giovedì , 2 Dicembre 2021
Notizie più calde //
Home » Il Discorso su » Manu Chao strega Trieste
Manu Chao strega Trieste

Manu Chao strega Trieste

image_pdfimage_print

Grande concerto ieri sera a Trieste, una ventata di ritmi latini ha animato la notte carsica a suon di chitarre e bongo. Il pubblico si è riversato in massa sotto il palco, carico di birra e sostanze al limite della legalità, accomunato da acconciature rasta, pantaloni stile anni ’60 e accessori da “Freak”. L’odore di ‘ganja’ è riconoscibile alla prima inspirata, ma visto il concerto non dovrebbe meravigliare. Alle 22 entra lui, Manu Chao col suo inseparabile cappelino e inizia la scarica di adrenalina; è impossibile rimanere impassibili ai ritmi sud americani, il corpo parte in una danza spasmodica, quasi costretto da una macumba collettiva. Il cantante parigino ha le molle hai piedi, salta e balla, canta e suona; gli schermi proiettano disegnini stilizzati pieni di colori e di personaggi delle americhe latine. “Grazie Trieste”, “Canta Trieste” incita Manu Chao e la folla partecipa a squarciagola ad ogni invito. In due ore e mezza di concerto gli artisti sul palco hanno utilizzato tutte le energie per creare un’atmosfera ai limiti della realtà;

le canzoni parlano di pace, di abolizione delle armi, di amore e di una terra di tutti e per tutti. Manu Chao entra in confidenza con i suoi fans, il legame diventa totale. La grandezza di questo artista sta nel riuscire a unire tutti i popoli indistintamente; canta in inglese, in francese, in spagnolo e in italiano. È un amante del mondo e dei popoli e questo il pubblico lo percepisce e lo apprezza. Non ci sono razze o colori della pelle: tutti godono dei meravigliosi ritmi, ballano e cantano, fumano erba e bevono come in una grande festa di ringraziamento alla madre terra. Tra i brani proposti anche le famose “Bongo Bongo”, “Clandestino”, “Me gustas tù”, “Desaparecido” e tante altre, tutte ampiamente cantate dal pubblico. Un concerto strepitoso per intensità e per melodie musicali, un’artista intenso che crea un legame con tutte le persone coinvolte nei suoi tour. “Grazie Manu”

 

Carlo Liotti

About Carlo Liotti

Giornalista Pubblicista iscritto all'Albo dei giornalisti da Aprile 2013. Dottore in Scienze e Tecnologie Alimentari. Appassionato di fotografia e di viaggi, capo redattore de ildiscorso.it, reporter/collaboratore per altri canali di comunicazione.

Commenti chiusi.

[fbcomments]
Scroll To Top