmaJazz Frontiere Festival 2019 dal 25 ottobre

Parte il ParmaJazz Frontiere Festival 2019 dal 25 ottobre

image_pdfimage_print

Prende l’avvio venerdì 25 ottobre la XXIV edizione di ParmaJazz Frontiere Festival: oltre un mese di programmazione, fino ai primi di dicembre, per un Festival che, come tradizione, mescola produzione, grandi ospitalità e formazione. Antiche Presenze, Futuri Misteri: questo il titolo, come sempre giocato su poesia e suggestione, scelto dal Direttore Artistico Roberto Bonati per un’edizione che vedrà salire sul palco grandissimi nomi.

Protagonista del debutto del 25 Ottobre (Complesso Monumentale della Pilotta al Teatro Farnese, ore 20.30Arve Henriksen con il Trio Mediæval – le tre voci di Anna FrimanLinn Andrea Fuglseth e Jorunn Lovise Husan – impegnati in Rímur, un suggestivo progetto artistico dedicato alla grande tradizione popolare nordica.

Rímur, dato dall’incontro tra Trio Mediaeval e Arve Henriksen, è stato ispirato dal comune interesse verso i bellissimi canti e canzoni popolari, inni religiosi e melodie di violino nordiche. Un incontro unico basato sulla riscoperta dell’improvvisazione ma anche sulla conoscenza della musica medievale e del repertorio tradizionale islandese, norvegese e svedese in contaminazione con il presente. Dalla riscoperta dell’improvvisazione, da sempre componente essenziale della tradizione orale nordica nasce Rímur, e in occasione del ParmaJazz Frontiere Festival, Trio Mediaeval e Arve Henriksen eseguiranno inni, canti e canzoni popolari svedesi, norvegesi e islandesi.

Le canzoni di Rímur nella tradizione islandese, sono in rima originariamente eseguite da kvæðamenn, cantanti di sesso maschile o femminile, che andavano da una fattoria all’altra e gli veniva offerta ospitalità quando recitavano una veglia serale. Come la maggior parte delle canzoni popolari scandinave, i Rímur sono stati trasmessi oralmente per secoli. Il trio e Henriksen lavorano insieme dal 2007 e il loro progetto Rímur è stato pubblicato su ECM Records nel 2017 e ha immediatamente raggiunto i primi 5 dei Classici del Regno Unito.

Trio Mediaeval 

Fondato nel 1997 a Oslo, il Trio Mediæval ha un repertorio specializzato di ballate e canzoni del Medioevo norvegese e di musica polifonica  che spazia nei repertori musicali medievali dall’Inghilterra, Francia e Italia. Si sono esibiti in tutta Europa, tra cui si ricorda la Oslo Concert Hall, il Bozar a Bruxelles, la London Wigmore Hall, il Concertgebouw di Bruges e il Vienna Konzerthaus.Numerosi impegni li hanno portati anche fuori dall’Europa, tra cui spettacoli all’ Hong Kong Arts Festival e alla Carnegie Hall. Il loro primo CD su ECM Records, Words of the Angel, è arrivato nella Top 10 dei 10 bestseller di Billboard nel 2002, e l’album Folk Songs è stato nominato per un Grammy Award come “migliore performance di musica da camera” nel 2008.

Affascinati e ispirati da meravigliosi canti, canzoni popolari, ninne nanne, inni religiosi e melodie di violino, i cantanti del Trio Mediaeval e il trombettista Arve Henriksen hanno arrangiato un set unico di canzoni in cui improvvisazione, musica medievale e musica tradizionale incontrano il presente.

Arve Henriksen  

Nato nel 1968, Arve Henriksen ha studiato al Conservatorio di Trondheim dal 1987-1991 e ha lavorato come musicista freelance dal 1988. Ha lavorato con molti musicisti, tra cui Jon Balke Magnetic North Orchestra/Batagraf, Edward Vesala, Jon Christensen, Marilyn Mazur, Nils Petter Molvær, Misha Alperin, Arkady Shilkloper, Arild Andersen, Stian Carstensen, Dhafer Youssef, Sidsel Endresen, Pekka Kuusisto, Ensemble Christian Wallumrød, Nils Økland, Karl Seglem, Sigbjørn Apeland, Morten Qvenild, Per Oddvar Johansen, Iain Ballamy, Thomas Strønen, Gjermund Larsen, Svante Henryson, Mats Eilertsen, David Sylvian, Jon Hassell, Hope Sanduval, Frode Haltli,Laurie Anderson, John Paul Jones, Erik Honoré, Toshimaru Nakamura, Trygve Seim Ensemble, Jan Gunnar Hoff, Susanna Wallumrød, Tord Gustavsen, Giovanni Di Domenico, Tatsuhisa Yamamoto, Gavin Bryars, John Potter, Johanna McGregor, Imogen Heap, Guy Sigsworth, Ryu Sakamoto, Bill Frisell, Terje Rypdal, Maria Schneider, Kate Havnevik, Live Marie Roggen, Silje Nergaard, Odd Nordstoga, Live Maria Roggen, Kari Bremnes, Sondre Bratland, Jaga Jazzist, Rolv Lisle vand, Dj Strangefruit, David Kollar, Jannis Anastasakis, Lars Danielsson, Jez Riley French, The Source, Vox Clamantis e molti altri.

