martedì , 2 Marzo 2021
Notizie più calde //
Home » Spettacolo » Arte e mostre » ‘Acqua. Il grande dono’ e ‘Watermemory’ al Museo Etnografico del Friuli

‘Acqua. Il grande dono’ e ‘Watermemory’ al Museo Etnografico del Friuli

image_pdfimage_print

“Acqua. Il grande dono” Convegno e proiezione video inedito
giovedì 15 dicembre ore 17.30

“Watermemory” Concerto con Paolo Tofani ed i Furclap
venerdì 16 dicembre 2011 ore 17.30

Il tema dell’acqua ha innumerevoli collegamenti con la letteratura, la musica e la cultura friulana; è questo il motivo per cui l’associazione Furclap, in collaborazione con il Museo Etnografico del Friuli, ha deciso di dedicare due giornate di approfondimento all’elemento naturale più importante per la vita dell’uomo.

Il primo incontro Acqua. Il grande dono si può, più che un convegno, considerare un contenitore di parole e immagini; è previsto un seminario con Andrea Marmai, Magda Minotti, rappresentanti del WWF e di Legambiente e la proiezione di un video inedito sul Natisone.

L’obiettivo è di sensibilizzare il pubblico ad un consumo dell’acqua più intelligente proponendo una serie di interventi di esperti che potranno fornire elementi di conoscenza e di approfondimento, alternati a sequenze artistiche le quali indurranno ad una maggiore consapevolezza e coinvolgimento.

Verrà proiettato il cortometraggio inedito “Sopra i ponti e sull’acqua, il Natisone” realizzato da Magda Minotti e Andrea Marmai.

Il Natisone ed i suoi ponti come la trama e l’ordito di un tessuto ricco di storia e di storie che accomuna ed unisce genti di lingue diverse.

I due autori percorrono il corso del fiume e scoprono luoghi, genti, fatti, colori e voci di questo angolo della nostra regione. 

La seconda giornata di approfondimento è per venerdì 16 dicembre 2011 ore 17.30, con la musica e la danza di Watermemory.  

Con le proposte multidisciplinari del lavoro proposto in questo secondo incontro si vuole rappresentare l’analogia esistente tra le profondità del mare e l’animo umano.

Io mare dentro.

Lo sguardo si perde lungo gli orizzonti e nell’acqua che mi sta davanti.

Il mare.

Nel mare io mi immergo per ritrovarmi.

Scendo giù e mi ritrovo, come entrassi in me.

Una profonda immersione in quello che da sempre siamo, uomini, pesci.

Terra, acqua.  di Raffaele De Martino

La performance, la cui regia è di Raffaele De Martino, prevede due set di 20 minuti con le danze di Sonia Di Gennaro e gli interventi musicali dal vivo di Giovanni Floreani e Paolo Tofani.

Una produzione sinergica fra l’associazione Furclap di Udine e Zud di Napoli che approda a Udine dopo essere stata rappresentata con successo a Roma e Napoli.

Sonia Di Gennaro sviluppa movimenti “acquatici” in simbiosi con i due musicisti che miscelano con arguzia suoni naturali tratti da campionature di vari fonti acquatiche, sibili arcaici di cornamusa e duduk, segnali artificiali estrapolati da sofisticati aggeggi elettronici quali I pad, Launchpad, kaoss pad e vari expander midi.

Una curiosa e intrigante  miscellanea che vede protagonista uno dei musicisti più eclettici della musica contemporanea italiana: Paolo Tofani, il mitico chitarrista creatore dei più famosi riff degli Area di Demetrio Stratos.

Entrambi gli appuntamenti si terranno presso il Salone del Museo Etnografico del Friuli – Udine, Palazzo Giacomelli in via Grazzano 1 – e sono a ingresso libero fino ad esaurimento posti.

About Redazione

Redazione
Il discorso è composto da idee, parole, fatti ed esperienze con il fine di in-formare coscienze libere e responsabili. Le cose sono invisibili senza la luce, le parole sono vuote senza un discorso.

Commenti chiusi.

[fbcomments]
Scroll To Top