sabato , 8 Maggio 2021
Notizie più calde //
Home » Spettacolo » Arte e mostre » IN GIAPPONE LA BELLEZZA È INIZIATICA in mostra a Biella Dal 29 aprile al 23 maggio 2021 Palazzo Ferrero
IN GIAPPONE LA BELLEZZA È INIZIATICA  in mostra a Biella Dal 29 aprile al 23 maggio 2021 Palazzo Ferrero

IN GIAPPONE LA BELLEZZA È INIZIATICA in mostra a Biella Dal 29 aprile al 23 maggio 2021 Palazzo Ferrero

image_pdfimage_print

Il Paese del Sol Levante da sempre esercita un fascino magnetico sugli artisti occidentali, che in ogni tempo lo hanno raccontato attraverso immagini e parole.

La mostra In Giappone la bellezza è iniziatica, 29 aprile-23 maggio 2021 a Biella, riunisce tre figure che attraverso le loro fotografie e le loro opere indagano il concetto di estetica applicato al mondo giapponese, costruendo una lettura inedita, a cavallo tra passato e contemporaneo: Palazzo Ferrero ospita la mostra La luna e il bambù del fotografo romano Olmo Amato, celebre per la sua capacità di unire in un’immagine l’analogico e il digitale e che ci pone di fronte a immagini di un Giappone lontano dai grattacieli e dalla tecnologia dominante. Nelle stessa sede espositiva, Endocosmo Maraini offre l’opportunità di godere di immagini spettacolari che il grande osservatore e narratore del mondo Fosco Maraini ha scattato durante la sua permanenza in Giappone. La terza esposizione, allestita presso la sede di BI-BOx sempre a Palazzo Ferrero, è Iris. Inverno (e poi sarà di nuovo primavera) e raccoglie delle opere inedite di Michela Cavagna, un omaggio alla cultura giapponese, dove silenzio e vuoto assumono un significato ricco di interpretazioni lasciate a chi le osserva.

In Giappone la bellezza è iniziatica è un progetto di BI-BOx – APS a cura di Irene Finiguerra e realizzato in collaborazione con l’associazione StileLibero. Le tre mostre fanno parte del percorso espositivo Viaggio. Orizzonti, Frontiere, Generazioni a cura di Fabrizio Lava, e hanno avuto il contributo da parte della Fondazione Cassa di Risparmio di Biella. L’apertura delle mostre è fissata per il 29 aprile 2021.

L’accesso sarà regolato dagli addetti nel rispetto delle norme vigenti per la gestione dell’emergenza Covid-19.

LA LUNA E IL BAMBÙ di Olmo Amato 

Il ciclo di fotografie di Olmo Amato, già conosciuto e apprezzato dal pubblico per la mostra Rinascite, continua con La luna e il bambù, risultato del suo incontro con la cultura e le tradizioni del Giappone, sempre ricorrendo a fotomontaggi che sono la fusione di paesaggi contemporanei con immagini d’archivio, unita alla sapienza di una stampa su carta tradizionale washi, realizzata artigianalmente e adattata alla moderna tecnologia di stampa fotografica. Sono immagini di ambiente naturale (boschi di bambù, spazi verdi) che Amato ha fotografato in una lunga ricerca di luoghi incontaminati dove si trova il Giappone più antico, lontano dai grattacieli di Tokyo. Affascinato dalla profonda connessione dei giapponesi con la natura, egli ritrae luoghi evocativi, tra cui la celebre foresta di bambù di Arashiyama a Kyoto, per realizzare fotomontaggi secondo la sua personale poetica. Le figure femminili – tratte da album fotografici ritraenti il Giappone di fine Ottocento – sembrano così ritrovare le loro radici spirituali, al di là di tempo e spazio, grazie ad un’alchimia digitale.

Olmo Amato, fotografo e filmmaker dal 2010 si occupa di stampa fine art, post produzione e didattica. Nei suoi progetti personali, prevalentemente in bianco e nero, integra foto d’epoca all’interno di scatti da lui stesso realizzati viaggiando. Le sue opere sono state selezionate ed esposte in festival, gallerie e fiere d’arte contemporanea. Nel 2018 vince il premio Setup come miglior artista under 35, nel 2019 il premio Campolmi e il premio Malamegi Lab.

ENDOCOSMO MARAINI. IL GIAPPONE DI FOSCO MARAINI 

a cura di Nour Melehi e Mujah Maraini Melehi

una mostra dell’Istituto Giapponese di Cultura in Roma

con il sostegno di FAF – Fondazione Alinari per la Fotografia e del Gabinetto Scientifico Letterario G.P. Vieusseux – Firenze

Sono circa quaranta le fotografie in mostra che provengono dall’archivio omonimo e rappresentano un percorso nella storia di una esperienza scientifica e di vita straordinaria quale è stata quella di Fosco Maraini (1912-2004) viaggiatore, etnologo, antropologo, fotografo, narratore, professore, orientalista, alpinista. Nel 1938 Maraini partiva per il suo primo viaggio in Giappone – con lui la moglie Topazia Alliata e la primogenita Dacia – alla scoperta di nuove possibilità fuori dall’Italia (su di essa incombono gli spettri del fascismo e del nazismo) e all’incontro del suo, allora nascente, interesse per una pratica etnografica in terra d’Oriente. Quello che inizialmente può apparire come una destinazione casuale, una scelta dettata dalla necessità di lasciare il proprio paese, è in realtà frutto di un seme gettato nel suo animo fin dall’infanzia, grazie a certi racconti su affascinanti paesi lontani e letture compiute in casa da bambino. La mostra è a cura delle nipoti Nour Melehi e Mujah Maraini-Melehi, realizzata dall’Istituto Giapponese di Cultura, con il sostegno di FAF – Fondazione Alinari per la fotografia e del Gabinetto Scientifico Letterario G.P. Viesseux – Firenze.

