giovedì , 9 Dicembre 2021
Notizie più calde //
Home » Spettacolo » Arte e mostre » Domenica 26 gennaio 2014 Ore 17, Chiesa di Santa Maria dei Battuti marionette e burattini Italia Europa

Domenica 26 gennaio 2014 Ore 17, Chiesa di Santa Maria dei Battuti marionette e burattini Italia Europa

image_pdfimage_print

Sarà inaugurata questa domenica, 26 gennaio, alle ore 17, nella Chiesa di Santa Maria dei Battuti, Cividale del Friuli (Ud) la mostra “Maria Signorelli e Vittorio Podrecca: un incontro. Marionette e burattini tra l’Italia e l’Europa dalla Collezione Signorelli”, visitabile dal 28 gennaio al 16 marzo 2014.L’esposizione vuole presentare al pubblico una parte della Collezione Signorelli. “La più grande raccolta privata esistente in Europa di materiali attinenti il teatro di animazione – spiega il sindaco di Cividale Stefano Balloch – è stata concessa in comodato dagli eredi Signorelli al Comune di Cividale del Friuli grazie alla collaborazione del Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo, per realizzare il futuro “Centro Podrecca. Museo delle meraviglie Maria Signorelli, già finanziato dalla Regione”.  Cividale del Friuli - Podrecca - Signorelli 17 - dic 2013La mostra vuole anche celebrare i cento anni della fondazione della Compagnia dei Piccoli, nata proprio nel mese di febbraio del 1914”.  A corredo dell’esposizione, l’amministrazione comunale ha organizzato anche tre spettacoli-laboratori interamente dedicati a Vittorio Podrecca, in collaborazione con Cassiopea Teatro di Trieste, che si terranno al teatro Ristori sabato 15 febbraio, per tutti, domenica 16, alle ore 16, per bambini e famiglie e, infine, lunedì 17, per le scuole.“Sarà un mese interamente dedicato a marionette e burattini – conclude Balloch – una forma di teatro d’animazione affascinante, dalla lunga storia, non meno importante della grande prosa. Tutta la città sarà coinvolta nei festeggiamenti; i bambini delle materne stanno preparando delle sagome da collocare in vari punti, e perfino alcuni ristoranti proporranno un menù o dei piatti ispirati ai colori ed alle forme delle marionette”. L’artista burattinaia Maria Signorelli (1908-1992) è stata la prima in Italia a collezionare materiali del teatro di animazione in modo sistematico. Spinta dalla volontà di meglio conoscere dal punto di vista storico e pratico la sua professione, e dotata di una curiosità e capacità di studio che la resero negli anni una dei maggiori esperti al mondo di questo tipo di teatro, la Signorelli acquisì diverse migliaia di pezzi che datano dal XVIII al XX secolo. Parti della raccolta hanno costituito più volte oggetto di mostre in Italia e all’estero.

Le sezioni della Collezione

La Collezione comprende diverse sezioni: il Fondo Podrecca (marionette, scene, bozzetti, documenti), che la Signorelli acquisì nei primi anni ’60; un fondo di marionette triestine degli inizi del Novecento; le marionette italiane dei secoli XVIII-XX; i burattini italiani dei secoli XIX-XX, i burattini e le marionette straniere del XX secolo; i Pupi siciliani, pugliesi e napoletani; le marionette orientali; numerosi pezzi di “teatro delle ombre”, attualmente esposte al Museo nazionale d’arte orientale “Giuseppe Tucci” di Roma; e le maschere, nonché teatri di carta, burattini, marionette-giocattolo e altri generi minori. Si staglia per imponenza il Fondo di burattini ideati e realizzati da Maria Signorelli nel corso della sua lunga attività teatrale.

- Signorelli 20 -L’allestimento della presentazione mira a trasformare gli spazi cinquecenteschi di quella che un tempo era la chiesa di Santa Maria dei Battuti in un vero e proprio teatro. In questo spazio, alcune marionette del “Teatro dei Piccoli” e alcuni burattini di Maria Signorelli si esibiscono di fronte a un pubblico di marionette, pupi e burattini, che li guardano dai palchetti. Provenienti da diverse città italiane tra cui Napoli, Bologna, Venezia, Genova, ma anche da capitali europee come Praga, Budapest, Varsavia, Bucarest, abbigliati con sontuosi costumi, questi strani spettatori, composti e ironici, osservano coi loro occhi di cristallo ciò che si rappresenta in palcoscenico: l’incontro tra le creazioni di due maestri del teatro del Novecento, Maria Signorelli e Vittorio Podrecca.

About Redazione

Il discorso è composto da idee, parole, fatti ed esperienze con il fine di in-formare coscienze libere e responsabili. Le cose sono invisibili senza la luce, le parole sono vuote senza un discorso.

Commenti chiusi.

[fbcomments]
Scroll To Top