lunedì , 12 Aprile 2021
Notizie più calde //
Home » SLIDER » CALAFRICA 30 settembre-1 ottobre 2015 – teatro Galleria Toledo Napoli.
CALAFRICA 30 settembre-1 ottobre 2015 – teatro Galleria Toledo Napoli.
Calafrica

CALAFRICA 30 settembre-1 ottobre 2015 – teatro Galleria Toledo Napoli.

image_pdfimage_print

Chiude il ciclo di Stazioni d’Emergenza, la pièce di Manuela Valenti, che è interprete e autrice di un’altra necessaria e importante riflessione sulla realtà attuale, qui rivolta al Mezzogiorno d’Italia: CALAFRICA è il racconto del “mestizaje”, la mescolanza di culture e tradizioni tra Africa e Calabria, entrambe terre d’emigrazione e di immigrazione, di partenze senza via di ritorno. Racconto di vite vissute e indagine sull’identità femminile, che si delinea tra elementi culturali antichi e moderni, tra differenze e affinità; immersa in un presente controverso, una narrazione che ci ricorda, dalle tavole del palcoscenico, che il teatro è un’irrinunciabile necessità per l’umanità, chiave di lettura che ridefinisce il significato di ciò che siamo e ciò che diveniamo.

Calafrica, termine che rimanda ironicamente alla vicinanza culturale tra la Calabria, e in generale tutto il Sud Italia, e l’Africa, è uno spettacolo che contiene in sé diversi mondi sociali, filosofici, espressivi, uniti tutti da un unico filo conduttore: una profonda riflessione autobiografica sull’esperienza del viaggio dentro se fuori da se alla ricerca-scoperta della diversità del volto degli altri, dell’accettazione, della ricomposizione, attraverso la narrazione, di un vissuto ai margini della crisi identitaria e della crisi collettiva.Ecco, pertanto, come Calafrica sia il frutto della volontà di dar voce, attraverso la musica la danza e il racconto, al sentire di quanti hanno vissuto il trauma-rivoluzione della migrazione, dell’alienazione del percepirsi come diversi lontani dai luoghi di appartenenza. Appartenenza, appartenere, cosa significano poi veramente? Consapevolezza della propria identità in relazione all’ambiente di riferimento: e quando l’ambiente non pi lo stesso, cosa accade? Si può vivere senza appartenere a null’altro che ai solchi della propria esperienza, in tutta la loro problematicità e complessità fuori dal tempo e dallo spazio?Figure di donne si alternano sul palco per raccontare questo viaggio tra la Calabria e Africa, due paesi che si incontrano riscoprendosi diversi ma simili, lontani ma molto vicini, uniti appunto da un senso universale di umanità.

Galleria Toledo, teatro stabile d’innovazione   via Concezione a Montecalvario, 34 80134 Napoli

About Redazione

Redazione
Il discorso è composto da idee, parole, fatti ed esperienze con il fine di in-formare coscienze libere e responsabili. Le cose sono invisibili senza la luce, le parole sono vuote senza un discorso.

Commenti chiusi.

[fbcomments]
Scroll To Top