domenica , 9 Maggio 2021
Notizie più calde //
Home » Rubriche » Libri » “Un vescovo scomodo”

“Un vescovo scomodo”

image_pdfimage_print

E’il primo romanzo di Francesantonio Lopriore Cariglia nato in Puglia(Vieste) nel 1946 e attualmente residente in Friuli Venezia Giulia (Gorizia). Cultore di storia sociale con particolare riferimento al XVIII Secolo, è già autore di un fortunato dizionario sui dialetti del Gargano(AA.VV.: Dizionario etimologico sui dialetti garganici,1993).

Edito alla fine dello scorso settembre da Besa Editrice nella collana“Nuove Lune” in compagnia di qualificate ‘novità narrative 2011’ italiane e straniere è una delle sorprese letterarie di fine anno.

Il racconto, quand’anche ambientato in un’area circoscritta del Meridione in un ambiente storico di “ancien régime”, contiene sotto traccia argomenti a valenza nazionale e oltre, implicanti l’atteggiamento della Chiesa su problematiche politico-sociali (omosessualità, conflittualità con i poteri laici, illegalità, ecc.) difficilmente risolvibili nell’attuale rapporto fra chiesa e la realtà laica circostante. L’uscita del volume ha creato un “chiasso”, che l’autore “sinceramente non si attendeva così promettente”. Lo scrittore sta già abbozzando il seguito delle disavventure dell’ormai noto vescovo “sfigato”.  Il prossimo lavoro, naturale sequel dello scomodo vescovo dovrebbe contenere  tre racconti:

1) “Delitto nel bosco” (dove il vescovo non è implicato direttamente, ma sconta un duro ‘conflitto di competenza’ con le concorrenti Autorità laiche in materia d’indagine e giudizio su un delitto truce di un certo clamore);

2) “L’Ispettore pericoloso”(personaggio piuttosto speciale, inviato dalla Corte di Napoli per indagare sui fatti torbidi accaduti in paese, in particolare sul primo attentato al vescovo, ma che non risolve niente, anzi aggrava il clamore sul posto, a causa di intervento a rimedio che disorienta Vescovo e Autorità Civili);

3) “Il Canonico mafioso” (il vero Mammasantissima dell’illegalità istituzionalizzata nel territorio della sede vescovile, agli ordini del quale se ne combinano di cotte e di crude. Il vescovo lo combatte con energia e vince. A quale prezzo?)

Ovviamente l’avventura letteraria di Lopriore è legata all’effettiva accoglienza da parte del pubblico di “Un vescovo scomodo”.    Prossimamente organizzeremo un “incontro con l’autore” presso una sede di Udine, per conoscere il novello romanziere.

Enrico Liotti

RIPRODUZIONE RISERVATA

About Enrico Liotti

Enrico Liotti
Giornalista Pubblicista dal 1978, pensionato di banca, impegnato nel sociale e nel giornalismo, collabora con riviste Piemontesi e Liguri da decenni.

Commenti chiusi.

[fbcomments]
Scroll To Top