Nour Melehi, dopo gli studi in Etnoantropologia, collabora con gallerie d’arte e istituzioni private e pubbliche, in Italia come all’estero, occupandosi di fotografia e intercultura. Dal 2009 dirige l’Associazione Fondo Alberto Moravia e coordina le attività della casa museo dello scrittore.

Mujah Maraini-Melehi (regista-produttrice-sceneggiatrice) è cresciuta tra Marocco, Italia e Stati Uniti. Mujah si laurea in Lettere al Sarah Lawrence College di New York specializzandosi in Teatro con Shirley Kaplan e critica cinematografica con Gilberto Perez. Studia filmmaking alla Boston University, recitazione alla Royal Academy of Dramatic Arts di Londra, all’Actors Studio di New York e privatamente con John Strasberg e Allen Savage. Recita al Teatro La Mama di New York sotto la guida di Ellen Stewart. Continua a lavorare in teatro e televisione negli Stati Uniti, dove vive per oltre vent’anni.  Il documentario Haiku on a Plum Tree segna il suo esordio alla regia e il suo ritorno in Italia.

IRIS. INVERNO (E POI DI NUOVO SARÀ PRIMAVERA) di Michela Cavagna

“Nel mio giardino ho piantato dei bulbi di iris. E ogni anno senza che io li guardi o curi più di tanto loro mi regalano delle fioriture magnifiche… un giorno, osservando un grumo di foglie adagiate sul terreno gelido, ghiacciato, della mattina, mi è venuta alla mente la trasformazione a cui va incontro la natura durante il periodo invernale. Ho cominciato a pensare alla ciclicità della vita delle piante, al tempo del trasformarsi in humus per dare linfa alla nuova vita che verrà l’anno successivo, al tempo della gestazione per la rinascita”. 

Un riferimento implicito al momento che l’umanità sta attraversando: così Michela Cavagna racconta le sue incisioni su carta Kozo, con una ventina di opere inedite che costituiscono un omaggio alla cultura giapponese che spesso interpreta le stagioni e il loro scorrere nel tempo, dove silenzio e vuoto assumono un signifcato ricco di interpretazioni lasciate a chi le osserva.

I riferimenti ai principi estetici ed etici della cultura giapponese sono esplicitati nell’uso della stampa mokuhanga e nella tecnica sashiko del rammendo. Il BORO, l’arte che lo comprende, si fonda sul riutilizzo di vecchi tessuti rammendati per creare nuovi capi, elogia l’imperfezione, la sobrietà, il senso della circolarità delle cose, in questo modo si rimanda al concetto di rinascita.

Michela Cavagna nasce in un distretto industriale tessile, in gioventù sceglie l’architettura come forma di ribellione alla tradizione. Affascinata da figure quali quella di Anni Albers ed il laboratorio tessile del Bauhaus fonda nel 2009 una fucina tessile. Dal 2015 vive per quasi 4 anni in Indonesia e qui iniziano a prendere forma lavori influenzati e contaminati dalla cultura del Sud-Est Asiatico. A cavallo fra 2017 e 2018 è invitata a tenere una personale all’Istituto Culturale Italiano di Jakarta.

Oggi tornata in Italia, crea opere in fiber art e con l’incisione mokuhanga grazie al suo amore per la cultura giapponese. Racconta delle sue paure, del rapporto con le figure femminili della sua famiglia, del suo stesso ruolo femminile, indaga il significato di parole come ciclicità, valore del passato, equilibrio.

BIGLIETTI E ORARI:

La luna e il bambù + Endocosmo Maraini – Palazzo Ferrero (Corso del Piazzo, 25 – Biella)
Iris. Inverno (e poi sarà di nuovo primavera) – BI-BOx Art Space ℅ Palazzo Ferrero (Corso del Piazzo, 25)
Ingresso libero
Orari d’apertura: sabato e domenica dalle ore 10 alle ore 19
Apertura straordinaria giovedì 29 aprile e venerdì 30 aprile dalle ore 15 alle ore 21, salvo modifiche per nuovo DPCM.

PER INFORMAZIONI AL PUBBLICO:

info.bibox@gmail.com |www.bi-boxartspace.com | +39 349 7252121

info@palazzoferrero.it | www.palazzoferrero.it| +39 388 5647455

About Redazione

Redazione
Il discorso è composto da idee, parole, fatti ed esperienze con il fine di in-formare coscienze libere e responsabili. Le cose sono invisibili senza la luce, le parole sono vuote senza un discorso.

Commenti chiusi.

[fbcomments]
Scroll To Top