1

“GRADO GIALLO”: IL POTERE, I POTERI, I GENERI DEL MISTERO

Dal 2 al 4 ottobre il festival letterario di Grado (Go) dedicato a thriller, poliziesco, noir, spy story e horror

Presentata la VIII edizione. In arrivo gli ospiti che animeranno la tre giorni sull’Isola del Sole

Il Potere, i poteri, i generi del mistero”. Ruoterà attorno a questo focus tematico “Grado Giallo” 2015, il festival letterario dedicato al genere giallo-noir in programma dal 2 al 4 ottobre sull’isola di Grado (Go). Ecco le sedi di questa edizione: il Cinema Cristallo, in viale Dante Alighieri 29, l’Auditorium Biagio Marin, in via Marchesini 31, la Biblioteca civica Falco Marin – via Leonardo da Vinci, 20 e Piazza Biagio Marin. Info: www.gradogiallo.it e Facebook: www.facebook.com/gradogiallo.

Grado, 8 settembre 2015Torna il festival che ogni anno trasforma la rinomata località dell’Alto Adriatico nella capitale di uno fra i generi letterari più amati dal pubblico di tutte le età. Dopo il successo della passata edizione, dedicata alla paura, quest’anno “Grado Giallo” metterà al centro gli autori, i giornalisti, gli studiosi, ma anche i magistrati e i rappresentanti delle forze dell’ordine, per indagare l’articolato e complesso rapporto tra il potere come concetto assoluto, o inteso nelle sue declinazioni, e i generi del mistero.

In programma tre giorni punteggiati da numerosi appuntamenti, tra letture, incontri con gli autori, ospiti d’eccezione, spettacoli, cene con delitto e laboratori, che nascono anche da una fitta rete di collaborazioni tra gli organizzatori e le realtà del territorio.

Non occorre spendere tante parole per sottolineare l’attualità del tema del 8^ Grado Giallo – spiega Elvio Guagnini, docente e presidente del Comitato scientifico del Festival –, soprattutto della degenerazione del potere a diversi livelli e degli effetti che questo provoca sulla società contemporanea. A Grado si potranno ascoltare i racconti e le denunce dalla voce di chi è in prima linea nella lotta contro il crimine e di chi ne narra aspetti, fatti e problemi ai più sconosciuti. Quindi non solo letteratura, ma un itinerario per capire il mondo in cui viviamo, un’indagine e una riflessione su temi di grande rilevanza culturale”.

Alla presentazione del festival sono intervenuti anche il commissario straordinario al Comune di Grado, Claudio Kovatsch, alla sua prima uscita ufficiale, e Flavia Moimas, responsabile del Servizio Cultura del Comune di Grado. “Uno degli obiettivi di questa manifestazione – ha detto Kovatsch – è promuovere ulteriormente la conoscenza della storia e del fascino propri di Grado e del suo territorio, per un ideale prolungamento della stagione turistica oltre l’estate”. Flavia Moimas ha sottolineato la ricchezza e la varietà del programma dedicato in particolare alle nuove generazioni, “per le quali – ha commentato – il festival ha sempre avuto una attenzione speciale”.

Protagonisti della rassegna autori ed esperti di spicco, che s’incontreranno “a tu per tu” con il grande pubblico per affrontare il tema, declinato secondo le più diverse angolazioni (editoria e giallo, giallo e cinema, giallo e scuola, giallo a teatro e a tavola), e approfondendolo nel confronto con diversi spunti tratti dall’attualità: dai retroscena di mafia Capitale al business dell’agroalimentare, dal malaffare diffuso alla ferita ancora aperta delle stragi degli anni di piombo.

Il Comitato scientifico di Grado Giallo è coordinato da Elvio Guagnini, docente di Letteratura italiana all’Università di Trieste e tra le ‘anime’ della manifestazione, ed è composto da Sergia Adamo, docente all’Università di Trieste, Franco Forte, direttore editoriale delle collane Mondadori diffuse nelle edicole, e Flavia Moimas, responsabile del Servizio Cultura del Comune di Grado.

Premi

Nel frattempo, la giuria ha selezionato la rosa dei cinque finalisti tra i racconti inediti che hanno partecipato alla IV edizione del Premio letterario Grado Giallo: tra questi sarà scelto il vincitore la cui opera sarà pubblicata nella collana italiana più famosa, i Gialli Mondadori (vedi comunicato allegato), in appendice al romanzo “La collera di Napoli” di Diego Lama, vincitore del prestigioso Premio Tedeschi.