Ha suonato in molti contesti, gruppi e progetti diversi: fra gli altri con il suonatore di koto Satsuki Odamura, con la rock band Motorpsycho e con numerosi progetti di improvvisazione collaborando con Ernst Reisiger, Sten Sandell, Peter Friis-Nilsen, Lotte Anker, Hasse Poulsen, Terje Isungset , Benoit Delbecq, Steve Arguelles, Lars Juul e Marc Ducret.

Ha lavorato con i compositori Peter Tornquist, Helge Sunde, Terje Bjørklund e Tõnu Kõrvits in collaborazione con orchestre e ambientazioni da camera come Cikada String Quartet, Nidaros String Quartet, Zapp 4, The Norwegian Chamber Orchestra, Kristiansand e Trondheim Symphony Orchestra, London Sinfonietta, Britten Sinfonia, Deutsche Kammerphilharmonie Bremen, The Norwegian Wind Ensemble e Trondheim Soloists.

Ha collaborato con artisti audio-visuali come Anastasia Isachsen, Tord Knudsen e Lillevan. Ha fondato nel 2016 la sua etichetta discografica Arve Music.

Oggi è in collaborazione con: Supersilent (Helge Sten e Ståle Storløkken), Rimur del Trio Mediaeval’s (Linn Andrea Fuglseth, Jorunn Lovise Husan e Anna Maria Friman), Sinikka Langeland’s Starflowers e Magical Forest (Anders Jormin, Trygve Seim e Markku Onaskari),  Saumur (Hilmar Jensson e Skuli Sverrisson), Warped Dreamer (Teun Verbrüggen, Jozef Dumoulin e Stian Westerhus), Atmosphéres (Jan Bang, Eivind Aarset e Tigran Hamasyan), “Sommeren der ute” (Ellen Bødtker, Jan Erik Vold ed Eirikude), Fennesz-Henriksen (Christian Fennesz), «Illusion of a separate world» (David Kollar) e con varie ambientazioni percussive tra cui Audun Kleive, Helge Norbakken e Ingar Zach.

Henriksen ha composto e commissionato musica per festival, film e documentari. Ha una lunga discografia che conta oltre 180 dischi in totale su varie etichette discografiche. Ha vinto insieme a Supersilent il premio The Alarm Award 2004. È stato artista residente al Moers Jazzfestival 2006, al OIOI-festival di Bergen 2008 e al Molde Jazz Festival 2009. Dal 2004-2006 ha partecipato al progetto European Jazz Launch. Ha ricevuto il Norsk Jazzforums Buddy Award 2005, il Radka Toneffs Memorial Award nel 2007, il Paul Acket Award al North Sea Jazz Festival nel 2011 e DNB e Kongsberg Jazzfestival ́s Musician Award nel 2011. È stato nominato al Nordisk Råds musikkpris e European Jazz musician nel 2009. Nel 2016 ha ricevuto una Laurea Honoris Causa presso l’Università di Göteborg. E’ stato nominato con Supersilent per il Nordisk Råds Musikkpris,  il progetto ECM «Rimur» insieme al Trio Mediaeval è stato nominato per il Grammy Award 2018 come uno dei migliori dischi di Manfred Eicher.

Gli è stata commissionata «Height of the reeds» insieme a Jan Bang, Eivind Aarset e Jez Riley French per il progetto The Humber Bridge Hull City of Culture 2017. «Height of the reeds» è ora pubblicato su cd e vinile da Rune Grammofon.

Album solistici usciti per Rune Grammofon e ECM Records: «Composograph» Rune Grammofon 2018, «Towards Language» Rune Grammofon 2017, «The Nature of Connections» Rune Grammofon 2014, «Cosmic Creation 1-8» Rune Grammofon 2014, «Chron» Rune Grammofon 2014, «Places of Worship» Rune Grammofon 2013, «Solidification »7LP Rune Grammofon 2012, «Cartography» ECM Records 2008, «Strjon» Rune Grammofon 2007 ,«Chiaroscuro» Rune Grammofon 2004 e «Sakuteiki» Rune Grammofon 2001.

Altre pubblicazioni recenti: «Supersilent 14» Smalltown Supersound 2018, «Height of the reeds» Rune Grammofon 2018, «Illusion of a separate world» Hevehetia 2018,  «The Art of Irrigation” All Ice Records 2017 e “RIMUR” con Trio Mediaeval ECM 2017.

About Redazione

Redazione
Il discorso è composto da idee, parole, fatti ed esperienze con il fine di in-formare coscienze libere e responsabili. Le cose sono invisibili senza la luce, le parole sono vuote senza un discorso.

Commenti chiusi.

[fbcomments]
Scroll To Top