mercoledì , 5 Ottobre 2022
Notizie più calde //
Home » Spettacolo » Arte e mostre » Annunciata la nuova edizione di InVisible Cities
Annunciata la nuova edizione di InVisible Cities

Annunciata la nuova edizione di InVisible Cities

Dal 27 agosto all’11 settembre 2022

 Il festival urbano multimediale torna a Gradisca d’Isonzo, Gorizia e Trieste con un ricco programma costruito sui focus 2022: “Realtà aumentate” e “ARS. Arti Relazioni Scienze”

FVG – Trentadue appuntamenti. Tre Comuni coinvolti: Gradisca d’Isonzo, Gorizia e Trieste. Per dieci giornate in cui il dialogo tra le arti performative, i linguaggi digitali e gli spazi urbani la faranno da padrone!

L’8^ edizione di In\Visible Cities, festival urbano multimediale, parte della rete Intersezioni, anche quest’anno non tradirà le aspettative, grazie a un programma ricco e variegato, fatto di teatro, danza, video, musica classica ed elettronica che, coinvolgendo attivamente le comunità, le chiameranno a partecipare e a raccontarsi. Tema portante dell’edizione 2022 sarà “Realtà aumentate”: il Festival si propone infatti di valorizzare tanti diversi ambienti, urbani o naturali, e le persone che li abitano o li hanno abitati nel passato attraverso la contaminazione tra linguaggi artistici e multimediali, facendo emergere, vedere, sentire, ciò che non è subito evidente: storie, stratificazioni, pratiche sociali, fragilità. All’interno della programmazione confluirà la rassegna “ARS. Arti Relazioni Scienze”, promossa dal Comune di Gradisca d’Isonzo. In questo caso si metteranno in dialogo arte e scienza e la capacità di entrambe di generare reazioni e relazioni nuove e sorprendenti. In particolare si affronterà il tema del cambiamento climatico grazie alla collaborazione con Kaleidoscienza, SISSA, OGS Istituto nazionale di oceanografia e geofisica sperimentale e WWF – Area marina protetta di Miramare. L’intero programma è disponibile su: invisiblecities.eu.

«Questa ottava edizione – ha sottolineato il direttore artistico, Alessandro Cattunar – conferma due vocazioni che In\Visible Cities sta consolidando negli ultimi anni. Da un lato la volontà di narrare e valorizzare una pluralità di territori, ambienti e comunità attraverso performance a cielo aperto, spesso itineranti, frutto di lunghi periodi di ricerca site specific. Luoghi ricchi di storia e suggestioni, sul piano architettonico e ambientale, che saranno raccontati attraverso i linguaggi del teatro in cuffia, della musica contemporanea, della danza urbana. E dall’altro lato la capacità di proporre nuove produzioni, sviluppate sul territorio, offrendo opportunità soprattutto ad artisti e compagnie giovani ed emergenti».

IL PROGRAMMA DELL’8^ EDIZIONE – L’edizione 2022 – organizzata dall’associazione Quarantasettazeroquattro grazie al sostegno della Regione Friuli Venezia Giulia – si aprirà a Trieste, il 27 e 28 agosto, con due performance itineranti con cuffie wi-fi che accompagneranno il pubblico alla scoperta di altrettanti luoghi dal grande fascino: la SISSA, uno dei poli scientifici d’eccellenza a livello italiano ed europeo (SISSA Hosting); e la Val Rosandra, attraversata dal confine tra Italia e Slovenia (Quando saremo di là dal confine/Ko bomo onkraj meje). In questo caso lo spettacolo itinerante sarà bilingue, italiano-sloveno.

Dal 2 al 4 settembre In\Visible Cities si sposterà a Gorizia. Gli spettatori potranno scoprire il parco Basaglia e la rivoluzione psichiatrica (Esercizi di rivoluzione); passeggiare sulla cresta del Sabotino, seguendo i cippi di confine (Confine radiante) e poi attraversare il centro della città, lungo 17 possibili percorsi, guidati dalla APP Telegram (I Dedalo). A Nova Gorica il pubblico italiano e sloveno potrà incontrarsi, scegliendo se partecipare in italiano o sloveno, per prendere parte a uno spettacolo-party in occasione della “fine del mondo” (17 selfie dalla fine del mondo/17 selfijev s konca sveta). Sempre nel capoluogo isontino andrà in scena anche Open doors Botteghe digitali: 4 performance partecipative a cura degli artisti in residenza e di Invasioni Creative, in collaborazione con Associazione via Rastello.

Dal 7 all’11 settembre il Festival multimediale arriverà a Gradisca d’Isonzo, tappa conclusiva e cuore pulsante di quest’edizione: saranno cinque giorni di iniziative in tutto il centro urbano, dalla mattina fino a tarda sera, in otto diverse location. Venti appuntamenti, tra spettacoli, percorsi itineranti con cuffie wi-fi, installazioni multimediali, concerti e incontri che invaderanno sale e teatri, piazze e parchi. Gradisca diventerà così un grande palcoscenico a cielo aperto!

INFORMAZIONI UTILI – Tutti gli eventi saranno a ingresso gratuito fino a esaurimento dei posti, tranne il concerto “12 motivi” che avrà un costo di 5 euro. Il ricavato sarà devoluto in beneficenza alla Croce rossa italiana. È raccomandata la prenotazione sul sito www.invisiblecities.eu/invisiblecities22

FESTIVAL URBANO MULTIMEDIALE – In\visible Cities è organizzato dall’associazione Quarantasettazeroquattro e co-finanziato dalla Regione Friuli Venezia Giulia e dal Comune di Gradisca d’Isonzo. Il Festival è realizzato in partenariato con Comune di Gorizia, Mittelfest, a.ArtistiAssociati, Css – Teatro stabile di Innovazione del Fvg, Compagnia Arearea, Cooperativa Puntozero, IoDeposito, Damatrà ONLUS, Gruppo78. ARS è un progetto del Comune di Gradisca d’Isonzo finanziato dalla Regione Friuli Venezia Giulia, in partenariato con Mittelfest, Kaleidoscienza, Sissa, OGS – Istituto di vulcanologia e geofisica sperimentale, WWF Area marina protetta di Miramare, Comune di Turriaco, Università di Nova Gorica, Zero Idee.

About Dario Furlan

Fotografo free lance e giornalista pubblicista. Segue da anni il panorama musicale internazionale - ma anche locale - con particolare predilezione per quanto riguarda il rock (in tutte le sue derivazioni), il folk ed il blues nonché la musica in lingua friulana. Cultore di "motori e rally", dei quali vanta una conoscenza ultradecennale, è anche atleta nella disciplina ciclistica della mountain bike.

Commenti chiusi.

[fbcomments]
Scroll To Top