sabato , 8 Maggio 2021
Notizie più calde //
Home » Rubriche » Cultura » MIELA MUSIC CONTEST all’interno della rassegna MIELA PER ASPORTO
MIELA MUSIC CONTEST all’interno della rassegna MIELA PER ASPORTO

MIELA MUSIC CONTEST all’interno della rassegna MIELA PER ASPORTO

image_pdfimage_print

MIELA MUSIC CONTEST: Dal 26 aprile ogni giorno, alle 19.00, sui canali facebook e you tube del teatro Miela all’interno della rassegna MIELA PER ASPORTO

Il Teatro Miela aprirà ai finalisti del MIELA MUSIC CONTEST, il contest musicale on-line per composizioni originali dedicato ai giovani musicisti del FVG.

I finalisti hanno avuto a disposizione, un giorno ciascuno dal 17 al 29 aprile, il palcoscenico del Teatro Miela compreso di service audio/luci, fonica e riprese audio/video, per poter filmare la loro esibizione finale. Il backline sarà messo gentilmente a disposizione da Musicali Rossoni s.r.l. (Via San Francesco 22 – Trieste).

Dal 26 aprile ogni giorno, alle 19.00, presentato da Laura Bussani, andrà in onda sul canale https://www.facebook.com/teatromiela e you tube del teatro Miela il video di uno dei gruppi finalisti.

A fine Festival, la giuria, coordinata dal giornalista e critico musicale Carlo Muscatello, con i colleghi Elisa Russo e Furio Baldassi , proclamerà la band vincitrice.

– lunedì 26 aprile: Altermix Quartet

– martedì 27 aprile: Nymphea

– mercoledì 28 aprile: Andrewras

– giovedì 29 aprile: Violoncelli Itineranti

– venerdì 30 aprile: The Holy Smog

– lunedì 3 maggio: Piccolaggiunta

– martedì 4 maggio: Thanks, Welcome Aboard

– mercoledì 5 maggio: Movimento Cumbiero

– giovedì 6 maggio: Cinque Uomini Sulla Cassa Del Morto

– venerdì 7 maggio: Zima Blue Quartet

Altermix quartet

Altermix quartet è un progetto che nasce nel 2016 dall’incontro di 4 amici ( Noela Ontani voce/ Andrea Zampieri clarinetto e voce/Giovanni Grisan chitarra/ Federico Pace percussioni. 4 musicisti provenienti da formazioni molto diverse, e differenti gusti e modi di vedere la musica.

Mescolati assieme danno vita ad arrangiamenti ALTERnativi e REMIXati in chiave strettamente personale ,con un repertorio che attinge prevalentemente dalla musica popolare e folk.

Un lavoro tostamente made in Friuli con la collaborazione di importanti professionisti della regione.

Nymphea

Il giovane duo formato da Afra Pieri e Nina Badin nasce nell’estate 2020 da un’amicizia e dal bisogno di comunicare e dare voce alla dimensione più profonda del nostro essere. Entrambe cantautrici e appassionate di danza e teatro, attraverso la loro musica creano atmosfere intime e oniriche.

Andrewras

“La pandemia ha segnato il nostro tempo. Le nostre abitudini e le nostre vite sono cambiate, nulla è più come prima”.

Di questo è ben conscio Andrea Uras, in arte Andrewras, che ha avviato questo progetto proprio durante il primo lockdown.

E così ricrea un mini studio nella propria camera e inizia a suonare e comporre , anche a scopo terapeutico, fortemente stimolato da questo particolare momento , tutto quello che sta accadendo intorno a noi da oltre un anno.

Violoncelli itineranti

L’ensamble formato da tre violoncelli e voce (Andrejka Mozina/Irene Ferro Casagrande/ Carla Scandura e voce Ana Pilat ) propone un repertorio di brani originali jazz e folk, rivisitati in chiave cameristica.

La loro è una musica permeata dalla costante ricerca di nuove possibilità tecniche e timbriche che, grazie alla straordinaria voce di Ana Pilat crea una sonorità importante e raffinata.

Nel 2019 hanno pubblicato il loro primo album “sonce ljiubo” rivisitando la tradizione popolare italo-slovena.

The holy smog

4 ragazzi con una grande passione per la musica e l’arte di strada e con una missione: portare la loro energia nelle strade della città e nei cuori dei passanti.

Holy smog: oltre ad essere espressione usata per esprimere stupore fa riferimento allo smog e all’arte di strada come qualcosa di sacro e parte di essa.

Nomi dei componenti attraverso la loro musica vogliono spogliarsi per trasmettere ogni più profonda emozione.

Piccolaggiunta

“Una piccolaggiunta in un mondo pieno di musica”

È questa la chiave d’interpretazione del progetto che, attraverso sonorità e tematiche a volte taglienti e a volte candide, racconta l’introspezione e l’aspetto esteriore della vita del frontman, principale compositore di musiche e testi, con il prezioso accompagnamento e supporto nell’arrangiamento da parte dei suoi amici e collaboratori. Nomi componenti: Cosa sarà il domani? Lo scopriremo tra stelle e sogni.

Per la prima volta in versione unpugged piccolaggiunta

Thanks welcome aboard

È un progetto nato alla fine del 2018 dall’incontro tra la voce di Marco Vitrotti e la chitarra di Robert Macovei. Inizialmente di matrice pop rock, i due si sono poi aperti a sonorità elettroniche e indie, aggiungendo tastiere, chitarre di supporto e sassofono e coinvolgendo Damiano Gallo .

Con le loro canzoni raccontano le loro esperienze di vita affinché queste possano risuonare con il vissuto di chi ascolta.

“Nella speranza che le persone in ascolto si godano il viaggio insieme, non resta che augurare loro quanto già espresso nel proprio nome: grazie e benvenuti a bordo!”

Movimento cumbiero

Movimento cumbiero è un collettivo di musicisti appassionati di musica afro-latina.

Autore dei brani e direttore artistico del progetto è Baltazar Avila già fondatore della nota band reggae argentina Rondamon.

Il sound del gruppo è caratterizzato oltre che dalla componente latina , dall’ispirazione psichedelica della cumbia peruviana.

Le canzoni raccontano le esperienze di Avila nel suo viaggio dall’Argentina all’Italia.

Cinque uomini sulla cassa del morto

I Cinque Uomini sulla Cassa del Morto sono un gruppo musicale italiano formatosi a Cividale del Friuli (UD) nel 2013 da un’idea di Alberto Corredig (chitarra, percussioni e voce) e Francesco Imbriaco (chitarra, tastiere e voce). Alla formazione si sono uniti da subito Alberto Marinig (batteria e percussioni) e Davide Raciti (voce, violino e ukulele); dopo qualche mese, la formazione si completa con l’ingresso di Leonardo Duriavig (voce, basso e sintetizzatori). Il gruppo è nato con l’intento di proporre brani di propria composizione, utilizzando la lingua italiana per i testi e ispirandosi alla storia cantautorale italiana e a forti influenze dalla musica popolare.

Zima blue

Zima blue è un Quartetto musicale jazz che si ispira al repertorio swing,latin,gitano e folk.

Simone di Gennaro (chitarra), Emanuele Goio (contrabbasso) , Tinto Maestri (clarinetto) e Davide Fradeloni (batteria) si conoscono al conservatorio Tartini di Trieste e nel 2019 iniziano la loro esperienza attraverso concerti per le strade, in alcuni locali ,a matrimoni e ad alcuni festival regionali.

About dal corrispondente

Avatar

Commenti chiusi.

[fbcomments]
Scroll To Top