giovedì , 2 Dicembre 2021
Notizie più calde //
Home » Spettacolo » Musica » Le Loup Garou in concerto alla Locanda Atlantide di Roma sabato 18 gennaio alle ore 22

Le Loup Garou in concerto alla Locanda Atlantide di Roma sabato 18 gennaio alle ore 22

image_pdfimage_print

Le Loup Garou tornano finalmente sulle scene con il loro ultimo lavoro discografico intitolato Anciet Poet’s Rock’N Roll e pubblicato con la Marotta&Cafiero Record, una label ecologica, gestita totalmente da giovani del quartiere napoletano di Scampia. Stavolta lo storico gruppo italo/belga ha deciso di regalare al suo pubblico un vinile per segnalare l’esigenza di un ritorno alle origini e per sottolineare la necessità di centralizzare il rapporto uomo/ambiente.Nell’epoca di iTunes, il gruppo capitanato da Francesco “Frank” Prota sforna un nuovo album Ancient Poet’s Rock’n’Roll, rispolverando il vecchio 33 giri.

Frank Prota

Frank Prota

Ancient Poet’s Rock’n’ Roll, firmato dall’italo-russo Frank Prota, frontman della band nato a Praga ma sin da bambino a Napoli, e Francesco Manzo è stato prodotto con la piattaforma delle Produzionidalbasso che prevede la raccolta via web di sottoscrizioni del pubblico per realizzare opere editoriali e audiovisive. Poetry and Pummarols: Poesia e ambiente, su questo equilibro emozionale si muove il nuovo lavoro dei Le Loup Garou come unica via d’uscita dalla crisi più drammatica di tutti i tempi. In questo luogo e in questo tempo, quello in cui noi viviamo, pensiamo, agiamo, qualsiasi manifestazione di spontaneità o empatia non riconducibile ad una scala di valori prestabilita viene allo stesso tempo punita e scoraggiata sin dalla nascita, alienata e guardata con sospetto. Indeboliti nella possibilità di amare, intrappolati nella necessità di controllo e potere, paura invece di gioia, l’umano ha firmato un patto di sangue, un vincolo che ha egli stesso tradito in nome di una Zivilisation ovattata e sconnessa. Sconnessione dalla realtà, dall’uomo e dalla cultura, insomma da tutto ciò che poteva ancora essere autentico. L’antidoto a questa maledizione è la riscoperta del valore quasi ancestrale della poesia, di quella dimensione originaria e mitica della musica che parla attraverso di essa e che a sua volta le dà voce. Ritmi, colori che ci riportano ad un nostro passato ancestrale e intimo che affiora poco a poco dal nostro inconscio.Il vinile starebbe bene su un vecchio grammofono, il pick-up che riproduce le parole a tratti ovattate di Carine Jurdant

Carine Jurdant

Carine Jurdant

(voce e fisarmonica) che racconta la storia dell’ Abominable moglie dello Yeti o i cori retrò che contornano il ritmo discendente di Silly Boy. Ma come ogni ritorno al passato che abbia valore nel presente, l’elaborazione dei temi e la sensibilità musicale della band italo/belga viene portata avanti con una consapevolezza estrema, frutto di anni d’esperienza nel panorama musicale europeo, senza mai (s)cadere in quella moda “vintage” che oggi regna sovrana.Così Le Loup Garou eseguirà i brani del disco sabato 18 gennaio dalle ore 22 alla Locanda Atlantide di Roma (via dei Lucani, 22b – Quartiere San Lorenzo). Sarà un concerto ricco di sorprese ma soprattutto di sano rock’n roll. La band proporrà il nuovo lavoro nella consueta, ma sempre diversa, atmosfera onirica sospesa tra performance teatrale e rito iniziatico.

About Redazione

Il discorso è composto da idee, parole, fatti ed esperienze con il fine di in-formare coscienze libere e responsabili. Le cose sono invisibili senza la luce, le parole sono vuote senza un discorso.

Commenti chiusi.

[fbcomments]
Scroll To Top