lunedì , 27 Settembre 2021
Notizie più calde //
Home » Rubriche » Libri » “Io sono il Nordest”, l’anteprima nazionale a Padova
“Io sono il Nordest”, l’anteprima nazionale a Padova

“Io sono il Nordest”, l’anteprima nazionale a Padova

image_pdfimage_print

Appuntamento per domenica 20 marzo al Caffè Pedrocchi di Padova. L’antologia raccoglie le voci più rappresentative delle scrittrici di Veneto, Friuli Venezia Giulia e Trentino

Storie di amore, violenza, lavoro, famiglia. Si trovano raccolte nel libro “Io sono il Nordest, che riunisce le voci più rappresentative delle scrittrici di Veneto, Friuli Venezia Giulia e Trentino. Curato dalla giornalista Francesca Visentin, il volume nasce da un’idea dell’editore Paolo Spinello di Adria, che l’ha realizzato con la sua casa editrice Apogeo. Domenica 20 marzo, alle ore 18.00, ci sarà la prima presentazione presso la Sala Rossini del Caffè Pedrocchi di Padova.
Racconti che hanno per protagoniste le donne. C’è Selvaggia che era stata bellissima, ma poi ha scelto la droga e la strada per dimenticare il dolore di un aborto. C’è il senso di colpa che attanaglia e paralizza una mamma in carriera. C’è la forza con cui le operaie trentine nel 1923 sono riuscite a ottenere il primo asilo nido aziendale d’Italia. C’è Betty negli anni svuotata dalla forza di sottrarsi alle prevaricazioni di un ambiente di lavoro vessatorio. C’è la ragazzina che dorme in un garage e si sfianca di lavoro per sfuggire a una famiglia violenta. Ma c’è anche lo strazio delle madri armene incapaci di proteggere i propri figli dal genocidio e la memoria di ciò che conservano i sopravvissuti che ora vivono nel Veneto. C’è il femminicidio, che colpisce ragazze giovani, spezza vite, toglie il futuro nell’età in cui si è piene di sogni. “I racconti – scrive Marina Salamon nella prefazione del libro – sono carichi di speranza, sebbene testimoniano storie di crisi, di rapporti egoistici e strumentali tra uomini e donne, in cui alle donne è negata la possibilità di essere fino in fondo persone. Possiamo scegliere ogni giorno di crescere, imparare, evolvere la nostra storia attraverso le testimonianze di altre vite”. Le storie, narrate dalle autrici Antonia Arslan, Isabella Bossi Fedrigotti, Irene Cao, Mary B. Tolusso, Gabriella Imperatori, Barbara Codogno, Federica Sgaggio, Michaela K.Bellisario, Francesca Diano, Elena Girardin, Anna Laura Folena, Annalisa Bruni, Antonella Sbuelz, Micaela Scapin, Maria Pia Morelli, Serenella Antoniazzi, Irene Vella, Francesca Visentin, vogliono testimoniare la forza e la determinazione di cui le donne sanno dare prova. Ci mostrano il loro coraggio nel portare avanti le battaglie quotidiane. “Queste autrici ci fanno un grande dono – afferma l’assessore alla Cultura del Comune di Padova, Matteo Cavatton –. Ci regalano sguardi nuovi con cui leggere le nostre storie e anche le nostre vite. Se è vero che sono le emozioni le vere artefici dei cambiamenti, allora, in questo libro davvero emozionante c’è il futuro».
La vendita del libro “Io sono il Nordest” sostiene il Centro Veneto Progetti Donna e vuole contribuire al finanziamento delle case di fuga, luoghi segreti che mettono in salvo e al sicuro le donne vittime di violenza.
L’artista Elisabetta Maistrello sostiene l’antologia “Io sono il Nordest”. Per l’anteprima nazionale del libro ci sarà anche la sua mostra “Lo Sguardo del Cuore” (19 marzo-10 aprile 2016 – inaugurazione 19 marzo alle ore 17.00) esposta nella sala Verde del Caffè Pedrocchi.

About Vito Digiorgio

Giornalista pubblicista iscritto all’Albo dei giornalisti dal 2013. Si è laureato all'Università di Udine con una tesi sulla filologia italiana. Collabora con alcune testate giornalistiche on line.

Commenti chiusi.

[fbcomments]
Scroll To Top