sabato , 25 Settembre 2021
Notizie più calde //
Home » Spettacolo » I Guitti e il teatro benefico

I Guitti e il teatro benefico

image_pdfimage_print

Torna in scena a Udine anche quest’anno il teatro che fa “bene”. La compagnia teatrale itinerante de “I Guitti”, questa volta nel più raccolto Auditorium Zanon, ha messo in scena giovedì 19 aprile 2012 (alle ore 16.00 e 21.00) la commedia “La fortuna si diverte”, testo di Georges Feydeau rielaborato da Nadia Buizza. Al di là del divertimento in due tempi, l’organizzazione Viviteatro S.r.l. fa leva sullo scopo benefico della rappresentazione: anche quest’anno il ricavato dello spettacolo viene devoluto alla Onlus Fondazione Valentino Pontello di Majano che opera in favore delle persone con disabilità del territorio della Comunità Collinare del Friuli. La Fondazione offre loro accoglienza, lavoro e ricrea quei rapporti sociali di cui spesso queste persone sono prive. Un motivo in più per assistere allo spettacolo.

L’esilarante commedia, ambientata in una Parigi da Belle Époque, narra in due atti le assurde avventure di un attore squattrinato, Cipriano Snobinet, alle prese con classici, quasi plautini, scambi di persona, fraintendimenti e giochi di parole, ai quali si aggiungerà inoltre la notizia di una misteriosa quanto poi fantomatica eredità. Dotato però di ineguagliabile fantasia e comicità, l’inconcludente attore Snobinet finirà per ironia della sorte a ritrovare proprio nel travestimento, la forma più basilare tra gli espedienti teatrali, l’esilarante quanto geniale via d’uscita dai guai. La commedia gioca molto sui “tipi” caratteriali, personaggi piatti che dall’inizio alla fine ricalcano loro stessi (il marito geloso, la suocera, il suocero donnaiolo, il cameriere scansafatiche..) ma che riescono a far ridere e commentare ad alta voce inevitabilmente anche il pubblico d’oggi, abituato da ormai un secolo al silenzio in platea.

Un ultimo cenno merita la stessa compagnia teatrale de “I Guitti”. Famiglia d’arte del Teatro girovago italiano, è una delle poche ancora attive dal 1888 (la maggior parte delle compagnie si esaurirono con la Seconda Guerra Mondiale). Ogni anno propongono a Udine uno spettacolo diverso, l’anno scorso portarono un dramma rielaborato dalle novelle verghiane, quest’anno la commedia di Feydeau. Passano con facilità da commedie a drammi più seri con l’abilità di chi ha molta esperienza alle spalle: il loro “teatro di repertorio” è molto ricco, spazia da Pirandello a Cechov, a Goldoni, a Molière. Il teatro girovago fa parte da sempre della nostra cultura popolare e i Guitti ci fanno riassaporare quell’antica teatralità, molto affine alla giulleria, che porta questa antichissima forma d’arte lontano dai grandi circuiti teatrali , ma quasi, alle soglie di casa nostra.

Martina Napolitano

© Riproduzione riservata

About Redazione

Il discorso è composto da idee, parole, fatti ed esperienze con il fine di in-formare coscienze libere e responsabili. Le cose sono invisibili senza la luce, le parole sono vuote senza un discorso.

Commenti chiusi.

[fbcomments]
Scroll To Top