giovedì , 9 Dicembre 2021
Notizie più calde //
Home » Il Discorso su » Dall'Italia » Omit Five Quintet e “Bum! 14.18 al TrentinoInJazz 2014: sabato 19 luglio tra jazz e teatro!

Omit Five Quintet e “Bum! 14.18 al TrentinoInJazz 2014: sabato 19 luglio tra jazz e teatro!

image_pdfimage_print
Sabato 19 luglio 2014 quarto appuntamento con la nuova edizione del TrentinoInJazz, rassegna tra le più ricche e significative del panorama nazionale, con un cartellone che proseguirà ininterrotto fino a dicembre. Una serata speciale con due proposte eclettiche tra Valsugana e Valli del Noce, tra jazz contemporaneo e contaminazioni teatrali.
Alla Pineta Alberè di Tenna (TN) torna l’Omit Five Quintet: Mattia Dalla Pozza (sax alto), Filippo Vignato (trombone), Joseph Circelli (chitarra), Rosa Brunello (contrabbasso) e Simone Sferruzza (batteria). Un variegato caleidoscopio di soluzioni timbriche, melodiche, armoniche e improvvisative, selezionate di volta in volta in base al gusto e alla sensibilità dei vari autori. Attenti alla tradizione jazzistica statunitense ma attratti anche dalla scena contemporanea, gli Omit Five si configurano come realtà dal carattere fortemente moderno tra scrittura e improvvisazione, diverse soluzioni timbriche, linguaggi non jazzistici e poliritmie.
Al Santuario di San Romedio alla stessa ora Bum! 14.18, storie e suoni della Grande Guerra: un concerto, un gioco teatrale per rileggere le incredibili avventure dei soldati sui fronti della Grande Guerra. Ricordi, aneddoti, poesie, suoni, suggestioni, uomini e fatti della Grande Guerra narrati e vissuti attraverso lemusiche di Enrico Merlin e le letture di Andrea Brunello. Un concerto di jazz teatrale aperto all’improvvisazione creativa, con testi tratti da Emilio Lussu, Giuseppe Ungaretti, Fritz Weber, Erich Maria Remarque, Paolo Monelli e da poeti inglesi che in trincea hanno scritto alcune fra le pagine più belle della letteratura di guerra: Sigfried Sassoon, Wilfred Owen, Jon Stallworthy, Edmund Blunden e Robert Graves.
Dopo l’edizione di svolta dello scorso anno, che ha convogliato sotto un’unica denominazione diverse rassegne locali che prima operavano separatamente, quest’anno il TrentinoInJazz rafforza l’unitarietà resistendo alla crisi e offrendo un cartellone corposo e variegato, puntando sulle diverse espressioni del jazz contemporaneo, con nomi italiani e stranieri nelle consuete location di sogno della provincia di Trento. Entusiasta e positivaChiara Biondani, presidente dell’Associazione TIJ: “Anche nel 2014 TrentinoInJazz conferma la sua vocazione a farsi rete, ribadendo l’unione di quattro festival con una storia importante (Sonata Islands, NonSole Jazz, Valsugana Jazz Tour e Lagarina Jazz) e rilanciando il miglior antidoto alla crisi del settore musicale: un lungo cartellone, ingressi gratuiti e serate a “prezzo simbolico”, proposte jazz per tutti i gusti, un’attenzione speciale da parte delle istituzioni pubbliche trentine per il turismo e la cultura declinati in musica”.

 

About Redazione

Il discorso è composto da idee, parole, fatti ed esperienze con il fine di in-formare coscienze libere e responsabili. Le cose sono invisibili senza la luce, le parole sono vuote senza un discorso.

Commenti chiusi.

[fbcomments]
Scroll To Top