Tanti ospiti di primo piano e numerose partnership

In programma incontri, eventi e conversazioni con numerosi autori, giornalisti e magistrati, tra cui (solo per citarne alcuni) Loriano Macchiavelli, Valerio Varesi, Felice Casson, Francesco Tullio Altan, Alberto Custerlina, Francesco De Nicola, Franco Forte, Hans Tuzzi, Roberto Riccardi, Carlo Mastelloni.

La rassegna si avvale, per il secondo anno consecutivo, della collaborazione della RAI-Friuli Venezia Giulia che presenterà in anteprima il radiodramma di Paolo Pichierri “Il diamante di Grado” per la regia di Mario Mirasola, è inoltre prevista la partecipazione del direttore delle Teche RAI Maria Pia Ammirati con alcune testimonianze storiche degli anni ‘60/’70 di gialli che hanno fatto la storia della televisione italiana.

Il Festival è realizzato dal Comune di Grado con il Dipartimento di Studi Umanistici dell’ateneo triestino e il Giallo Mondadori, si avvale del sostegno della Regione Friuli Venezia Giulia, della CCIAA di Gorizia e della Fondazione Carigo e del patrocinio dell’Università di Trieste e della Provincia di Gorizia. Fondamentale anche la collaborazione con ristoratori ed esercenti gradesi, e con i partner tecnici del festival, Eurocar di Villa Vicentina (Udine) e GIT Grado Impianti Turistici Spa.

Flavia Moimas, Imperdibile l’appuntamento, ormai tradizionale, con le Cene con il Delitto. Coinvolgente e misteriosa serata in giallo, nella quale il pubblico, a tavola per la cena, assiste a un delitto e viene poi invitato a risolvere il caso, interrogando direttamente i sospettati, esaminando gli indizi e formulando un atto d’accusa. Il menu si ispira al genere e anche qui i posti sono limitati. La possibilità di partecipare alla cena è per venerdi 2 ottobre ore 20.00 all’Hotel Laguna Palace, (prenotazioni tel. 0431 85612) e sabato 3 ottobre al Ristorante Piano Bar dell’Hotel Astoria (tel. 366 96 18 452).

Il programma

Venerdì 2 ottobre

Alle ore 17.15, al Cinema Cristallo, la cerimonia di apertura del festival, introdotta dal prof. Elvio Guagnini, presidente del Comitato scientifico, con una relazione su “Potere, poteri e misteri”. Poi la parola passerà al senatore Felice Casson, già magistrato e consigliere comunale a Venezia, docente universitario, che parlerà delle “Fabbriche dei veleni”. Alle 18.15, incontro con gli autori Loriano Macchiavelli, che presenterà il suo “Portella della Ginestra” e Valerio Varesi (con “Lo stato di ebbrezza”. Chiusura con Maria Pia Ammirati, su “Il giallo negli archivi della Rai”, con proiezioni (dalle ore 18.45). Alle ore 21, sempre nel Cinema Cristallo, Mario de Luyk presenta la proiezione del film “Timbuktu” (2014), diretto dal regista Abderrahmane Sissako, e candidato all’Oscar 2015 per il miglior film straniero. Nella giornata d’apertura, anche l’avvio di “Grado Giallo Speciale Bambini”, con l’incontro, al Cinema Cristallo alle ore 10.15, “Altan, la Pimpa e altro ”, protagonista il celebre disegnatore Francesco Tullio Altan in un appuntamento ‘a tu per tu’ riservato ai bambini della scuola primaria. Alla Biblioteca civica Falco Marin gli incontri di Damatrà per i bambini con “Il potere delle parole” un percorso dedicato al racconto della vita delle persone che hanno deciso di armarsi di parole per cambiare un po’ il mondo: da Wangari Muta Maathai a Felix a Malala.

Infine, alle ore 20.00 all’Hotel Laguna Palace (prenotazione obbligatoria al tel. 0431 85612), il ritorno di un grande classico di Grado Giallo: la prima delle gettonatissime “Cene con il delitto”, in questo caso offerta dalla compagnia “A tutto tondo”, interpreti Andrea Marchi, Piero Zama, Stefano Pelliconi. “Sahmain” è il titolo della vicenda ambientata in un centro di meditazione spirituale, sul Monte Amiata, chiamato Celestial Meditation Center; proprio la notte del 31 ottobre, durante la celebrazione del rito di Sahmain, la proprietaria del centro viene colpita a morte… da una mano molto “terrena” e poco “spirituale”.

