1

23 ottobre – A JAZZ&WINE OF PEACE di CORMONS ARRIVA CHARLES LLOYD CON IL SUO NEW QUARTET

Al Teatro di Cormòns la leggenda del sax Charles Lloyd. Nella stessa giornata anche Riccardo Tesi e Banditaliana, Netnakisum featuring Matthias Schriefl (Austria – Germania), Neighbours Cercle (Austria, U.K.). I concerti in cantine e dimore storiche, con degustazioni annesse.

Cormòns (GO) – Quattro concerti in una giornata e un Round Midnight per il venerdì 23 ottobre di Jazz&Wine of Peace, con la chiusura in teatro affidata al sax di un musicista leggendario, una figura mitica della scena musicale della West Coast americana, il settantasettenne Charles Lloyd. Sarà questo sassofonista dal timbro personalissimo, che porta la sua espressività ad un livello spirituale come nessun altro nella storia del jazz dopo John Coltrane, a salire sul palco del Teatro Comunale di Cormòns alle 21.30, insieme al suo New Quartet (Gerald Clayton al piano, Joe Sanders al contrabbasso, Eric Harland alla batteria).

Nel vocabolario di Lloyd entrano flauti e strumenti insoliti, e il linguaggio si pone come crocevia tra un jazz libero dalle strutture armoniche tradizionali e il retaggio bop. Charles conosce notevole fama negli anni ’60: prima con Chico Hamilton, poi nel sestetto di Cannonball Adderley. Nel 1966 si mette alla guida di un quartetto (con Keith Jarrett, Cecil McBee e Jack DeJohnette) che lo impone definitivamente: la miscela di bop, free e world music sfonda ben al di là del mondo del jazz, tanto che dal vivo la band condivide il palco con Jimi Hendrix, Janis Joplin, i Cream, i Grateful Dead. Nel 1970, dopo lo scioglimento di questo quartetto, Lloyd si ritira dalle scene jazzistiche. Per un decennio le sue apparizioni sono rare e concentrate nel mondo del rock: lo si può sentire coi Doors, i Canned Heat e i Beach Boys. Poi la rinascita, negli anni ottanta, a fianco di Michel Petrucciani, che lo spinge nuovamente verso la pratica jazzistica. Charles Lloyd sta vivendo una seconda giovinezza musicale: nelle sue ultime performance si percepisce una vibrazione che pare l’eco della spiritualità coltraniana, all’interno di un jazz dalla matrice vigorosa e dallo slancio solistico decisamente anticonformista.

Ma la giornata di Jazz&Wine of Peace Festival, a base di ottimi vini, location da sogno e musica di qualità, partirà già dal mattino. Alle 11 nelle splendide sale del Castello di Spessa aprirà le danze il compositore e organettista di fama internazionale Riccardo Tesi, con la sua Banditaliana (concerto gratuito a numero chiuso e su prenotazione). Considerato uno dei musicisti più audaci e autorevoli della nuova scena world europea, che vanta collaborazioni dalla musica etnica al jazz, fino alla grande canzone d’autore, Tesi è il fondatore del progetto Banditaliana, una delle formazioni più interessanti nel panorama internazionale della world music. Fin dal suo esordio nel 1992, sono elementi portanti della band Maurizio Geri, voce solista e chitarrista funambolico, il cui stile fonde le tematiche legate alla musica mediterranea con l’improvvisazione swing-manouche, Claudio Carboni, sassofonista dotato di un fraseggio secco e preciso, e il percussionista Gigi Biolcati, a suo agio nella musica etnica e nel jazz. Dal caleidoscopio di suoni di Banditaliana nasce una musica senza frontiere, fresca e solare, innovativa ma legata alle proprie radici, una sintesi di ampio respiro tra forme e riti della tradizione toscana, profumi mediterranei, improvvisazioni jazz e canzone d’autore. Al concerto sarà abbinata una degustazione enogastronomica gratuita a cura della Pro Loco di Capriva del Friuli, che si terrà dalle 12.30 presso l’Arena del Centro Civico (Piazza Vittoria 2, Capriva del Friuli). Per chi invece volesse pranzare all’Hosteria del Castello di Spessa, c’è la possibilità di scegliere tra due menù elaborati appositamente per il pubblico di Jazz&Wine of Peace.

Il pomeriggio di Jazz&Wine proseguirà poi all’interno dell’Abbazia di Rosazzo, dove alle 16, con annessa degustazione enogastronomica, si potrà assistere al concerto del trio femminile d’archi e voci Netnakisum, accompagnato dal musicista tedesco Matthias Schriefl. Emerso come parte della rivoluzione della musica popolare austriaca, il trio composto da Dee Linde, Marie-Theres Haertel e Claudia Schwab, ha sviluppato nel tempo un suono unico, che abbraccia musica fusion, world, hip hop, punk, classica, jazz ed elettronica. Matthias Schriefl si è inserito all’interno del trio con ogni genere di strumento a fiato. Il suono di questo originale quartetto, arricchito dalle voci dei musicisti, spazia dalle piccole melodie a una frenesia polifonica quasi orchestrale: una vera e propria dichiarazione d’amore per la musica. E ancora, alle 18.30 alla Tenuta di Angoris, seguito da degustazione di vini e cibi locali, si terrà il concerto del quartetto austro-inglese Neighbours Cercle, che riunisce il pianista e compositore austriaco Dieter Glawischnig, il contrabbassista Ewald Oberleitner, il violinista Andi Schreiber e il batterista John Marshall. A chiudere questo intenso venerdì a base di musica ed enogastronomia sarà, con un concerto Round Midnight in calendario alle 23.30 presso il Bar Ristorantino “In Taberna”, il duo composto dalla cantante Giulia Gregorig e dal chitarrista Giovanni Ghioldi.