domenica , 5 Dicembre 2021
Notizie più calde //
Home » Spettacolo » Cinema » GORIZIA, FILMFORUM FESTIVAL: EDIZIONE RECORD CON OLTRE 5MILA PRESENZE

GORIZIA, FILMFORUM FESTIVAL: EDIZIONE RECORD CON OLTRE 5MILA PRESENZE

image_pdfimage_print

Con oltre 5mila presenze nelle due fasi di Udine e Gorizia, con 300 ospiti internazionali fra relatori, artisti e dottorandi italiani e stranieri, con 13 pubblicazioni nella sola edizione 2014 e con cinque proiezioni proposte in prima nazionale si chiude domani, venerdì 11 aprile, l’edizione 2014 di FilmForum Festival, promossa dall’Università degli Studi di Udine e diretta da Leonardo Quaresima, per il coordinamento di Sara Martin e Federico Zecca. Record anche di spettatori nelle sale sia a Udine che a Gorizia.Mentre oggi proprio a Gorizia è stata presentata, per la prima volta in Italia, la rivista internazionale Porn Studies con le due direttrici Clarissa Smith e Feona Attwood. Una rivista che analizza dal punto di vista scientifico la pornografia e che ha suscitato grande interesse a livello internazionale, tanto da diventare un vero e proprio “caso” giornalistico. A suggellare il festival sarà, nella serata di domani, alle 20 al Kinemax di Gorizia, la replica del fortunato documentario “Eccoli”, che per la prima volta ha portato sullo schermo le immagini inedite degli anni di Franco Basaglia a Gorizia, dal fondo del cineamatore Giorgio Osbat, acquisito dal Palazzo del Cinema e depositato presso la Mediateca Ugo Casiraghi di Gorizia. Il progetto del film è stato ideato dall’artista e fumettista Stefano Ricci, che insieme al montatore Jacopo Quadri e al compositore e contrabbassista Giacomo Piermatti, ha saputo restituire, con affettuosa delicatezza, il senso profondo della rivoluzione avviata da Franco Basaglia a inizio anni Sessanta, nell’ospedale psichiatrico di Gorizia. Nelle immagini i degenti sono accanto a Francesco Valentinsig, l’operatore musicale scelto nel 1961 da Basaglia per introdurre a poco a poco il metodo di Carlo Orff: costruendo così con la musica un ponte prezioso e inesplorato di comunicazione fra i ‘matti’ emarginati dietro le sbarre di un manicomio e la società intorno a loro.

E sempre a firma di Stefano Ricci è il corto d’animazione “Città in due”, prodotto a conclusione di FilmForum Festival 2014 in omaggio a Gorizia, la piccola Berlino sul confine italo-sloveno. Un film collettivo curato e diretto da Stefano Ricci con gli allievi del Dams: «Questo film – spiega Ricci – e’ stato disegnato fotogramma per fotogramma da 42 studenti del Dams. Ogni studente ha disegnato, ripreso, montato il materiale video e ha registrato il suo proprio suono. Siamo andati insieme sulla frontiera con la Slovenia, siamo partiti da uno stesso punto, ognuno si e’ allontanato e ha scelto un posto nel quale cominciare le riprese, ognuno ha ripreso diciamo con un telefonino, o una camera, o camera a mano o posizionandola e ha filmato una o piu’ riprese che sono state la base del materiale disegnato. Non abbiamo fatto uno storyboard: ognuno ha lavorato in modo personale, e le sue sequenze disegnate sono rientrate in un film collettivo. E’ stato entusiasmante vedere come delle persone che non hanno esperienza di disegno potessero raggiungere con naturalezza una qualita’ cosi’ alta … ».

In replica sempre domani Crisi-volume2 i corti degli studenti del corso di Thomas Sheridan del DAMS di Gorizia.

 

E sarà dedicata al “cinema senza nomi” l’edizione 2’15 di FilmForum Festival: «Proporremo alle università in rete di tutto il mondo un progetto intorno a una storia del cinema senza nomi, così come Wölfflin immaginava una storia dell’arte senza nomi e Valéry si proponeva di scrivere una storia della letteratura senza nomi – spiega il direttore artistico Leonardo Quaresima – Da sempre i nostri studi affrontano la problematizzazione della nozione di autore e la ridefinizione della nozione di stile. Per questo ci sembra importante poter tracciare una nuova topografia del cinema, con elementi di base comuni agli autori e ai generi, ma che possano trovare forme di coesione indipendenti e diverse. Modelli in base ai quali le poetiche cinematografiche d’autore siano viste come l’unificazione, momentanea, di tratti che vanno ben oltre la loro portata». Info: www.filmforumfestival.it

About Redazione

Il discorso è composto da idee, parole, fatti ed esperienze con il fine di in-formare coscienze libere e responsabili. Le cose sono invisibili senza la luce, le parole sono vuote senza un discorso.

Commenti chiusi.

[fbcomments]
Scroll To Top