venerdì , 30 Ottobre 2020
Notizie più calde //
Home » Il Discorso su » 11 dicembre Al Giovanni da Udine un classico del moderno: Aspettando Godot

11 dicembre Al Giovanni da Udine un classico del moderno: Aspettando Godot

image_pdfimage_print

 

Martedì 11 dicembre, alle ore 20.45, al Teatro Nuovo Giovanni da Udine, Natalino Balasso e Jurij Ferrini affrontano, con il loro irresistibile umorismo, un classico del moderno: Aspettando Godot, la più famosa opera teatrale di Samuel Beckett.

I due attori si sono incontrati nel recente spettacolo “I rusteghi” di Gabriele Vacis, visto a Udine la scorsa stagione con ottimo successo di pubblico e hanno cercato un testo che rispecchiasse la loro attitudine alla comicità. La scelta è andata ad  Aspettando Godot, affidando la regia a Jurij Ferrini e scegliendo come compagni di palcoscenico Michele Schiano di Cola e Angelo Tronca. La struttura dell’opera sposta la storia dei due clochard, Vladimiro ed Estragone, su un piano universale:  fin dalle prime battute ci si ritrova immersi in un non–luogo, dove spazio e tempo sembrano sospesi. Appare chiaro che Didi e Gogo rappresentano tutta l’umanità, che da sempre segue un copione a struttura circolare ogni giorno. E l’umanità, o meglio tutti gli uomini e le donne che la compongono, attende un cambiamento della propria condizione esistenziale, avendo completamente smarrito il senso del tempo, dell’azione, per ottenere un determinato scopo o della semplice e concreta volontà. Poco importa chi sia effettivamente Godot, se sia Dio, il nostro destino, oppure un semplice uomo, ricco e potente, in grado di cambiare la nostra condizione esistenziale, così vuota proprio perché spesa ad attendere un futuro diverso.

Fin dal suo debutto lo spettacolo si è imposto come una messa in scena tra le più divertenti e innovative, nelle recenti stagioni teatrali, del celebre capolavoro del teatro dell’assurdo, salutato positivamente dal pubblico e dalla critica come il battesimo di una nuova, affiatatissima, coppia comica che è riuscita a creare una forte empatia tra spettatori e personaggi.

Riprenderanno lunedì 10 Dicembre 2012 dalle ore 9.00 alle 11.30, per il terzo anno, negli spazi del Teatro Nuovo, gli appuntamenti mattutini con il progetto OraDiTeatro3 (ideato da Annamaria Cecconi) realizzati con il contributo della Cassa di Risparmio del Friuli Venezia Giulia, un invito ai ragazzi delle scuole superiori di Udine e Provincia a vivere il Teatro come un luogo di formazione. Il primo incontro sarà intitolato l’Assurdo il Comico e il Tragico e sarà dedicato allo spettacolo Aspettando Godot. Milena Romero docente di Lingua e Letteratura inglese dell’Università di Udine introdurrà gli studenti al teatro di Beckett,  mentre Roberto Canziani docente di Storia del teatro-DAMS dell’Università di Udine terrà l’approfondimento “Se Piangi, se Ridi”. Beckett, La Comicità, L’Infelicità. La mattinata sarà completata da video e dalla lettura di testi di Samuel Beckett, protagonista l’attore Emanuele Carucci Viterbi. Ai ragazzi sarà offerto un momento di ristoro a metà mattinata gentilmente messo a disposizione da: Delser, Mauracher produzione frutti e succhi, Acqua Dolomia e Orocaffè.

La partecipazione a OraDiTeatro è gratuita ed è necessaria la prenotazione all’Ufficio Scuola: tel. 0432 248450; ufficioscuola@teatroudine.it.

Per ulteriori informazioni è possibile consultare il sito ufficiale www.teatroudine.it

 

Luca Artico per la redazione

About Redazione

Redazione
Il discorso è composto da idee, parole, fatti ed esperienze con il fine di in-formare coscienze libere e responsabili. Le cose sono invisibili senza la luce, le parole sono vuote senza un discorso.

Commenti chiusi.

[fbcomments]
Scroll To Top