venerdì , 23 Luglio 2021
Notizie più calde //
Home » Spettacolo » Danza » Lo Schiaccianoci con la partecipazione straordinaria di Andrè De La Roche giovedì 11 dic. 20.30, al Teatro Stabile Sloveno

Lo Schiaccianoci con la partecipazione straordinaria di Andrè De La Roche giovedì 11 dic. 20.30, al Teatro Stabile Sloveno

image_pdfimage_print

Schiaccianoci 2Il Circuito Danza regione FVG propone al Teatro Stabile Sloveno, giovedì 11 dicembre alle 20.30, ‘Lo Schiaccianoci’ portato in scena dal Balletto di Roma con le coreografie di Mario Piazza e la partecipazione straordinaria di Andrè De La Roche. Lo Schiaccianoci è divenuto, in un tempo relativamente breve (la ‘prima’ assoluta è il 18 settembre 1892 a San Pietroburgo e il debutto in Italia avviene nel 1938) un balletto popolarissimo, spesso usato – e abusato – come una sorta di ‘strenna’ natalizia, una specie di fiaba gioiosa dedicata all’infanzia. Il balletto ottocentesco originario, spesso allestito con grande sfarzo di scene e costumi, pone gli spettatori dinanzi a una lieta festa in famiglia per la Vigilia natalizia con la sua bonaria e sorridente atmosfera, alla felicità della piccola Clara che riceve in dono dal padrino e mago Drosselmeyer un bellissimo schiaccianoci a forma di soldatino, ai dispetti del suo fratellino Fritz che, geloso, cerca di rompere il bel giocattolo a cui la bimba si è già affezionata… Clara si addormenta e vede in sogno il suo amico Schiaccianoci tramutarsi in un Principe che la difende dal truce Re deiSchiaccia Topi per poi condurla con sé in paesi incantati, fino al sospirato luogo delle leccornie, il Konfitürenburg o Regno dei Dolciumi, dove trionfa la Fata Confetto in un celebre divertissement durante il quale sfilano (e danzano) tutte le ghiottonerie che i bimbi possono desiderare per le loro merende: cioccolata, pasticcini, caffè, tè… Alla fine, una magica slitta ricondurrà Clara nel mondo reale, facendola risvegliare dal suo bel sogno. Questa nuova elaborazione drammaturgica di Riccardo Reim appositamente pensata per la coreografia di Mario Piazza ripristina – con le opportune distanze – il lato noir della narrazione hoffmaniana, immettendo senza freni inibitori la piccola protagonista nella tremenda quotidianità dei nostri anni, dove gli occhi infantili sono costretti ogni momento a spalancarsi sull’angosciante verità dell’oggi e sul suo orrore: Clara viene in tal modo a ritrovarsi scaraventata in  una specie di grottesco bordello di gratuite e sconcertanti violenze, dove giochi e balocchi, persino i Fiocchi di Neve e i Fiori del famosissimo valzer assumono aspetti mostruosi e sinistri…

La biglietteria del teatro aprirà alle 19: telefono 040.362542, numero verde 800214302.

About Redazione

Redazione
Il discorso è composto da idee, parole, fatti ed esperienze con il fine di in-formare coscienze libere e responsabili. Le cose sono invisibili senza la luce, le parole sono vuote senza un discorso.

Commenti chiusi.

[fbcomments]
Scroll To Top