domenica , 23 Gennaio 2022
Notizie più calde //
Home » HOT » Il 12 e 13 novembre “OBLIVION RHAPSODY” in cartellone al Teatro Stabile del Friuli Venezia Giulia
Il 12 e 13 novembre “OBLIVION RHAPSODY” in cartellone al Teatro Stabile del Friuli Venezia Giulia

Il 12 e 13 novembre “OBLIVION RHAPSODY” in cartellone al Teatro Stabile del Friuli Venezia Giulia

image_pdfimage_print

Il 12 e 13 novembre gli Oblivion inaugurano il nuovo cartellone dedicato al “Teatro Brillante” del Teatro Stabile del Friuli Venezia Giulia. In scena al Politeama Rossetti “Oblivion Rhapsody” spettacolo che celebra il traguardo dei 10 anni di tournée raggiunto dal gruppo. Nello show anche l’inedito “History of Rock”: itinerario in 6 minuti attraverso 50 miti del rock e 53 celebri hit”.


Agli Oblivion, da sempre beniamini del pubblico del Teatro Stabile del Friuli Venezia Giulia, va il compito di inaugurare – venerdì 12 novembre, con replica sabato 13 – il cartellone dedicato al “Teatro Brillante”, una novità della Stagione 2021-2022.

«Gli Oblivion sono i cinque sensi della satira musicale, i cinque continenti della parodia, i cinque gradi di separazione fra i Queen e Gianni Morandi. Li hanno definiti “atomizzatori di repertori musicali, pusher di pillole caricaturali” ma anche “meravigliosamente superflui, come le Piramidi”» si legge nella presentazione del gruppo «Gli Oblivion giocano con la musica e il teatro. Sono uno Spotify vivente che mastica le note e le digerisce in diretta in modi mai sentiti prima. Un OGM che spazia tra genio e follia, giocoleria e cabaret, intrattenimento leggero e profonda demenzialità».

Gli Oblivion sono tutto questo, in tournée sui palcoscenici italiani, da 10 anni: un traguardo importante, che Graziana Borciani, Davide Calabrese, Francesca Folloni, Lorenzo Scuda, Fabio Vagnarelli hanno scelto di celebrare a modo loro, con uno show intitolato “Oblivion Rhapsody”.

Oblivion Rhapsody” è la summa dell’universo Oblivion come non si è mai visto né sentito prima d’ora. Questo promettono i cinque straordinari artisti che autodefinendosi ironicamente “rigorosi cialtroni in piena crisi di mezza età” raccontano di aver condensato nello spettacolo una vera e propria sfida a sé stessi, con un’inedita e sorprendente versione acustica della loro opera omnia. Cinque voci, una chitarra, un cazzotto e miliardi di parole, suoni e note scomposti e ricomposti a prendere nuova vita.

Ecco allora che sul palcoscenico del Politeama Rossetti – sapientemente diretti da Giorgio Gallione – gli Oblivion creeranno un enorme mosaico delle loro performance più amate, passando dalle celeberrime parodie dei classici della letteratura alla dissacrazione delle hit musicali a colpi di humour, alle esecuzioni più rare che magari in quest’occasione saranno riscoperte con grande gusto dal pubblico.

Poi ci sarà qualcosa di inedito: “History of Rock”. Vi è racchiusa in 6 minuti una vera e propria rapsodia che fonde 50 interpreti immortali e 53 famosissime hit a partire dal 1955 con “Rock around the clock” per giungere ai Sex Pistols, The Doors, Jimi Hendrix e tantissimi altri. Gli Oblivion ce li restituiranno utilizzando unicamente le loro voci, anche per riprodurre gli strumenti musicali: batteria, basso, chitarra, tastiere e synth.

«Gioco, paradosso, ironia, sorriso: questo è il Comico che vedo negli Oblivion» dice di loro il regista Gallione. «Il tutto sorretto e condito da un talento continuamente messo in discussione e da una professionalità feroce. Rivolta soprattutto “contro” sé stessi. Tutto è libero e volatile nel loro teatro, ma nulla è affidato al caso. C’è costantemente una architettura ferrea che sostiene i loro castelli di carta. Così, sempre, quello che può sembrare solo uno scherzo diventa nella realtà della scena non tanto un ingrediente digestivo o ciecamente spensierato, ma un linguaggio polifonico, meticcio, contaminato. Prezioso come una filigrana lucente ma usato come strumento del pensiero divergente, del mondo alla rovescia.  Una costruzione variegata e complessa di parole e musica che gode della gioia della lingua e del pensiero, ma che si trasforma presto in sberleffo liberatorio, sovversione del senso comune, ludica e ragionata aggressione alla noia».

Lo spettacolo è in scena alla Sala Assicurazioni Generali alle ore 20.30 il 12 e 13 novembre. Per biglietti e prenotazioni, ci si rivolge alla Biglietteria del Politeama Rossetti, agli altri consueti punti vendita, o via internet sul sito www.ilrossetti.it. L’ingresso in sala sarà consentito solo ai titolari di certificazione “Green Pass”. Informazioni anche al numero del Teatro 040.3593511.

– – –

OBLIVION RHAPSODY

uno spettacolo di e con gli Oblivion:

Graziana Borciani, Davide Calabrese, Francesca Folloni, Lorenzo Scuda, Fabio Vagnarelli

regia Giorgio Gallione

scene Lorenza Gioberti

costumi Elisabetta Menziani

luci Aldo Mantovani

produzione Agidi

About Dario Furlan

Fotografo free lance e giornalista pubblicista. Segue da anni il panorama musicale internazionale - ma anche locale - con particolare predilezione per quanto riguarda il rock (in tutte le sue derivazioni), il folk ed il blues nonché la musica in lingua friulana. Cultore di "motori e rally", dei quali vanta una conoscenza ultradecennale, è anche atleta nella disciplina ciclistica della mountain bike.

Commenti chiusi.

[fbcomments]
Scroll To Top