giovedì , 2 Dicembre 2021
Notizie più calde //
Home » Rubriche » Cultura » Scienzabile – Inclusione e gioco tra scienza e disabilità

Scienzabile – Inclusione e gioco tra scienza e disabilità

image_pdfimage_print

Prende il via il progetto a sostegno dei diritti dei bambini con disabilità intellettiva e relazionale e delle loro famiglie.

Museo Nazionale della Scienza e della Tecnologia

Via San Vittore 21, Milano

Milano, 11 marzo 2014. Scienzabile – inclusione e gioco tra scienza e disabilità è un progetto di scoperta ed esplorazione del museo, pensato per bambini con bisogni speciali insieme al loro contesto famigliare o scolastico.

Come guardare un grande treno a vapore?

Come scoprire i segreti delle bolle di sapone?

Come manipolare quei materiali così strani?

Sostenuto e finanziato da Fondazione De Agostini, Scienzabile – inclusione e gioco tra scienza e disabilità, nasce dalla partnership tra il Museo Nazionale della Scienza e Tecnologia Leonardo da Vinci e L’abilità Onlus. I due enti hanno costruito un progetto innovativo che prevede la realizzazione di materiali scaricabili da casa per preparare l’esperienza al Museo,percorsi di visita alle collezioni e attività di laboratorio a cui partecipino insieme persone con disabilità e senza, nell’idea che ciascuno sia portatore di abilità diverse che possono essere valorizzate in un contesto di apprendimento cooperativo.

Questo aspetto rappresenta un elemento di novità rispetto alla maggior parte dei progetti attivi nei musei che, quando propongono percorsi dedicati alle persone con disabilità cognitive, raramente prevedono un’esperienza inclusiva in gruppo con altri visitatori.

Scienzabile39Il Museo persegue molteplici finalità” dichiara Fiorenzo Galli, Direttore Generale Museo Nazionale della Scienza e della Tecnologia tra cui promuovere, diffondere e rendere accessibile la cultura tecnico-scientifica. Accessibilità è un concetto ampio che riguarda ogni singolo visitatore, dai bambini più piccoli, agli adolescenti, agli anziani, alle persone con bisogni speciali. Dobbiamo dotarci di strumenti, costruire ambienti e situazioni che sostengano un’esperienza al Museo soddisfacente e significativa per ciascuno, lavorando per ridurre situazioni che possano creare separazione, disagio, esclusione. Inclusione significa rispettare l’identità di ogni visitatore, i suoi interessi, la sua esperienza, il suo modo di costruire conoscenza, i suoi tempi. Il progetto Scienzabile nasce nell’ottica di condividere questo obiettivo importante con l’associazione L’abilità e con il sostegno di Fondazione De Agostini. Il benessere personale e sociale di tutte le persone è uno degli argomenti contemporanei più importanti al quale il Museo può sia dare un contributo significativo sia riceverlo da ciascuno dei suoi visitatori”.

L’abilità da sempre sostiene la piena inclusione del bambino con disabilità” sottolinea Carlo Riva, Direttore L’abilità Onlus “in ogni ambito di vita. Scienzabile si inserisce quindi in un lungo percorso compiuto in questi anni da L’abilità nella riflessione e nella specializzazione sulla relazione gioco – educazione – disabilità – cura. A partire dai bisogni del bambino con disabilità intellettiva, dalla necessità della condivisione, dal diritto all’esperienza museale comune, si è così delineato un progetto che con tecniche e modalità di lavoro specifiche permette ai bambini con disabilità di vivere concretamente il contesto ludico ed educativo del Museo. Buone prassi che diventano riferimento per altri contesti che devono necessariamente aprirsi alla diversità. L’incontro con il Museo Nazionale della Scienza e della Tecnologia e il sostegno della Fondazione De Agostini dimostrano come la collaborazione fra realtà d’eccellenza, operanti in settori diversi, possa rafforzare e concretizzare il supporto alla crescita del bambino con disabilità”.

“Il Museo Nazionale della Scienza e della Tecnologia e l’associazione L’abilità sono due realtà che De Agostini conosce molto bene perché ha collaborato con entrambe in più occasioni nel passato e sempre con ottimi risultati. Essere riusciti a far lavorare insieme questi due enti per costruire un progetto innovativo che mette al centro il bambino con disabilità, le attività museali, la scuola e la famiglia è un orgoglio e una soddisfazione. Nasce oggi un percorso di inclusione sociale su più livelli che può diventare un modello d’eccellenza esportabile in altri contesti nazionali o internazionali con risultati attesi di grande impatto culturale” dichiara Roberto Drago, Presidente Fondazione De Agostini.

La fase di sperimentazione del progetto con le famiglie prende il via il prossimo weekend 15-16 marzo 2014. Ogni sabato pomeriggio e domenica mattina fino a fine maggio, i visitatori del Museo troveranno percorsi di visita ai mezzi di trasporto e attività nel laboratorio interattivo Bolle di sapone “a marchio Scienzabile”. Durante il mese di maggio sarannoinvece sperimentate le attività con alcune scuole primarie anche nei laboratori Alimentazione e Materiali.

La fase di progettazione, sperimentazione e monitoraggio, partita nell’autunno 2013, si concluderà alla fine del 2014 evidenziando le buone pratiche utili ad allargare l’accessibilità a tutta l’offerta culturale del Museo e rendendo il modello esportabile anche in altri contesti museali. 

About Redazione

Il discorso è composto da idee, parole, fatti ed esperienze con il fine di in-formare coscienze libere e responsabili. Le cose sono invisibili senza la luce, le parole sono vuote senza un discorso.

Commenti chiusi.

[fbcomments]
Scroll To Top