martedì , 18 Maggio 2021
Notizie più calde //
Home » Rubriche » Cultura » Il progetto Trans2Care alla Notte dei Ricercatori – NEAR, Trieste-Next

Il progetto Trans2Care alla Notte dei Ricercatori – NEAR, Trieste-Next

image_pdfimage_print

Ill progetto strategico Trans2Care, coordinato dall’Università di Trieste e finanziato dal Programma per la Cooperazione Transfrontaliera Italia-Slovenia 2007-2013, parteciperà alla Notte dei Ricercatori con un ricco programma, realizzato dai quattordici ricercatori italiani e sloveni del progetto. Presso lo stand dell’Università, in piazza dell’Unità d’Italia, dalle ore 9 alle 23, gli studiosi hanno organizzato attività di vario tipo, tutte gratuite e aperte al pubblico di ogni età, finalizzate a far meglio comprendere come la scienza possa calarsi nel nostro quotidiano e diventare un utile strumento al servizio del cittadino. Il pubblico avrà modo di incontrare in modo informale i ricercatori, persone normali che fanno un lavoro speciale, pronti a raccontare le proprie attività scientifiche e la dimensione quotidiana della ricerca.

Attività per studenti e giovani atleti

Intensissimo il programma ideato per i giovanissimi allievi delle scuole, realizzato con il supporto dell’Immaginario Scientifico. Le attività proposte hanno intercettato l’interesse di alunni, professori e giovani atleti: sono attese 11 classi nella mattinata di venerdì 27 settembre e, nel pomeriggio, i gruppi della Società Sportiva Trieste Trasporti.

Due i temi portanti che i ricercatori vogliono discutere con i visitatori: ci si  concentrerà soprattutto sul doping – cos’è, perché è pericoloso per la salute e perché danneggia le relazioni interpersonali – e sull’importanza di una corretta alimentazione per mantenersi in buona salute.

Il doping

Nella mattinata di venerdì 27 settembre, sette classi di allievi delle scuole primarie e secondarie di primo grado impareranno dall’esperto Dott. Lovro Ziberna (Università di Trieste) come si svolgono i controlli anti-doping degli atleti che partecipano a competizioni di alto livello come le Olimpiadi o i Campionati del mondo.

Anche nel pomeriggio, mentre giovanissimi atleti si cimenteranno in gare sportive in Piazza Unità, il dott. Lovro, i suoi colleghi e alcuni studenti volontari spiegheranno l’importanza di gareggiare nel rispetto delle regole e della propria salute.

Una sana alimentazione

Altre quattro classi di scolari visiteranno lo stand 1 dell’Università, e arriveranno alla postazione di Trans2Care per apprendere insieme ai ricercatori quali siano i cibi più sani e perché è importante iniziare sin da piccoli a conoscere le proprietà degli alimenti. Inoltre, con linguaggio semplice e modalità interattive, sarà loro spiegato come controllare il proprio peso e quali sono gli indicatori di salute presenti nel sangue.    

Fame di salute

Per fornire ai visitatori un utile promemoria da portare con sé, è stata realizzata “Fame di salute”, una brochure gratuita in versione bilingue (italiano e sloveno), dalla veste grafica accattivante, che riassume alcuni principi guida per uno stile di vita sano e un’alimentazione corretta. La realizzazione della rivista è il risultato di una collaborazione tra i ricercatori del progetto Trans2Care e gli esperti della Lega Italiana per la Lotta contro i Tumori (LILT), dell’Azienda per i Servizi Sanitari n. 1 Triestina e del Servizio Sostenibilità, innovazione e valori di COOP Consumatori Nordest. Un’alleanza dettata dalla consapevolezza che le malattie dovute a scorrette abitudini e stili di vita – tra questi: sedentarietà, sovra alimentazione, scarso consumo di frutta e verdura – non solo hanno pesanti conseguenze sul benessere individuale, ma anche crescenti, e presto insostenibili, costi sociali.

Per arginare l’emergenza attesa nelle prossime decadi, quando la popolazione anziana sarà prevalente e inevitabilmente afflitta da malattie croniche, Trans2Care, LILT, ASS1 e COOP hanno dunque unito le forze e stanno lavorando insieme per promuovere stili di vita virtuosi e sostenibili.

