sabato , 4 Dicembre 2021
Notizie più calde //
Home » Spettacolo » Arte e mostre » La bottega del sacro di Tiburzio Donadon: il maestro e Giancarlo Magri, l’ultimo garzone

La bottega del sacro di Tiburzio Donadon: il maestro e Giancarlo Magri, l’ultimo garzone

image_pdfimage_print

Centoventi opere di arte sacra, che costituiscono una nutrita selezione della cinquantennale attività di Giancarlo Magri, e circa duecento disegni preparatori di opere dipinte da Tiburzio Donadon in decine di chiese tra Friuli e Veneto, saranno visitabili dal 7 dicembre al 25 gennaio 2014 nel Convento di San Francesco di Pordenone, con ingresso libero. L’esposizione, organizzata dal Centro culturale “Augusto Del Noce”, con il contributo e il patrocinio del Comune e della Provincia di Pordenone, e il sostegno di Fondazione Crup, Banca Popolare FriulAdria e altri sponsor privati, sarà inaugurata oggi alle ore 17.00.1

La mostra intende far conoscere “La bottega del sacro di Tiburzio Donadon”, vera fucina di artisti nel cuore del secolo scorso (tra cui Armando Pizzinato), continuata poi dal suo ultimo garzone, Giancarlo Magri. Sono in questo modo documentati ben cento anni di arte sacra, riletti nel ricco catalogo da Angelo Crosato, per quanto riguarda il maestro Donadon, e da Fulvio Dell’Agnese, per quanto riguarda l’allievo Giancarlo Magri. I bozzetti di Donadon vengono esposti per la prima volta al pubblico nella loro totalità, mentre nel caso di Magri si può vedere lo sviluppo coerente della produzione pittorica non legata alla committenza ecclesiastica, fino alle ultime opere, ispirate dalla celebrazione dell’Anno della fede. Una serie di pannelli didattici documentano poi il lavoro svolto da Magri nelle chiese della Diocesi di Concordia-Pordenone. La mostra sarà 2ulteriormente arricchita, in gennaio, da un Convegno su “Il Cardinale Celso Costantini e l’arte sacra”, in cui saranno esposti i risultati delle ultime ricerche di Bruno Fabio Pighin e Alessandra Pitter, nonché da un dibattito sul tema dell’editoria sacra, cui parteciperanno Giovanni Santarossa e gli autori del libro di racconti Le sette lampade: il medievalista Luca Gianni e la disegnatrice Laura Guaianuzzi. Non mancherà nella mostra uno spazio per la solidarietà, in cui sarà possibile sostenere i progetti di sviluppo di AVSI proposti nell’ambito delle Tende di Natale.

Vito Digiorgio

About Vito Digiorgio

Giornalista pubblicista iscritto all’Albo dei giornalisti dal 2013. Si è laureato all'Università di Udine con una tesi sulla filologia italiana. Collabora con alcune testate giornalistiche on line.

Commenti chiusi.

[fbcomments]
Scroll To Top