1

A Monfalcone, con “Le nozze di Figaro” al via il 5 ottobre la nuova stagione d’Opera AL Kinemax

Al via lunedì 5 ottobre la stagione 2015-16 di Opera al cinema al Kinemax di Monfalcone
Alle 19.45, in diretta dalla Royal Opera House, “Le nozze di Figaro” di Mozart diretta da Antonio Pappano

Roma, Auditorium Parco della Musica 21 10 2010 Ritratti di Antonio Pappano per cd Emi Rachmaninov ©Musacchio & Ianniello

 Antonio Pappano ©Musacchio & Ianniello

Si confermano le eccellenze del Kinemax di Monfalcone, con il primo titolo de “L’Opera al Cinema” che inaugura la sua nuova  stagione – interamente trasmessa in diretta dalla Royal Opera House di Londralunedì 5 ottobre, alle 19.45 con “Le nozze di Figaro” di Wolfgang Amadeus Mozart.
Capolavoro della immortale trilogia italiana, su libretto di Lorenzo Da Ponte, “Nozze” racconta della “folle giornata” già narrata da Beaumarchais. Gli intrighi di corte sono sviscerati con modernità straordinaria da musica e libretto e il popolare allestimento è quello di McVicar che torna nelle mani di Ivor Bolton, eccellenza tra i direttori inglesi.
Di grande livello il cast, noto ai palcoscenici di tutto il mondo: Figaro è Erwin Schrott, Susanna è la celebre soprano Anita Hartig, il Conte Stéphan Degaut, la Contessa Ellie Dehn e Cherubino la già apprezzata e disinvolta Kate Lindsey.

Anita Hartig è Susanna

Anita Hartig è Susanna

Un’opera buffa che trascende i semplici parametri del testo teatrale trasposto in musica, “Le Nozze di Figaro” sono considerate una tra le pagine più “perfette” del genio di Salisburgo, per la superlativa efficacia degli intrecci drammaturgici, per la modernità dei contenuti e per la meravigliosa articolazione musicale. Astuzia e leggerezza, umanità e cinismo, fanciullezza e sagacia convivono nell’opera, che nella famosa regia di David McVicar sono ben combinate in una Francia post rivoluzionaria: un inesorabile senso di smarrimento, un’avida necessità di eccessi accompagna il sovvertimento del precedente ordine sociale.
Particolarmente accentuati sono i tratti psicologici di una Contessa amaramente saggia e rassegnata (centro drammatico della vicenda) e delizioso il contrasto tra il genuino Figaro di Schrott e la concretissima (ma dolce) Susanna della rumena Hartig. L’ottima direzione di Antonio Pappano (direttore stabile all’Opera House) consente la più intensa profondità alla musica e alle interpretazioni di tutti i personaggi.