Oltre al formato cartaceo, reperibile presso lo stand in Piazza Unità e distribuito anche da LILT, ASS1 e COOP, la brochure “Fame di salute” si può leggere e scaricare gratuitamente anche onlinehttp://books.trans2care.eu/famedisalute

 RACCONTI / STORIES :  Altro appuntamento consigliato è quello con il volto umano della scienza. I ricercatori degli enti del sistema scientifico di Trieste si sveleranno nello Speaker’s corner, dando spazio anche alle domande del pubblico. I racconti saranno piacevolmente intervallati dalle note jazz del Conservatorio Tartini.  Alle ore 17, un ricercatore di Trans2Care, Lovro Ziberna, rappresenterà l’Università degli Studi di Trieste con un intervento (in lingua inglese) dedicato alla passione per la ricerca scientifica, la salute e lo sport.

La Notte Europea dei Ricercatori è un’iniziativa promossa dalla Commissione Europea che dal 2005 fa incontrare i ricercatori con il grande pubblico in differenti città europee il quarto venerdì di settembre. È un’occasione straordinaria per avvicinare, in modo divertente, il pubblico di ogni età al mondo della ricerca, per aprire uno spazio di incontro e dialogo con i cittadini e per sensibilizzare i giovani alla carriera scientifica. Anche Trieste aderisce alla manifestazione, coordinata dall’Università degli Studi in collaborazione con il Comune e la rete scientifica cittadina, ribattezzata però NEAR – North-East Researcher’s Night, poiché tra i partner di questa edizione spiccano anche enti e istituti di Udine, Padova, Venezia e Verona.

Per informazioni: www.near-nottedeiricercatori.it

I ricercatori di Trans2Care spiegano il doping a studenti e sportivi di ogni età

Cos’è il doping? Perché è pericoloso per la salute? Come mai, oltre al nostro fisico, danneggia anche le relazioni interpersonali? A queste e altre domande risponderanno i ricercatori di Trans2Care, a disposizione del pubblico nel villaggio della scienza creato nella splendida Piazza Unità d’Italia a Trieste, in occasione della Notte dei Ricercatori, venerdì 27 settembre. Presso lo stand dell’Università, dalle ore 9 alle 23, gli studiosi hanno organizzato attività di vario tipo, tutte gratuite e aperte al pubblico di ogni età e finalizzate a far meglio comprendere come la scienza possa calarsi nel nostro quotidiano e diventare un utile strumento al servizio del cittadino. E degli sportivi, in questo caso: tra le iniziative, i ricercatori hanno infatti ideato una simulazione di controllo antidoping che avverrà in tempo reale, assemblando una vera a propria squadra investigativa. La proposta per questa attività ha avuto grande successo tra i giovani studenti, che hanno aderito con entusiasmo all’iniziativa.

Nella mattinata di venerdì 27 settembre, sette classi di allievi delle scuole primarie e secondarie di primo grado impareranno dall’esperto Dott. Lovro Ziberna, ricercatore di Trans2Care per l’Università di Trieste, come si svolgono i controlli anti-doping degli atleti che partecipano a competizioni di alto livello come le Olimpiadi o i Campionati del mondo.

Nel pomeriggio, mentre giovanissimi sportivi si cimenteranno in gare sportive in Piazza Unità, il dott. Lovro, i suoi colleghi e alcuni studenti volontari spiegheranno l’importanza di gareggiare nel rispetto delle regole e della propria salute.

I ricercatori saranno a disposizione del pubblico anche per spiegare come calcolare la propria massa corporea e per raccomandazioni personalizzate, che incoraggino i visitatori a nutrirsi in modo corretto e ad adottare uno stile di vita sano.

About Enrico Liotti

Enrico Liotti
Giornalista Pubblicista dal 1978, pensionato di banca, impegnato nel sociale e nel giornalismo, collabora con riviste Piemontesi e Liguri da decenni.

Commenti chiusi.

[fbcomments]
Scroll To Top