Sabato 3 ottobre

Sabato si parte con una nuova puntata di “Grado Giallo Speciale Ragazzi e Bambini”: alle ore 10.00 in piazza B. Marin, appuntamento con la straordinaria “Biblioteca dei libri viventi in giallo” (in caso di pioggia si terrà all’Auditorium B. Marin), proposta dalla cooperativa Damatrà. I giovani partecipanti si trasformeranno in libri in carne ed ossa per coinvolgere i coetanei e gli adulti raccontando loro storie misteriose e mirabolanti. E poi laboratori presso i Giardini Oransz con le animatrici della Ludoteca, dalle ore 15.30. Sempre per i più piccoli, alle ore 19, presso la Darsena San Marco, laCena dei misteri che tanto diverte i più piccoli. A tavola per gustare storie un po’ misteriose. Bambini accompagnati, menù fisso, per prenotazioni telefonare al numero 0431.82630.

Alle ore 10.30 di sabato, al Cinema Cristallo, incontro sul tema “Studiare il Giallo”:  coordina il docente e scrittore Francesco De Nicola. L’argomento sarà poi affrontato in due parti: la prima sul “romanzo militare e la spy story”, a cura di Elvio Guagnini, e la seconda sul tema “Il giallo e la cultura cinese e orientale”, con gli interventi di Maurizio Gatti e Lavinia Benedetti.

Dalle ore 15.30, nella stessa sede, un incontro dedicato a un tema di grande interesse, che non mancherà di destare curiosità e suscitare riflessioni: “Letteratura, legge e procedimenti investigativi”. Introduzione a cura di Sergia Adamo, a seguire gli interventi di Carlo Mastelloni, su “Stragismo e difficoltà investigative”, di Roberto Riccardi su “La firma del puparo”, di Pierluigi Granata su “I crimini dei colletti bianchi” per concludere con la presentazione de “Il tempo non cancella” di Roberta De Falco.

Alle ore 18.30, ancora nell’ex cinema Cristallo, l’attesa cerimonia ufficiale di consegna dei Premi Letterari Grado Giallo e Alberto Tedeschi edizione 2015: presenterà il giornalista Alessandro Mezzena Lona, vincitore del Premio Grado Giallo 2013, e interverranno Franco Forte (editor della collana Gialli Mondadori e ispiratore del Premio Grado Giallo), Cecilia Scerbanenco, figlia del celebre scrittore di gialli Giorgio Scerbanenco, e il prof. Elvio Guagnini.

Per chi desidera andare alla scoperta di Grado, alle ore 18.00, torna, a grande richiesta, la visita guidata ai misteri di Grado con la guida esperta di Roberta Bressan.

Nell’auditorium Biagio Marin, alle ore 21.15, anteprima del radiodramma Il diamante di Grado” di Paolo Pichierri, per la regia di Mario Mirasola (autore della Rai di Trieste).

Con inizio alle ore 20,00 il secondo appuntamento con la “Cena con delitto”, al piano bar dell’Hotel Astoria, l.go S. Grisogono alle ore 20.00 (prenotazione obbligatoria tel. 335356412 oppure 0431.83550).

Domenica 4 ottobre

Ultima giornata del festival domenica 4 ottobre, si inizia alle 10 con “Gialli in passerella: rassegna di novità” una carrellata di gialli con autori del territorio: Patrizia Calamia (La killer senza nome), Sabrina Gregori (Non guardare sotto il letto), Adriano Nascimbeni (Adriano e so fie), Andrea Maggi (Il sigillo di Polidoro).

Alle 11,00 l’incontro con Hans Tuzzi (Il principe dei gigli), Elisabetta Cametti (K. Nel mare del tempo) e l’e-book di Alessandro Mezzena Lona (La via oscura).

Per chiudere la mattinata alle ore 12,00 l’aperitivo con Giovanni Ballarini, presidente della Accademia italiana della cucina, e una riflessione su “Cibo: potere e paura”.

Dalle ore 16, al Cinema Cristallo, conversazioni a tutto campo con gli autori e i loro libri: Franco Forte con “Fuga d’azzardo”, Alberto Custerlina con “All’ombra dell’impero”, Giovanni Negri con “Il gioco delle caste”, Cristina Battocletti con “La mantella del diavolo” e Federico Bonadonna, con “La cognizione del potere”.

Com’è ormai consuetudine, nei giorni del Festival i ristoranti che aderiscono a Grado Giallo proporranno ai loro ospiti menù speciali ispirati al genere e le vetrine di molti negozi si vestiranno di giallo e noir.