venerdì , 23 Luglio 2021
Notizie più calde //
Home » SLIDER » “Aggiungi un posto a tavola scritta da Garinei e Giovannini con Iaia Fiastri con le musiche di Armando Trovajoli compie 40 anni e festeggia con un nuovo allestimento, firmato da Fabrizio Angelini che tocca nel suo tour anche Trieste.

“Aggiungi un posto a tavola scritta da Garinei e Giovannini con Iaia Fiastri con le musiche di Armando Trovajoli compie 40 anni e festeggia con un nuovo allestimento, firmato da Fabrizio Angelini che tocca nel suo tour anche Trieste.

image_pdfimage_print
Da giovedì 5 febbraio lo spettacolo è ospite del Teatro Stabile del Friuli Venezia Giulia per il cartellone Musical: repliche fino a domenica 8″.
Dopo il grande successo ottenuto nella stagione 2013-2014, la commedia musicale italiana più famosa al mondo, scritta da Garinei e Giovannini con Iaia Fiastri nel 1974, liberamente ispirata al romanzo di David Forrest After me the deluge, con le musiche di Armando Trovajoli, viene riproposta dalla Compagnia dell’Alba, nella stessa versione fedele all’originale degli anni Settanta, e approda sul palcoscenico del Politeama Rossetti da giovedì 5 a domenica 8 DSC_4176febbraio.
Lo spettacolo – che festeggia in questa stagione il traguardo dei 40 anni dalla prima volta che è andato in scena – è stato a Trieste in passato una sola volta, nel 2010: ora, ospite del cartellone Musical del Teatro Stabile del Friuli Venezia Giulia, è stato accolto con grande entusiasmo dal pubblico che sta affollando ognuna delle repliche.DSC_5713
Lo spettacolo – diretto da Fabrizio Angelini, con Gabriele de Guglielmo nella parte principale di Don Silvestro, la partecipazione di Simona Patitucci e un cast di brillanti performer che cantano esclusivamente dal vivo (cori compresi) – farà rivivere l’indimenticabile avventura di Don Sil-vestro, di Clementina, del sindaco Crispino, di Toto e di Consolazione.
Uno spettacolo sempre giovane, nato dal desiderio di portare Aggiungi un posto a tavola anche in quei teatri di media grandezza che non hanno mai potuto ospitare le precedenti produzioni. Un’edizione fedele all’originale degli anni Settanta, nella regia e nelle coreografie, semplicemente ridimensionata nella costruzione scenica. La proposta è stata accolta con entusiasmo dagli autori e dagli eredi, e gli interpreti hanno superato un’apposita audizione alla presenza del M° Armando Trovajoli prima della sua scomparsa.
Un’imperdibile occasione per assistere, dopo 40 anni, alla prima edizione nazionale dello spettacolo non firmata dal Teatro Sistina.
«Un monumento nazionale: ecco cos’è questo spettacolo» spiega Fabrizio Angelini, regista e coreografo. «Il primo lavoro che ho visto a teatro, nella sua edizione originale (avevo 11 anni), e che probabilmente mi ha fatto decidere quello che avrei fatto da grande… Che in qualche modo mi ha accompagnato nel corso della vita, e che ora il destino ha voluto mettere nelle mie mani… Non c’è molto da dire: massima umiltà e rispetto, con il doveroso timore che si può avere nell’accostarsi ad un capolavoro del Teatro italiano. In un momento difficile come quello che stiamo vivendo, noi come teatranti mettiamo la nostra passione, l’entusiasmo e la professionalità al servizio dello spettacolo. Nessun migliore auspicio che le parole di Garinei & Giovannini in un’intervista del 9 maggio 1975 a Renzo Tian per “Il Messaggero”, al termine della prima trionfale stagione di repliche: “Forse lo spettacolo ha toccato le corde giuste al momento giusto. Parlava di un diluvio mentre eravamo dentro un ciclone; mostrava un barlume di luce mentre eravamo nel buio di un tunnel, e finiva su una nota di speranza e di solidarietà. Sono cose che contano, in tempi di egoismo e ostilità feroci. Una cosa è certa: la gente esce dallo spettacolo contenta, sollevata. Sembra che ciascuno si porti via una fettina di gioia, di fiducia“».
Aggiungi un posto a tavola commedia musicale di Garinei e Giovannini scritta con Iaia Fiastri è liberamente ispirata a After me the deluge di David Forrest. Le musiche sono di di Armando Trovajoli, le coreografie originali di Gino Landi, la regia e le coreografie sono riprodotte da Fabrizio Angelini.
Nel cast ammireremo Gabriele De Guglielmo (Don Silvestro), Fabrizio Angelini (il sindaco Crispino), Carolina Ciampoli (Clementina), Gaetano Cespa (Toto), Serena Segoloni (Ortensia). Simona Patitucci interpreta Consolazione. Fra i solisti figurano Guido Camillotti, Cristian Cesinaro, Francesco Consiglio, Pierpaolo Lisca, Marco Mare, Luca Peluso, Matteo Polidoro, Danny Zazzini
 e fra le soliste Giorgia Bellomo, Valentina Di Deo, Claudia Di Filippo, Edilge Di Stefano, Linda Fisichella, Monja Marrone, Serena Mastrosimone, Elena Valli.
“La Voce di Lassù” è di Tommaso Di Giorgio, la direzione musicale è del M° Gabriele De Guglielmo, le scene di Gabriele Moreschi, i costumi di Maria Sabato, la scenografia è liberamente ispirata all’originale di Giulio Coltellacci.
Lo spettacolo è una produzione della Compagnia dell’Alba.
Aggiungi un posto a tavola va in scena da giovedì 5 febbraio a domenica 8. Giovedì, venerdì e sabato le serali con inizio alle 20.30; le pomeridiane con inizio alle 16 sono invece in programma sabato e domenica. I posti ancora disponibili – si possono acquistare presso tutti i punti vendita dello Stabile regionale, i consueti circuiti e accedendo attraverso il sito www.ilrossetti.it alla vendita on line. Ulteriori informazioni al tel 040-3593511.

About Redazione

Redazione
Il discorso è composto da idee, parole, fatti ed esperienze con il fine di in-formare coscienze libere e responsabili. Le cose sono invisibili senza la luce, le parole sono vuote senza un discorso.

Commenti chiusi.

[fbcomments]
Scroll To Top