venerdì , 22 Ottobre 2021
Notizie più calde //
Home » HOT » 16 luglio: Folkest si sposta a San Daniele del Friuli per quattro concerti fra Friuli, Sicilia, Puglia e suoni dal Mondo
16 luglio: Folkest si sposta a San Daniele del Friuli per quattro concerti fra Friuli, Sicilia, Puglia e suoni dal Mondo

16 luglio: Folkest si sposta a San Daniele del Friuli per quattro concerti fra Friuli, Sicilia, Puglia e suoni dal Mondo

image_pdfimage_print
Ben quattro i concerti in programma giovedì 16 luglio: a San Daniele del Friuli alle 21.15 salirà sul palco Sergio Pennavaria, a seguire gli Ascanti. Contemporaneamente al Parco Villa Correr- Dolfin di Porcia, in programma gli Echi di Terre alle 21.15 e, sempre a seguire, i Kerkim.
Sergio Pennavaria, cantatautore siciliano trasferito in Liguria, dopo l’esperienza folk con i Calìa band, propone uno spettacolo dove la canzone d’autore si sposa con i suoni della tradizione, si propone come musicista visionario e sarcastico. Alla registrazione del suo primo disco hanno partecipato musicisti di grande livello, tra i quali Carlo Aonzo al mandolino. Con la nuova formazione il sound è diventato più raffinato, a tratti jazzato, ma Pennavaria mantiene la sua visceralità, i toni sarcastici e surreali, i precari equilibrismi del giocoliere. La line up prevede: Luciano Puppo al basso, Lorenzo Piccone chitarra elettrica, Simone Rossetti Bazzaro violino e Loris Lombardo alla batteria e percussioni.
Il gruppo di musica popolare pugliese Ascanti nasce nel 2009 dall’incontro di alcuni amanti della tradizione della terra Japigia trasferitisi a Milano per motivi di studio o lavoro, musicisti con precedenti esperienze artistiche e musicali, legati alle memorie della propria terra d’origine, particolarmente della Bassa Murgia, delle terre dell’Arneo e delle Serre Salentine. La line up è formata da: Federica Ferretti, voce e tamburello; Gabriella Martino, voce; Marco Digiacomo, voce e fiati; Vincenzo Pranzo, chitarra acustica, voce; Vittorio Tauro, fisarmonica, voce; Paride Catachino,  tamburello.
Friulani di nascita, gli Echi di Terre nascono nel 2012 e propongono un largo repertorio di brani ballabili della tradizione popolare percorrendo un immaginario viaggio che va dall’Irlanda e arriva ai Balcani passando per il Friuli. Porta in giro la sua musica per le strade e per le piazze cercando di creare situazioni in cui il pubblico è coinvolto nella danza. Tiene stage di danze popolari per bambini, e adulti e organizza feste a ballo.
Quanto ai Kerkim: fanno tappa in Turchia, Andalusia, Grecia, Egitto, Albania del Sud, zona dalla quale hanno mutuato i nome, che significa ricercare. Un viaggio alla ricerca delle diverse espressioni che si fa speranza di comunicazione delle diverse espressioni e – come dichiara il gruppo – improvvisa, balkanizza, popolarizza e jazza le note in un interessante nuovo percorso di world music.
Fra le altre iniziative, ricordiamo il secondo appuntamento presso la sede della Scuola di Musica Gottardo Tomat a Spilimbergo, giovedì 16 luglio (18.00 alle 20.00) con il Laboratorio di canto di tradizione orale ” Il dì e la nuèt” con Beppa Casarin e il Coro le Cicale. L’ultima data del Laboratorio è prevista per domenica 26 luglio  (18.00 alle 20.00).

About Enrico Liotti

Giornalista Pubblicista dal 1978, pensionato di banca, impegnato nel sociale e nel giornalismo, collabora con riviste Piemontesi e Liguri da decenni.

Commenti chiusi.

[fbcomments]
Scroll To Top