martedì , 3 Agosto 2021
Notizie più calde //
Home » Rubriche » Cultura » “JE SUIS CHARLIE”, A MODENA BUK L’ANTEPRIMA DOMENICA 22 FEBBRAIO

“JE SUIS CHARLIE”, A MODENA BUK L’ANTEPRIMA DOMENICA 22 FEBBRAIO

image_pdfimage_print

MODENA –  A poco più di un mese dalla strage di Charlie Hebdo a Parigi, quaranta artisti e maestri della satira italiani riflettono sulla libertà di pensiero e sulla censura: si intitola “Je suis Charlie.La satira riflette su se stessa (ma le viene da ridere)” il volume di Sagoma editore che sarà presentato in anteprima a Modena BUK Festival domenica 22 febbraio (ore 18.30, Sala Wolinski) e che riunisce i testi inediti – composti per l’occasione – di grandi voci del libero pensiero, come Andrea Aloi, Moni Ovadia, Alberto Patrucco, Sergio Staino, Alessandro Betti, Roberto Brivio, Vinicio Capossela, Marco Carena, David Riondino, Fabrizio Casalino, Vincenzo Costantino, Collettivo Democomica 32, Alessandra Faiella, Mauro Fratini, Filippo Giardina, Paolo Hendel e Marco Vicari, Luca Klobas, Velia Lalli, Massimiliano Loizzi, Amadeus, Paolo Migone, Maurizio Milani, Giorgio Montanini, Flavio Oreglio, Max Pisu, Cochi Ponzoni, Saverio Raimondo, Pietro Sparacino, Vincenzo Sparagna, Spinoza.it, Alessio Tagliento, Antonello Taurino, Carlo Turati, Dario Vergassola. Il libro sarà disponibile da mercoledì 18 febbraio nelle librerie italiane e sul sitowww.libridivertenti.it I proventi delle vendite andranno ai familiari delle vittime. Saggi, poesie, ricordi, monologhi, dialoghi, racconti e vignette nelle pagine di “Je suis Charlie”: gli autori hanno voluto convogliare in questo pamphlet le loro riflessioni senza rinunciare all’aspetto più saliente della propria natura, la capacità e la voglia di far ridere, sorridere e, soprattutto, di mettere in moto la mente e i pensieri di lettori e jesuischarliespettatori. Il modo migliore per onorare i caduti di Charlie: non trasformarli in martiri. Alle vittime dell’eccidio parigino di Charlie Hebdo è dedicato un percorso di BUK, “Matite in libertà”: ai quattro grandi artisti di Charlie verranno intitolate le sale del Foro Boario di Modena, perche’ Cabu, Wolinski, Charb e Tignous possano essere ricordati dal pubblico e dai lettori. Domenica 22 febbraio, alle 14 nella Sala Cabu si parlerà di “Fare fumetti, l’evoluzione delle matite”: dalla carta al digitale, dall’edicola al web, dall’editore al crowdfunding com’è cambiato il mestiere del ‘fumettista’. Protagonista sarà Guido De Maria, il celeberrimo ‘padre’ di Supergulp, storico disegnatore di “Epoca” negli anni di Enzo Biagi e firma di centinaia di caroselli indimenticabili. Con lui anche la scrittrice modenese Barbara Baraldi, sceneggiatrice delle storie nella serie originale di Dylan Dog, oltre a Vincenzo Balzano, Ryan Lovelock, Daniele Orlandini. Conduce Stefano Ascari. E alle 18.30, sempre domenica 22 febbraio nella Sala Wolinski spazio a Je suis Charlie: i drammatici fatti di Parigi hanno reso di scottante attualità il dibattito sulla natura, i confini, gli scopi . se mai ce ne fossero – della satira. La raccolta “Je Suis Charlie” sarà presentata dall’editore di Sagoma, Carlo Amatetti, con diversi autori.

INFOBUK: www.bukfestival.it

 

About Redazione

Redazione
Il discorso è composto da idee, parole, fatti ed esperienze con il fine di in-formare coscienze libere e responsabili. Le cose sono invisibili senza la luce, le parole sono vuote senza un discorso.

Commenti chiusi.

[fbcomments]
Scroll To Top