lunedì , 25 Gennaio 2021
Notizie più calde //
Home » Spettacolo » Arte e mostre » Anita Pittoni e la moda italiana degli anni ’30 del ’900

Anita Pittoni e la moda italiana degli anni ’30 del ’900

image_pdfimage_print

Trieste, Palazzo Gopcevich

Sala “Bobi Bazlen”

 11 aprile 2012

17.30-18.30

 

 

Mercoledì 11 aprile 2012, alle ore 17.30, presso la sala “Bobi Bazlen” di palazzo Gopcevich in via Rossini 4 a Trieste, nell’ambito del ciclo di conversazioni “Interno con figure. I mercoledì della Fototeca e dei Civici Musei di Storia ed Arte” si terrà l’incontro Anita Pittoni e la moda italiana degli anni ’30 del ’900. Le nuove acquisizioni dei Civici Musei di Storia ed Arte, a cura di Michela Messina.

Nel trentennale della scomparsa di Anita Pittoni (Trieste 1901-1982), l’intervento vuole ripercorrerne il percorso di creatrice di moda attraverso l’analisi di manufatti inediti e fotografie che, a partire dal 2004, sono entrati nelle collezioni dei Civici Musei di Storia ed Arte. Dalle prime opere di sapore futurista fino alle creazioni in canapa conseguenti alle leggi per l’autarchia, ne risulta l’immagine di una “proto-designer” che ha saputo interpretare originalmente un decennio di moda italiana. Sarà anche l’occasione per riscoprire l’attività di un’altra artista triestina, Maria Lupieri, amica della Pittoni e anch’ella attiva nell’ambito della progettazione tessile.

Michela Messina è nata a Trieste, dove ha conseguito la laurea in Lettere Moderne, indirizzo storico artistico; successivamente si è specializzata in storia del tessile antico presso l’Università degli Studi di Pisa.

Nel 1998 ha iniziato la sua collaborazione con i Civici Musei di Storia ed Arte, di cui è conservatore dal 2008.

Si occupa in particolare delle collezioni di arte applicata (abiti e tessuti, argenti, armi, ceramiche e porcellane), e ha curato l’allestimento della Sala del Tessuto presso il Civico Museo di Storia Patria.

Ha al suo attivo diverse pubblicazioni scientifiche, saggi e cataloghi di mostre.

About Redazione

Redazione
Il discorso è composto da idee, parole, fatti ed esperienze con il fine di in-formare coscienze libere e responsabili. Le cose sono invisibili senza la luce, le parole sono vuote senza un discorso.

Commenti chiusi.

[fbcomments]
Scroll To Top