giovedì , 5 Agosto 2021
Notizie più calde //
Home » Rubriche » Annunci e proposte » Il Bulfon Piculit Neri 2013 ha vinto il Premio Speciale Terroir all’11° edizione di Autochtona di Bolzano

Il Bulfon Piculit Neri 2013 ha vinto il Premio Speciale Terroir all’11° edizione di Autochtona di Bolzano

image_pdfimage_print

Prestigioso riconoscimento per l’azienda vinicola Emilio Bulfon di Valeriano (Pn), ai piedi delle Dolomiti Friulane: il Bulfon Piculit Neri 2013 ha vinto il Premio Speciale Terroir all’11° edizione di Autochtona, il Forum nazionale dei vini autoctoni che ha visto presenti a Bolzano 82 produttori per un totale di 316 etichette autoctone. Il Premio viene tradizionalmente assegnato all’etichetta che meglio rappresenta l’espressione del vitigno legato al suo territorio di riferimento. Un compito non facile quello della giuria, presieduta quest’anno dalla giornalista statunitense Christy Canterbury, una delle sette donne Master of Wine degli Stati Uniti, che ha decretato i top wine 2014.Autochtona - premiazione A ritirare il premio è stato Lorenzo Bulfon, che affianca il padre Emilio nella gestione dell’azienda.

Piculit Neri - grappoloIl vitigno a bacca rossa Piculit Neri, che trae l’origine del nome da un toponimo locale presente sulle mappe napoleoniche riferito ad una piccola collina, si coltiva da secoli nella pedemontana pordenonese. A recuperarlo, ormai parecchi anni fa, è stato Emilio Bulfon (vero e proprio “pioniere” in Italia della riscoperta e valorizzazione dei vini autoctoni), che lo ha messo a coltura in vigneti terrazzati. Il vino rosso che si ottiene – rosso rubino dal profumo di frutti di bosco con sfumature di vaniglia – è ricco in tannini, strutturato e adatto all’invecchiamento.

La cantina Bulfon, a cui è annesso anche un Agriturismo, fa parte della Via dei Saperi e dei Sapori.

L’azienda Bulfon

La riscoperta di vitigni autoctoni antichi e pregiati coltivati per secoli nella zona pedemontana di questa parte del Friuli rappresenta l’obiettivo primario dell’azienda Bulfon. “Un patrimonio genetico in via d’estinzione – dice Emilio – ma che va salvaguardato come un’opera rara”. Un’attività impegnativa e delicata quella intrapresa da Emilio Bulfon che ha portato a risultati concreti: nel 1991 infatti il Ministero dell’Agricoltura ha incluso nel Catalogo Nazionale delle viti le varietà Forgiarìn, Piculìt-Neri, Sciaglin e Ucelut, nel 2006 la Cjanorie e il Cividin, nel 2007 la Cordenossa. L’azienda si trova a Valeriano, a metà strada tra la cittadina di Spilimbergo e San Daniele del Friuli, coniuga con sapienza innovazioni tecnologiche e antiche tradizioni in campo enologico.

Dispone di una moderna cantina, di un punto vendita e di un’ampia sala di degustazione. Vi è annesso un confortevole alloggio agrituristico.

www.bulfon.it

About Carlo Liotti

Carlo Liotti
Giornalista Pubblicista iscritto all'Albo dei giornalisti da Aprile 2013. Dottore in Scienze e Tecnologie Alimentari. Appassionato di fotografia e di viaggi, capo redattore de ildiscorso.it, reporter/collaboratore per altri canali di comunicazione.

Commenti chiusi.

[fbcomments]
Scroll To Top