sabato , 16 Ottobre 2021
Notizie più calde //
Home » Il Discorso su » Dall'Italia » Mannarino, Cristina Donà, Giovanni Truppi fra gli ospiti del Premio Bianca d’Aponte
Mannarino, Cristina Donà, Giovanni Truppi fra gli ospiti del Premio Bianca d’Aponte

Mannarino, Cristina Donà, Giovanni Truppi fra gli ospiti del Premio Bianca d’Aponte

image_pdfimage_print

UN CAST D’ECCEZIONE PER IL PREMIO BIANCA D’APONTE 2021: MANNARINO, DONÀ, TRUPPI, CASALE/DI MICHELE/NAVA E TRICARICO I PRIMI OSPITI DELLA MANIFESTAZIONE

IL 22 E 23 OTTOBRE AD AVERSA L’UNICO CONTEST ITALIANO PER CANTAUTRICI

IN LIZZA: ANNA E L’APPARTAMENTO, ROBERTA DE GAETANO, MIRIANA FAIETA, GIOVE, ISOTTA, OLIVIA XX, ALESSANDRA PIRRONE, VALENTINA POLINORI, CLAUDIA SALVINI, VITTO

Un cast d’eccezione quello del Premio Bianca d’Aponte 2021 – Città di Aversa. Ad affiancare le finaliste del contest ci saranno infatti artisti come Alessandro Mannarino, Cristina Donà, Giovanni Truppi, Tricarico e Le ‘Cantautrici’ (ovvero Rossana Casale, Grazia Di Michele e Mariella Nava). Ma altri ospiti sono in via di definizione, a partire dalla madrina, una cantautrice di grande rilievo del panorama italiano che, come da tradizione, interpreterà un brano di Bianca d’Aponte (la cantautrice a cui la manifestazione è dedicata), e un artista a cui andrà un premio alla carriera della città di Aversa.

La 17a edizione della manifestazione si terrà il 22 e 23 ottobre al Teatro Cimarosa di Aversa, con la direzione artistica di Ferruccio Spinetti. Ad aprire entrambe le serate ci sarà Monica Sannino, vincitrice dell’ultima edizione del concorso (l’unico in Italia riservato a cantautrici), originariamente in programma lo scorso ottobre e poi rinviato per l’emergenza sanitaria al 14 e 15 luglio 2021.

Le finaliste della nuova edizione sono: Anna e l’appartamento di Verona, Roberta De Gaetano di Messina, Miriana Faieta di Chieti, Giove di Torino, Isotta di Siena, Olivia XX di Civita Castellana (Viterbo), Alessandra Pirrone di Catania, Valentina Polinori di Roma, Claudia Salvini di Montevarchi (Arezzo), Vitto di Vinci (Firenze). Le dieci cantautrici sono state come sempre selezionate in un mese e mezzo di lavoro da un Comitato di Garanzia formato da decine di produttori, discografici, manager, cantanti, autori, musicisti, giornalisti tra i più accreditati del mondo musicale italiano.

Mannarino

Due saranno i premi principali. Uno è il premio assoluto, il Premio Bianca d’Aponte (che prevede una borsa di studio di 1.000 euro). L’altro è il premio della critica, intitolato a Fausto Mesolella, storico direttore artistico della manifestazione (la cui borsa di studio sarà di 800 euro). Riconoscimenti della giuria andranno anche alla migliore interpretazione, al miglior testo ed alla migliore musica. Sono poi previsti vari altri premi assegnati da singoli membri della giuria o da enti e associazioni vicini al d’Aponte.

Nelle precedenti edizioni il premio assoluto era andato a Veronica Marchi e Germana Grano (ex aequo, 2005), Chiara Morucci (2006), Mama’s Gan (2007), Erica Boschiero (2008), Momo (2009), Laura Campisi (2010), Claudia Angelucci (2011), Charlotte Ferradini (2012), Federica Abbate (2013), Elisa Rossi (2014), Irene Ghiotto (2015), Sighanda (2016), Federica Morrone (2017), Francesca Incudine (2018), Cristiana Verardo (2019), Monica Sannino (2020).

Il premio della critica è stato invece attribuito a Marilena Anzini (2005), Ivana Cecoli (2006), Giorgia Del Mese (2007), Silvia Caracristi (2008), Momo e Giorgia Del Mese (ex aequo, 2009), Paola Rossato (2010), Rebi Rivale (2011), Cassandra Raffaele e Paola Rossato (ex aequo, 2012), Rebi Rivale (2013), Elsa Martin (2014), Helena Hellwig (2015), Agnese Valle (2016), Fede ‘N’ Marlen (2017), Francesca Incudine e Irene Scarpato (2018), Lamine (2019), Simona Boo (2020).

Ufficio Stampa: Monferr’Autore

About Dario Furlan

Fotografo free lance e giornalista pubblicista. Segue da anni il panorama musicale internazionale - ma anche locale - con particolare predilezione per quanto riguarda il rock (in tutte le sue derivazioni), il folk ed il blues nonché la musica in lingua friulana. Cultore di "motori e rally", dei quali vanta una conoscenza ultradecennale, è anche atleta nella disciplina ciclistica della mountain bike.

Commenti chiusi.

[fbcomments]
Scroll To Top